CinaOggi > Attualità in Cina > L’ex capo dell’Interpol, arrestato in Cina, è stato espluso dal PCC

L’ex capo dell’Interpol, arrestato in Cina, è stato espluso dal PCC

Meng Hongwei, 65 anni, l’ex capo dell’interpol scomparso lo scorso autunno in Cina, e poi riapparso sotto stato di accusa da parte del governo cinese, è stato ufficialmente accusato di abuso di potere ed espulso dal Partito Comunista Cinese.

Articoli correlati: l’anno delle persone scomparse in Cina , La Cina conferma l’arresto di Meng Hongwei

Meng Honwei è stato anche membro del comitato centrale del partito.

E’ stato anche accusato di avere incoraggiato la moglie ad utilizzare il suo status per perseguire i propri interessi.

La Commissione centrale per le ispezioni disciplinari ha detto che la Commissione Centrale del Partito Comunista Cinese ha anche approvato un’indagine su Meng, che è stato membro della stessa commissione ed ha ricoperto il ruolo di vice-ministro per la pubblica sicurezza.

Il comitato per le indagini ha accusato Meng di avere abusato della sua posizione per il raggiungimento di interessi personali e di sperpero di denaro pubblico per sostenere “lo stile di vita stravagante della sua famiglia”.

Secondo il resoconto, tutti i beni acquisiti grazie alle attività illecite di Meng sono stati confiscati.

Meng aveva scalato la gerarchia del partito fino a divenire capo dei servizi di sicurezza pubblici del paese e nel 2004 capo dell’ufficio cinese dell’Interpol, e primo presidente cinese dell’organizzazione nel 2016.

Lo scorso 25 settembre, è scomparso dopo essere giunto in Cina dalla Francia.

Una volta tornato in patria, aveva inviato alla moglie Grace Meng un’emoji di un coltello, forse volendo alludere a qualche pericolo.

Grace Meng ha denunciato alla polizia francese la scomparsa del marito il 4 ottobre, ed è stata messa sotto protezione, dopo avere ricevuto alcune telefonate di minacce.

All’inizio di quest’anno ha chiesto asilo politico alla Francia.

Il 6 ottobre Interpol aveva richiesto al governo cinese informazioni su Meng.

Il comitato di indagine rispose il giorno successivo confermando la detenzione.

Secondo l’agenzia francese France-Presse, Grace Meng, non è riuscita più a comunicare con il marito da allora ed ha richiesto al presidente francese Emmanuel Macron di discutere la questione durante il recente tour di Xi Jinping in Europa.

Previous

Il Presidente Xi Jinping incontra Macron dopo l’Italia

La Cina mette la produzione di fentanyl e analoghi sotto controllo

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!