CinaOggi > Società in Cina > La Nuova Moda Cinese: Intervista a Elsbeth van Paridon

La Nuova Moda Cinese: Intervista a Elsbeth van Paridon

Featured image: Photography by Ellen Simons, New York City, 2019. All rights reserved

Elsbeth van Paridon è una sinologa e scrittrice di moda cinese.

È olandese, è cresciuta in Belgio, è tornata in Olanda per studiare Sinologia all’Università di Leida, risiede a Pechino da 6 anni e ½ e più recentemente ha conseguito un Master in giornalismo.

È la responsabile di Temper Magazine, una pubblicazione sulla nuova moda Made in China, sul design e sulla cultura urbana.

Lavora anche a China Under The Radar, un progetto culturale che esplora lo stile di vita urbano ed underground della Cina.

Sito ufficiale | Instagram | Twitter

Intervista di Dominique Musorrafiti

CinaOggi: Sei una sinologa e un giornalista di moda in Cina. Da dove nasce il tuo interesse per la Cina? Come hai sviluppato il tuo interesse per la moda? Cosa ti ha spinto ad iniziare a lavorare e concentrarti sulla moda e lo stile cinese?

Elsbeth van Paridon: Disclaimer: prima che lo dimentichi. Sì, ho appena conseguito un master in giornalismo, ma un dottorato non rende uno un professionista! I giornalisti che trasmettono notizie reali (della stampa) sono tenuti a “sostenere il bar*” (per mantenere regolarmente la loro licenza giornalistica e io non ho fatto nulla del genere. Né lo intendo al momento hehe.

Suppongo che sia quel bivio in cui l’istruzione incontra l’ispirazione e crea passione – una mia parola preferita in qualsiasi lingua, “just another random fact du jour from / on yours truly “ solo un altro fatto casuale del giorno da / per il tuo vero io.

Sono cresciuta negli anni ’80 ad Anversa, in Belgio, (il vecchio stile olandese che amava l’arancio e l’amaro) sono stata esposta ad icone colorate della cultura pop come Madonna, Cyndi Lauper, Prince, ecc., Fin dalla mia prima infanzia e successivamente.

Van Paridon Vanity Issues. Photography by Siren Song, 2019, Beijing. All rights reserved

Questi modelli rompi-limite avevano portato la moda all’avanguardia in nuove direzioni.

I modi in cui hanno giocato con i loro vestiti si sono rivelati affascinanti e accattivanti fin dall’inizio – e rimangono una fonte di ispirazione anche ai giorni nostri.

Sono passati dei decenni (sto un po’ esagerando qui) ed è stato proprio attraverso i miei studi in Sinologia (Università di Leiden, Paesi Bassi) che sono entrata in contatto con i designer cinesi emergenti (in buona fede e ora che spopolano in passerella) come Xander Zhou, le cui idee innovative hanno suscitato un intenso interesse per la scena della moda pionieristica in Cina.

La scena Fashion in Cina è più che la semplice foto di copertina; è la visualizzazione di un panorama sociale in evoluzione.

È lo sfondo accademico che si dota di una comprensione più profonda di una nazione – non solo a livello linguistico, che per me è un dato, ma anche a livello storico, politico e sociale. L’educazione è responsabilizzazione.

Per comprendere il movimento in avanti e per andare avanti in se, bisogna tornare all’inizio. Mettersi nel gergo della moda … Come ogni guardaroba, dalla capsula alla couture commessa: conoscere le basi.

F.I.T. in N.Y.C. Van Paridon With The Either founder and composer Zong Li. Photography by Wang Ping. All rights reserved

CO: Che cosa puoi raccontarci della tua prima volta in Cina? Cosa ti ha ispirato di più?

EVP: Sono stata a Pechino per la prima volta nel 2007 per completare un anno di studi linguistici alla Beijing Language and Culture University con una borsa di studio concessa dall’organizzazione internazionale NUFFIC (L’Aia) – come parte del programma Sinology basato su Leiden.

Sono tornata nella città di tutto ciò che è potente nel 2010 – per lavorare come redattrice di news in inglese e autrice di moda per China International Publishing Group.

Dopo 6 anni e 1/2 di vita lì, ho scelto di seguire un master in giornalismo a casa, in Europa, e ora (avendo recentemente concluso questo sforzo accademico) trascorro il mio tempo tra New York City, l’Europa e la Cina.

Tutto all’insegna della moda, del design e della cultura urbana in Cina.

Model Jennifer Liu during a shoot for Temper Magazine’s “The R-Rated Issue” – coming to global audiences in June 2019 – in Williamsburg, Brooklyn, NTC. All rights reserved

CO: Puoi parlarci della tua rivista cinese sulla moda Temper Magazine e del progetto culturale China under the radar?

