Intervista con l’artista e graffiti writer Chen Dongfan

Chen Dongfan è un artista nato a Zibo, nella provincia dello Shandong, che attualmente vive a New York.

Ha ottenuto il suo B.F.A. in Experimental Art alla China Academy of Art, Hangzhou. Ha partecipato attivamente a vari progetti di arte pubblica e creato dipinti spaziali su larga scala a New York, Hangzhou (Cina), Torino (Italia) e Atene (Grecia). Inoltre ha esposto il suo lavoro in mostre ed esposizioni in gallerie d’arte. Chen Dongfan ha vinto un concorso per dipingere un murale gigante (445.93 metri quadrati) nella Doyers Street di Chinatown: “La canzone del drago e dei fiori” in cui gli spettatori potevano interagire ed essere coinvolti con il dipinto.

Facebook | Instagram | Fou Gallery

CinaOggi: Cosa ti ha spinto a diventare un artista, come hai iniziato la tua carriera artistica?

Dongfan Chen: C’è un proverbio cinese che dice “A tre anni sembra cresciuto, a sette anni sembra vecchio”. Per me ha davvero senso. Se ripenso, ciò che mi ha fatto diventare un artista probabilmente è partito da quando ero giovane e mio padre aveva appeso le mie foto al muro. Quelle erano, immagino, le mie prime mostre. Qualcuno doveva solo venire a trovarmi e mio padre sarebbe stato orgoglioso di fare la sua dichiarazione. Dopodiché, che fosse una vacanza o il compleanno di un parente più grande, mi sarei sempre preso briga di pensare a lungo a cosa dipingere per farne un regalo ―- Mi sono reso conto che ciò in cui ero migliore non era divertente solo per me; avrebbe potuto anche spostare quelli intorno a me. Questo mi ha costretto fin da piccolo ad affinare le mie capacità e cercare un modo per creare arte liberamente.

The Song of Dragon and Flowers
L’artista Chen Dongfan ha trascorso 8 giorni per realizzare un murale direttamente sull’asfalto di Doyers Street su 445.93 metriquadrati, con l’assistenza del Dipartimento d’arte e dell’unità dello spazio pubblico del Dipartimento dei trasporti di New York, Chinatown Partnership, FouGallery e ArtBridge. Per evidenziare il significato di Doyers Street nella storia dell’immigrazione della comunità americana asiatica, Chen Dongfan ha creato The Song of Dragon and Flowers. L’artista ha scelto di catturare l’anima e lo spirito del drago, come incarnazione visiva dell’area e del durevole patrimonio culturale cinese. I fiori sono un simbolo di pace in risposta alla ricca storia di Chinatown. Insieme compongono una canzone con ritmo esuberante e dinamico.

Cosa rappresenta l’arte per te? Qual è la tua filosofia artistica? Cosa vuoi dire con le tue opere?

L’arte è il mio modo di stare con il mondo; rappresenta tutto ed è il mio quotidiano.
Mi piacciono le cose positive, aspirazionali e felici; arte pragmatica, pura e vivace. Non c’è davvero null’altro che io voglia esprimere attraverso il mio lavoro. Nel processo di creazione, faccio del mio meglio per avvicinarmi a qualcosa di reale e duraturo. Anche se è solo un istante nel tempo, ancora, essere in grado di crogiolarsi in quella strana e sacra aura rende tutto il lavoro utile.

Quali sono le tue fonti d’ispirazione?

Tutto nella vita di tutti i giorni può diventare una fonte d’ispirazione per me. Musica, film, lettura, viaggi: tutto ciò che arricchisce la mia vita.

Ci sono delle tue opere legate ad un momento significativo della tua vita?

Ogni fase della vita è importante. Inoltre non sarà mai ripetuta. Nella mia mostra personale del 2017 a Hangzhou “Heated Bloom” c’era un’opera, un grande pezzo di installazione dipinto che mostrava una figura reclinata, un mazzo di fiori sul petto, fiori che dalla loro fioritura all’inizio della mostra erano appassiti alla fine . Il titolo, “Heated Bloom”, deriva dal motto in cinese di mio padre “Duan-lian” (per rafforzare, temperare, allenarsi, affinare OPPURE: allenare le proprie abilità). È morto di cancro un anno fa ed è ancora difficile per me venirne fuori. Prima della mostra, ho coperto la facciata della galleria con occhi colorati. Spero che nelle diverse fasi della nostra vita, il calore degli sguardi passati non si estingua e non si dissipi.

