Scontri a Hong Kong fra manifestanti e la polizia per il disegno di legge sull’estradizione

  1. Casa
  2. /
  3. Blog
  4. /
  5. News dalla Cina
  6. /
  7. Scontri a Hong Kong...

In occasione del primo luglio, anniversario del passaggio di consegne tra Gran Bretagna e Cina per quanto riguarda il controllo di Hong Kong, è stata organizzata una grande manifestazione pacifica per onorare il principio di “un paese, due sistemi”.

Articoli correlati: Intervista a Man-Kei Tam, direttore di Amnesty International Hong Kong

Secondo i manifestanti questo principio è stato sconfessato dall’iniziativa della governatrice di Hong Kong con il disegno di legge sull’estradizione in Cina, apparentemente voluto per facilitare e semplificare la cattura di criminali, ma che in realtà, secondo i critici e i manifestanti, verrà utilizzato per erodere la sempre più limitata indipendenza di Hong Kong, sancita dalla Basic Law, estradando in Cina le voci dissonanti.

Già due settimane fa questo disegno di legge aveva innescato le proteste di buona parte della popolazione di Hong Kong che era scesa in piazza in varie occasioni per protestare contro il governo, considerato troppo zelante nei confronti dell’autorità centrale cinese.

Mentre è iniziata una marcia pacifici che parte da Victoria Park fino ad arrivare a Central, dall’altra giovani manifestanti sono impegnati con degli scontri contro la polizia fuori dalla sede del governo.

La polizia, in assetto anti sommossa, in attesa dentro il Consiglio Legislativo di Hong Kong, ha cercato di comunicare con i manifestanti utilizzando un microfono.

Alcuni ufficiali si sono avvicinati ai manifestanti intimandoli di non caricare nuovamente.

La tensione è aumentata quando i manifestanti hanno lanciato un carrello della spesa contro le porte dell’edificio.

Nel frattempo, il web cinese come spesso accade in queste occasioni, è tenuto all’oscuro di quanto accade a Hong Kong oppure ne viene data una versione grottescamente distorta.

Previous

La Cina vieta le importazioni di carne dal Canada per avere contraffatto certificati doganali

La Cina ha cominciato ad installare spyware su alcuni smartphone di turisti in viaggio nello Xinjiang

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.