EVP: Temper Magazine si propone di contribuire a promuovere la scena ancora in gran parte nascosta, ma dinamica, della moda, del design e della cultura urbana che spunta globalmente a Pechino, Shanghai e in Cina.

Sono presenti dallo streetstyle ai fotografi in erba, i designer affermati e gli ultimi aggiornamenti.

Temper offre ai lettori un ancora un secondo ma sexy look sulla Cina contemporanea attraverso un obiettivo incentrato sulla moda. Spesso associato a una profonda devozione per la scena underground della nazione.

Van Paridon and Able Activist Garrison Redd during a shoot for Temper Magazine’s “The R-Rated Issue” – coming to global audiences in June 2019 – in Williamsburg, Brooklyn, NTC. All rights reserved

Il termine “Made in China” sta subendo la trasformazione definitiva del 21 ° secolo. Questo rapido cambiamento è un fenomeno unico che va oltre le semplici collezioni estate / autunno; sventola la bandiera per i cambiamenti sociali che vibrano all’interno della società cinese oggi in generale.

Scortato dall’influenza sempre più forte di un nuovo modo di pensare tra le giovani generazioni della Cina per quanto riguarda l’individualità e la sua espressione, la scena della moda nel Medio Regno sta esplodendo.

Kiki Zhu for Temper Earrings – available late June 2019, #staytuned. All rights reserved

E si estende ben oltre ciò che incontra l’occhio. Appliqué di fascia alta, si potrebbe dire: The New Made In China – brevetto su questo.

In sintesi, se si tratta di tariffe e razzi nel regno della moda e del design in Cina, Temper è lì. “Inseguendo il drago della moda” – brevetto anche su questo, se volete.

L’ underground urbano è dove inizia il ritmo dei nuovi tamburi sociali. È al di sotto della superficie in cui il nucleo della terra inizia a tremare ed a scuotere i livelli fuori terra. “Sub-” È super. Trending-wise: la Cina è incentrata sulla rivolta urbana giovane, inebriante e congeniale. I post-95 cinesi, in particolare, stanno preparando il passo per il ringiovanimento della nazione.

I loro stili, comportamenti artistici o manierismi catturano ed evidenziano in modo sfrenato i diversi tratti di tutti gli strati della società contemporanea cinese.

Da quel ragazzo cattivo ribelle e indisciplinato ragazzo alla ragazza classicamente equilibrata, molto “Breakfast Club”, ognuno ha il suo temperamento socioculturale esclusivo. Verso la rabbia – non contro la morte della luce, ma alla ricerca di una nuova alba in ascesa.

Volando sotto il radar, il sottosuolo urbano della Cina espande le menti di quelli post anni 80 e 90 che viaggiano e si divertono. I loro temperamenti brillano e in maniere quasi invisibili a occhio nudo balzano alla superficie della società. È l’uscita dalla creatività della Cina.

CO: Come ti è apparsa la moda cinese quando hai iniziato a lavorare in Cina? Come è cambia la moda cinese?

EVP: È una storia di sviluppo economico. Quando guardi la Corea del Sud negli anni ’60 e ’70 o il Giappone negli anni ’80 e ’90, puoi individuare lo schema.

Una nazione ha deciso di modificare il suo sistema politico per aprirsi e diventare più attraente per il mondo esterno – e quindi diventa più suscettibile alle influenze globali.

Lo sviluppo economico, spesso in stile capitalistico (ovvero “un mezzo per un fine”; ahem!), segue e a sua volta stimola un’evoluzione all’interno della società. Una volta che una classe media è in atto, il paesaggio urbano si trasforma in un Walhalla dello shopping e raggiungiamo il passaggio finale dello sviluppo: quello dell’individuo.

Qui, la moda entra in gioco e suona i suoi brani più belli. Qui, viene creato lo stile personale. Qui, l’individuo inizia a usare l’abbigliamento come mezzo per comunicare con il mondo esterno. Qui, la percezione di una società e di una nazione cambia radicalmente.

Revolutionary Women. Image: Online

Abbiamo viaggiato tra le onnipresenti orecchie di Minnie Mouse e FCUK ME, I’M CINESE (perdonami, sono olandese) Magliette nel 2007 dall’elegante brillante stilizzato che è “roba” del designer hardcore nel 2019.

