CinaOggi > Cinema Cinese > Registi cinesi > Intervista a Lu Qingyi, regista del documentario ‘Four Springs’

Intervista a Lu Qingyi, regista del documentario ‘Four Springs’

Lu Qingyi è un regista cinese proveniente da Dushan, nella provincia del Guizhou, nel sud est della Cina.

Lu se ne è andato di casa a 15 anni ed ha svolto numerose mansioni come lavoratore migrante. Durante i 30 anni che ha passato a Beijing, ha lavorato come cantante nei bar, minatore, calciatore, editor e fotografo. Il suo film di debutto ‘Four Springs‘ dipinge lo scorrere delle vite e la routine quotidiana dei suoi genitori.

Gli anni di separazione gli hanno consentito di guardare alla sua famiglia da una nuova prospettiva. Gli stili di vita, le abitudini, e il paesaggio della sua città natale esaltano l’armonia nella diversità. Il documentario racconta le cronache delle attività quotidiane dei suoi genitori.

La vita quotidiana trasmette l’importanza di ricordare le tradizioni poiché fanno parte dell’esperienza di ciascun individuo. Le riunioni, le separazioni e le partenze improvvise: i giorni ordinari hanno un grande significato.

I suoi genitori vivono ogni momento con serenità, resilienza e forte attaccamento a tutto ciò che li circonda.

‘Four Springs’ è stato nominato al Taipei Golden Horse Film Festival 2018. Il film documentario ha vinto il miglior documentario al 12mo FIRST International Film Festival in Xining. Il documentario di Lu Qingyi è semplice ma commovente e questa è la chiave che lo ha reso un successo nei cinema cinesi a livello nazionale.

Intervista di Dominique Musorrafiti

CinaOggi: Da dove viene l’idea di ‘Four Springs’?

Lu Qingyi: Non si tratta di un’ispirazione, quanto di una continuazione di abitudini familiari. I miei genitori si sono sposati nel 1963, ed ogni anno hanno scattato immagini per commemorare alcuni momenti. Sono molto nostalgici della vita familiare.

Sono cresciuto in questa atmosfera e nutro un profondo amore per la documentazione della vita familiare. Da quando sono riuscito a comprare la mia prima macchina fotografica, ho iniziato a scattare innumerevoli foto.

Dopo alcuni anni da fotografo, ho capito che una foto rappresenta solo un istante congelato nel tempo. Tutti i momenti prima e dopo lo scatto sono perduti, non è possibile registrare il passaggio del tempo. Alla fine del 2012 stavo per acquistare una nuova macchina ed invece ho comprato una videocamera ed ho iniziato le riprese.

“Nel 2015, Lu ha visto un’intervista al regista taiwanese Hou Hsiao-hsien, il quale diceva che se vuoi fare un film, lo fai e basta e l’esperienza verrà quando filmi. Così ha deciso di montare i video in un film” China Daily

four-springs

Quanto tempo ci è voluto per realizzare l’intero progetto?

Ci sono voluti quattro anni per le riprese e il montaggio ha richiesto circa due anni.

Quali sono state le maggiori sfide che hai incontrato nella realizzazione di “Four Springs”?

La sfida più grande è stata lo sforzo fisico perché allo stesso tempo (lavorando da solo, ndr) devi considerare le immagini e il suono. Quando componi l’immagine, dovresti anche considerare l’audio. È difficile fare queste cose da solo. Inoltre, voglio sempre riprendere lo spazio da più angolazioni, devo correre da una parte e dall’altra, portando una borsa pesante e un treppiede, è tutto ciò può diventare molto faticoso.

La morte di un figlio o di una figlia è un momento molto difficile per i genitori. La vitalità dei tuoi genitori li ha fatti ballare dopo aver pulito la tomba di tua sorella maggiore. Dove trovano la loro forza per andare avanti e affrontare la vita di tutti i giorni dopo questo lutto?

Forse hanno gradualmente capito la vita e hanno davvero sentito che la vita e la morte degli esseri umani non possono essere evitate. Sono abituati a mostrare una forte vitalità in ogni circostanza.

“La felicità della vita è vedere che la propria vitalità lascia un segno: la vita è bella e si dovrebbe trovare la forza quando si affrontano le difficoltà”, ha detto Lu alla premiere del film il 2 gennaio a Pechino. China Daily

four-springs

I tuoi genitori sono stati sposati per oltre 50 anni e ancora sono profondamente innamorati. Come affrontano i disaccordi? Come li risolvono? Che consiglio pensi potrebbero dare alle giovani coppie per creare un matrimonio di successo che riesce a vivere tra dolore e felicità?

Nella mia memoria, non hanno mai avuto un disaccordo e hanno affrontato insieme le sfide del destino. Mio padre una volta mi ha detto che quando due persone hanno la fortuna di incontrarsi nella vita, si dovrebbero amare. Ognuno ha vantaggi e svantaggi. Questi dovrebbero essere accettati come un mutuo beneficio.

Il film di 105 minuti è stato montato utilizzando oltre 250 ore di registrazioni. Puoi condividere con noi qualcosa che non è stato selezionato per il montaggio finale e che ha un significato particolare per te?

Poiché lo scopo originale delle mie riprese era quello di registrare la vita, tutte le clip sono significative per me, anche se non le ho inserite nel lungometraggio, rimangono comunque nell’inventario della mia memoria. Quando guardo queste clip, riesco ad avere una comprensione più profonda della mia famiglia, della mia città natale e anche della mia vita.

four-springs

Il tuo progetto è molto personale: un diario d’amore sulla tua famiglia. Qual è la reazione del pubblico? Quale messaggio vorresti trasmettere?

Dopo che il film è stato mostrato, il pubblico ha risposto con grande entusiasmo. Alla maggior parte di loro è piaciuto e hanno accolto i miei genitori e la mia famiglia con profondo affetto.

Sono molto commosso. Sono molto grato a tutti. Volevo solo mostrare i miei cari, i miei amati genitori, e lasciare che più persone vedessero la loro bellezza. Questo è il regalo che voglio dargli.

“Ha smesso di registrare dopo il Festival di Primavera del 2016. Lu ha spiegato che ha maturato questa decisione perché ha notato che i suoi genitori stavano invecchiando molto più velocemente dopo la morte di sua sorella.” China Daily

Come regista indipendente di documentari che ha realizzato un film a basso costo che è riuscito a raggiungere il grande schermo in Cina, che consiglio vorresti dare ai giovani registi emergenti?

Perdonami, davvero non ho molta esperienza in questo settore. Forse potrò dare qualche consiglio dopo che avrò accumulato maggiore esperienza in futuro.

Puoi dirci qualcosa sul tuo prossimo progetto?

Al momento sono in discussione diversi progetti. Vorrei realizzare un film drammatico.

Un ringraziamento a Fortissimo Films per la collaborazione

Previous

La Cina vuole vietare le criptovalute

I film cinesi, di Taiwan e Hong Kong presentati al Far East Film Festival 2019

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!