CinaOggi > Arte cinese > Il fotografo Lu Guang è stato arrestato nello Xinjiang, dice la moglie

Il fotografo Lu Guang è stato arrestato nello Xinjiang, dice la moglie

Scomparso da qualche giorno, il celebre fotografo Lu Guang, 卢广, narratore delle miserie del popolo cinese attraverso numerosi servizi fotografici di fortissimo impatto che raccontavano le vite disperate degli ultimi, è stato portato via da alcuni agenti di sicuerezza nella tormentata regione dello Xinjiang.

Lu Guang stava viaggiando nella regione occidentale il 3 novembre quando la moglie, Xu Xiaoli, ha perso ogni contatto con lui.

Aveva incontrato alcuni fotografi ad Urumqi, capitale della regione, una settimana prima e avrebbe dovuto incontrare un amico il 5 novembre nel Sichuan.

Un amico della moglie ha contattato le autorità che hanno risposto che il fotografo insieme ad un collega è stato trattenuto dagli agenti di sicurezza che lo avrebbero riportato nel Zhejiang, sua regione natale.

Da anni l’apparato di sicurezza cinese nella regione autonoma dello Xinjiang, a maggioranza musulmana, si è rafforzato per combattere le “minacce terroristiche”.

La moglie Xu, in un’intervista telefonica, ha detto che questa è stata la prima visita di Lu Guang nella regione.Abbiamo contattato Patrick Poon, ricercatore di Amnesty International (leggi qui la nostra intervista a Patrick Poon) il quale ci ha detto che l’arresto di Lu può essere collegato alla situazione nella regione.Ci ha detto:”Crediamo che l’unica spiegazione logica della sua scomparsa nello Xinjiang è che le autorità cinesi possano essere spaventate dal fatto che Lu Guang possa avere delle foto che mostrano la reale condizione nello Xinjiang. Non vi sono altre ragioni per una scomparsa di questo tipo. Le autorità cinesi non hanno il diritto di privarlo dei suoi diritti, dall’incontrare un avvocato di sua scelta, e comunicare con la sua famiglia. Invitiamo il governo cinese a rilasciare informazioni sul suo stato e garantire che non è stato soggetto a tortura o ad altri maltrattamenti durante il suo periodo di detenzione”.La carriera di Lu Guang è stata caratterizzata da un’attenzione particolare verso gli ultimi e i poveri.

La sua attività di fotografo, lo ha portato a testimoniare la vita delle “persone ai margini della società cinse: minatori, drogati, malati di AIDS”.

Di seguito potete visionare alcune gallerie che ha realizzato Lu Guang sulle condizioni di un villaggio dove la maggior parte degli abitanti eran infetti dall’AIDS dopo aver venduto il proprio sangue per sopravvivere, e un’altra galleria sull’inquinamento in Cina.

Previous

La “Principessa di Huawei”, Meng Wanzhou, la figlia del fondatore di Huawei, arrestata in Canada, rischia l’estradizione negli Stati Uniti

La battaglia tra Qualcomm ed Apple in Cina

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.