LGBTQ- o Femminismo- marchi ispirati che vantano OTT androginia, designer sostenibili che ballano sulle note di tessuti in feltro tecnico, pazzi bravi ragazzi del Club della colazione che si avventurano nella street-photography e creano le proprie piattaforme WeChat street-style e -photography per supportare il talento in erba nella Cina urbana , artisti del tatuaggio che sfidano sia il tabù sociale che i tabù della censura politica, artisti visivi che catturano la politica di una società che cambia alla velocità della luce e le sue implicazioni per l’umanità urbana … Dagli un nome, lo portano.

“New Youth”. Photographer Tom Selmon shoots for Temper Magazine. All rights reserved

Ultimo dettaglio divertente e alla moda sul lato socio-culturale delle cose:l ’incursione femminile della Cina in lingerie. Shanghai e Pechino sono ora in prima linea in un movimento di lingerie mentre le donne cinesi esplorano la loro femminilità, la sessualità e il vero sé attraverso i loro indumenti intimi.

Dai disegni di lingerie ispirati alla tradizione (imperiale) tradizionali di Pillowbook (designer Irene Lu) o (sul lato più eccentrico) The End Lingerie (per il modello taiwanese e FIT NYC grad Bei Kuo) ad artisti del calibro di Victoria’s Secret e Dutch Hunkemoller hardhitters.

Le donne single cinesi stanno diventando indipendenti e fiduciose. Celebrando i loro corpi, sia dentro che fuori.

NYC-based brand The End Lingerie, founded by Taiwanese model and Parsons’s fashion MFA grad Beikuo, 2019. All rights reserved

CO: La moda è influenzata dall’ambiente che ci circonda e la moda influenza l’ambiente. Qual è la tua percezione dell’industria della moda cinese? Credi che l’impatto globale possa essere un argomento di notevole interesse per alcuni marchi cinesi? Quale pensi sarà il futuro del mercato della moda cinese?

EVP: China Fashion and Design … Dal vecchio marchio “Made in China” maltrattato dagli scandali dei prodotti e infestato da una mentalità da copia-incolla di cheapo-heapo al tag New Made In China che incarnava un esclusivo design di nicchia. Un piccolo inserto artistico e storico per far funzionare le cose: dopo che Mao Zedong dichiarò “aperta” la Repubblica Popolare Cinese nel 1949, tutta l’attività artistica fu istituzionalizzata. Arrivato il 2019, sta diventando individualizzato.

Anche la nuova legione di artisti cinesi della moda post-80 e post-90 riflette un cambiamento nello Zeitgeist culturale cinese. Molti di loro hanno goduto di una formazione profonda e rinomata (il talento da solo non taglierà quella stoffa!) nel design all’estero (Parigi, Londra, New York) e quindi le loro creazioni offrono il meglio di entrambi i mondi. È la fusione di cultura e istruzione a fare una rivoluzione in movimento.

Parlando di ambiente fashion x, vorrei dare una svolta a questo e brevemente evidenziare gli sforzi sostenibili sostenuti provenienti dal Regno di Mezzo e dal suo nuovo esercito di progettazione.

La Cina è stata sempre un produttore di massa di vestiti; alcune stime suggeriscono che il 50 percento degli indumenti mondiali è fabbricato nel paese. In cambio dell’equipaggiamento cinese, prodotto a basso costo, nel corso degli anni si sono verificati gravi impatti ambientali, come le acque reflue, rendendo l’industria dell’abbigliamento il secondo più grande inquinatore dopo il petrolio.

Chen Peng. All rights reserved

Tuttavia, la moda sostenibile sta finalmente perdendo la sua immagine hippie-canapa e sta diventando “cool”. Sembra che l’etichetta “The New Made in China” stia per aggiungere una sfumatura di verde …

Gli swaps di vestiti sono a senso unico, la Cina sta affrontando l’agenda della moda sostenibile e sono in pieno svolgimento.

Nelle grandi città, gli swap sono ospitati da associazioni di beneficenza, negozi e attraverso i social media.

Vivere con meno (简 生活), un progetto basato a Pechino, tiene un incontro a cadenza trimestrale e la gente si incontra in massa per scambiarsi i vestiti, riducendo il consumo eccessivo. Un’idea semplice, un grande impatto.

Social Work Studio. All rights reserved

Gli abiti di seconda mano erano disapprovati e ritenuti “inferiori” agli occhi della Cina tradizionale, anche se oggi sembra esserci un nuovo entusiasmo olistico che circonda il concetto di vestiti che si scambiano mentre i cittadini si lanciano su gioielli / gemme di seconda mano.

Anche i millennial stanno scoprendo nuovi modi per aggirare la mancanza di abiti firmati di qualità. Molti giovani non hanno i fondi per aggiornare costantemente i loro look, la startup cinese di noleggio dell’abbigliamento YCloset ha sfruttato questo.