Puoi parlarci della tua enorme opera d’arte murales a Chinatown? Come nasce l’idea?

Doyers Street è la via più antica e più famosa di Chinatown ed è il primo posto a cui si è fatto riferimento. Più di un secolo fa, di fronte alle normative sleali sugli immigrati cinesi, la comunità cinese si è frammentata e si è trasformata in varie fazioni, conflitti e spargimenti di sangue che sono continuati senza sosta. Sebbene la stessa strada non sia così lunga, vi sono stati numerosi colpi di scena, angoli in cui le fazioni armate rimasero in attesa di tendere un’imboscata ai loro avversari. Una volta la strada aveva il più alto tasso di omicidi in tutti gli Stati Uniti e si dice che gli imprenditori della zona dovevano lavare le strade fuori dai loro negozi ogni giorno per pulire il sangue. Doyers Street è stata definita “Bloody Angle” e anche oggi è tristemente famosa nelle sue interpretazioni di Hollywood.

Fare un dipinto su Doyers Street era qualcosa che nessuno aveva mai fatto prima. Sia che si pensi all’area come sfondo culturale o alla topografia della stessa strada, per me un drago mi è sembrato l’immagine più adatta allo scopo. Non avrei comunque dipinto un drago cinese immaginario, ma piuttosto cercato di preservare il suo “Qi”, i ritmi vitali e lo spirito, combinandolo con emblemi floreali, qualcosa di amore e pace, astratto e Pop. Era come se un drago si fosse sistemato da solo, allungandosi da un’estremità all’altra della strada di Doyers. Realizzando questo progetto di arte pubblica, speravo di dare un contributo alla mia comunità e far sì che più persone prendessero nota della cultura immigrata cinese e della sua storia, delle ingiustizie del passato e dei cambiamenti pacifici del presente. L’arte può rompere le barriere tra le culture, mentre allo stesso tempo tocca i cuori e le menti delle persone.

Intervista Chen Dongfan
Where is the happiness – Dov’è la felicità 幸福 在 哪 ⾥ 里 里
©Chen Dongfan 陈栋帆
Hangzhou, Cina 2011
929.03 Metriquadri
Con il processo di urbanizzazione in Cina e la riqualificazione delle comunità portate da fascia alta residenziale, qual è la posizione della cultura della comunità autoctona? Per rinnovare correttamente i villaggi in questa fase di transizione, il governo era attivamente alla ricerca di soluzioni creative e propenso a pratiche politiche sperimentali. A questo proposito, il governo di Hangzhou ha invitato l’artista Chen Dongfan a partecipare al rinnovamento della strada. Il suo progetto di arte pubblicaconsisteva in quattro murales, ciascuno su un edificio, rispettivamente intitolato alle quattro stagioni: Primavera, estate, autunno e inverno, raffiguranti il modo di vivere e lavorare in pace e contentezza. Hanno anche simboleggiato la ricerca di “cos’è una vita felice”.

Questo era un progetto sostenuto dal Dipartimento dei trasporti di New York City (NYC DOT) in collaborazione con la Chinatown Partnership Local Development Corporation. La mia proposta è stata ricevuta da ArtBridge con il supporto di Fou Gallery per essere approvata all’unanimità da una commissione di giudici e poi realizzata senza intoppi a luglio.

Intervista Chen Dongfan
Uncertain – Incerto 忐忑
© Chen Dongfan 陈栋帆
Hangzhou, Cina 2010
Questo vecchio blocco si trova nel vivace centro di Hangzhou e il governo locale ha invitato l’artista Chen Dongfan a partecipare al suo rinnovamento stradale. Chen ha applicato il tema di “amore, felicità e condivisione” per dipingere murales colorati sui due edifici alle estremità della strada, facendo eco l’uno all’altro. I murales si ergevano come miraggi in città, illustravano una fiaba innocente con forme figurative e astratte come cielo stellato, sirena, gatto addormentato, fuochi d’artificio e giochi per bambini. Questo è stato il primo murale urbano a Hangzhou che è stato ampiamente discusso e ben noto attraverso i social media, la televisione, i giornali e la radio.

Quanto tempo ci è voluto per completare l’intero progetto? Quali sono le principali difficoltà che hai riscontrato?