Tipicamente, un paese di moda veloce, la Cina ora testimonia l’ascesa di marchi costruiti sulla base della sostenibilità. Zhang Na of Fake Natoo ha creato Reclothing Bank (再造 衣 银行), un marchio lifestyle che considera la sostenibilità lungo tutta la catena di fornitura. Ciò che rende questi abiti unici, è il fatto che sono fatti di abbigliamento di seconda mano. Durante la settimana della moda di Shanghai nell’aprile 2018, i modelli “di tutti i giorni” di Zhang portavano un mix di tessuti riciclati e abbigliamento vecchio, insieme a fibre naturali e organiche.

Anche gli abiti sono stati fatti apparentemente da un gruppo di donne che hanno perso il lavoro. È meraviglioso vedere più designer che danno alla moda ecologica un marchio chic. Ancor più, è particolarmente rinfrescante vedere gli outfit in passerella nella città di Shanghai, che spesso è consapevole dell’immagine.

La moda sostenibile promuove un nuovo modo di pensare per la Cina. Mentre il governo promuove la nuova politica “verde” per l’aria pulita, minore uso di carbone e una migliore regolamentazione, diciamo che l’industria della moda è altrettanto importante.

Man mano che l’idea diventa più diffusa e la domanda aumenta, i consumatori cinesi possono rendersi conto che vale la pena pagare un po’ di più per salvare il nostro pianeta (o si può solo sperare che lo facciano). La sostenibilità in Cina è fase di crollo. E di tendenza a lungo termine.

Riassumendo, penso che il futuro del China Fashion combinerà le ultime novità tecnologiche con i punti di vista dei designer più sofisticati che affrontano sottilmente gli argomenti socio-politici. Così creando un nuovo collettivo sia socialmente che sostenibile alla moda.

Yeti Out. All rights reserved

CO: I social media hanno cambiato le abitudini della moda in Cina? Come vedi l’influenza dei social media ora rispetto al passato? Cosa rende la Cina un luogo unico, per la moda, rispetto ad altri?

EVP: Dai ragazzini menzionati in precedenza che hanno installato le piattaforme WeChat e che hanno dato fuoco allo scenario urbano di street photography della Cina, l’ultima novità in termini di abbigliamento swap (p) ing … I social media del Regno di Mezzo sono orgogliosi di un campionato a parte. Cosa significa?

Con: chiunque e nessuno può definirsi designer e impostare la propria piattaforma / mini programma WeChat e fare acquisti;

Pro: tutti possono chiamarsi designer e configurare la propria piattaforma / mini programma WeChat ed acquistare.

Ora ci troviamo di fronte a un sovraccarico di design e arte in stile tsunami, portando insieme tesori e rifiuti, costringendoci così a diventare più particolari e più esigenti riguardo alle nicchie che scegliamo di affrontare e / o target. Dal punto di vista personale, si tratta di separare il grano dalla pula, secondo il gusto ed argomento personale.

Prima di arrivare all’ultima battuta finale, quindi, una piccola festa da faddy “lo sapevi” il fatto! La parola cinese per “moda” (时尚 | shíshàng) nacque solo dopo che i giorni creativamente terribili, “decostruttivisti” della Rivoluzione Culturale della nazione (1966-1976; 文化大革命 | wénhuàdàgémìng in cinese) furono fatti e trattati. La moda e il design in Cina hanno fatto tanta strada, baby. Dal terreno creativo e culturale forzato alle case vestite del design, il collettivo artistico New Made In China incarna l’esplicita raffigurazione di un’insaziabile passione per quel mix seducente e ultimo tra il fashion e il wearable.

Confrontando la cultura emergente cinese dello stile e dell’individualità giovanile (in ogni modo) urbana, si comprometterebbe la valutazione di questa evoluzione e ribellione unica nel suo genere. Nella vita, chi non ama fisicamente la primavera della giovinezza attraverso l’arte e il design? Un giovane marchio per chi lo indossa dovrebbe essere come un filo per un ago.
Quando si tratta del tuo guardaroba, dovrebbe riguardare l’amore e la lussuria, da cima a fondo.
A proposito di lanciare cautela al vento. Ed è proprio questo il tag The New Made In China.

 Dalla barriera fisica, si ottiene il termine “bar” riferito alla professione legale.

Foto cortesemente concesse da Elsbeth van Paridon e Temper Magazine (The New Made In China)

The Temper Magazine Series. #staytuned
Previous

La Cina sottolinea la sua importanza nel mercato delle terre rare: cosa sono e qual è il ruolo della Cina

Intervista a Marco Wong

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.