Ho dipinto per un totale di otto giorni. Tuttavia, ogni giorno dovevo lavorare otto ore, curvo sotto il sole caldo, quindi l’esaurimento era un problema. Ho improvvisato sul posto e non c’era nessuna bozza da cui partire, un po’ come la pittura d’azione. Per questo motivo il mio stato mentale e le risposte in sito erano entrambi vitali, ma anche aperte all’influenza delle distrazioni ambientali. C’era molto che era impossibile controllare nel processo decisionale. Ciò ha reso il tutto un’avventura tanto angosciante quanto rinvigorente. C’ è stato un momento che stavo in piedi con il pennello in un angolo quando, abbagliato, sentivo il tempo e lo spazio in qualche modo scivolare. Dal luccichio di lame, ombre, il terreno inondato di sangue, a oggi e all’intera strada un’opera d’arte in splendore multicolore. Improvvisamente mi sono sentito molto commosso questa è New York!

Intervista Chen Dongfan
Fairy Tale – Fiaba 童话
© Chen Dongfan 陈栋帆
Hangzhou, Cina 2009

Durante la creazione delle tue opere d’arte a Chinatown, eri vicino alle attività cinese-americane. Quali sono le principali differenze che hai notato tra loro e i cinesi dell’entroterra?

Tutti erano così entusiasti, molti hanno portato i loro bambini appositamente per vedere la mia opera. Ora mi sono trasferito a LES trayʼve e sono diventati tutti i miei vicini.

Nulla è diverso, ma i cinesi all’estero hanno un maggiore senso di identità culturale; apprezzano molto il modo in cui la loro comunità ha progredito e prosperato.

Vivere in America ha cambiato il tuo modo di vedere il mondo e fare arte?

Vivere a New York potrebbe aver arricchito la mia esperienza di vita, ma non ha influito sulla mia visione del mondo. La mia pratica artistica non cambierà a causa della città. La vita a New York è sia il paradiso che l’inferno e il mio stile di vita qui è stato radicalmente modificato.

La cosa più grande che ho guadagnato è una vita stabile e una calma interiore― So che è incredibile, ma è davvero così.

Puoi condividere con noi qualche storia dietro ad un tuo progetto artistico?

Prendendo l’autobus con mia moglie, due eleganti signore bionde mi salutarono, madre e figlia. Si erano vestite in modo particolare quel giorno e venivano dalla parte superiore orientale in autobus per visitare Chinatown e vedere il mio lavoro. Si è scoperto che era l’ottantesimo compleanno della madre. Aveva appreso del mio lavoro da un articolo del New York Times.

Venire appositamente a vedere il mio lavoro era stato il suo ottantesimo regalo di compleanno per se stessa.

Qual è la tua esperienza come artista nell’era dei social media? Pensi che i benefici siano più per l’artista o per gli utenti?

Quando si tratta di progetti di arte pubblica, i social media sono davvero un ottimo strumento di riferimento. È un ottimo mezzo per documentare le interazioni delle persone con il lavoro e trasmetterlo all’esterno.

È stato grazie alla nascita di Wei Bo (il sito del blog cinese) che il mio progetto di arte pubblica del 2010 è diventato famoso. È stato divertente quando un amico mi ha detto entusiasta che una volta ero uno degli argomenti più cercati sul sito, anche se in realtà non avevo un account. Il progetto dell’anno scorso è stato anche fotografato da molti visitatori che hanno caricato le immagini su Instagram. Instagram è una piattaforma di social media su cui gli utenti condividono principalmente immagini. Ho visto un gran numero di cose molto creative lì. Ero molto entusiasta di vedere come funzionavano queste opere per invogliare la partecipazione pubblica al pezzo e ho intenzione di fare una raccolta di tutte le immagini dai social media e produrre una piccola pubblicazione sulla ricreazione del mio lavoro attraverso i social media.

Intervista Chen Dongfan
©Chen Dongfan 陈栋帆
Chen Dongfan Studio 2018

Puoi darci alcune informazioni sui tuoi prossimi progetti?

Quest’anno ho iniziato a scrivere un libro settimanale per piccoli artisti, ciascuno in media di circa 20 pagine. Entro la fine dell’anno ci saranno un totale di cinquanta due volumi. In questo momento sono arrivato al numero ventinove.

Foto cortesemente concesse da Chen Dongfan
Un ringraziamento speciale a Fou Gallery

Previous

Cooperazione scientifica e innovazione, asse Napoli-Jinan A Città della Scienza delegazione della “software city” cinese

Intervista con l’illustratrice Dodolulu

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.