La "Principessa di Huawei", Meng Wanzhou, la figlia del fondatore di Huawei, arrestata in Canada, rischia l'estradizione negli Stati Uniti

Meng Wenzhou è conosciuta in Cina come la "Principessa di Huawei"

0
meng-wanzhou arrestata

Meng Wanzhou, 孟晚舟, direttrice finanziaria di Huawei, il gigante hi-tech cinese, è stata arrestata in Canada e rischia l'estradizione negli Stati Uniti.

Meng Wanzhou, conosciuta anche con il nome di Sabrina Meng e Cathy Meng, è stata fermata il primo dicembre a Vancouver, secondo il portavoce del dipartimento di giustizia canadese Ian McLeod.

Oltre ad essere direttrice finanziaria, è vicepresidente del board del gruppo.

Chi è Meng Wanzhou

Meng Wanzhou è la figlia del fondatore Ren Zhengfei.

Non si sa molto di Meng Wanzhou, nata nel 1972.

La prima cosa che le persone si chiedono è perché il suo cognome sia diverso da quello del padre.

Secondo alcune voci su internet, Ren Zhengfei, il padre, era un tempo favorito dalla famiglia della moglie Meng Jun. Dopo essere stato ammesso all'università, diede alla luce la figlia Meng Wanzhou e suo figlio Meng Ping.

La donna ha cambiato il nome per prendere quello della madre quando aveva 16 anni.

Il fratello lavoro in Huitong, un servizio di Huawei dedicato ai biglietti aerei e hotel, per agevolare i servizi multinazionali della società.

Meng Wanzhou è madre di due bambini, uno di 10 e uno di 4 anni.

Perché è stata arrestata?

meng-wanzhou

Meng "è ricercata per l'estradizione dagli Stati Uniti e l'udienza per la cauzione è stata fissata per venerdì", ha detto Ian McLeod in una dichiarazione riportata inizialmente dal The Globe and Mail.

McLeod inoltre ha aggiunto di non potere condividere i dettagli sul caso.

Al momento, sia la polizia che i pubblici ministeri non possono condividere informazioni sul caso.

Un portavoce di Huawei ha confermato che Meng è detenuta dalle autorità canadesi.

Huawei ha dichiarato che la donna è stata accusata di alcune accuse non specificate.

Il dipartimento di giustizia americano ad aprile stava indagando su Huawei per stabilire se la compagnia avesse violato le sanzioni americane sull'Iran.

"Sono state rilasciate pochissime informazioni alla compagnia riguardo le accuse e (Huawei) non è a conoscenza di alcun illecito commesso dalla signora Meng.
La società ritiene che i sistemi legali canadesi e statunitensi alla fine giungeranno alla giusta conclusione: Huawei rispetta tutte le leggi e i regolamenti applicabili in cui opera, comprese le leggi e i regolamenti applicabili in materia di controllo delle esportazioni delle Nazioni Uniti, degli Stati Uniti e dell'Unione Europea".

Il dipartimento di giustizia americano non ha rilasciato alcun commento.

Un portavoce dell'ambasciata cinese in Canada ha rilasciato una dichiarazione dove viene richiesto a Stati Uniti e Canada di correggere gli errori e liberare Meng Wanzhou, aggiungendo che l'ambasciata seguirà molto da vicino lo svolgersi della situazione e risolutamente proteggerà i diritti legittimi e gli interessi dei cittadini cinesi.

Huawei, che produce smartphones e soprattutto equipaggiamento per le telecomunicazioni, è sotto accusa negli Stati Uniti e in altre nazioni per il potenziale rischio per gli interessi nazionali.

Gli USA in particolare credono che il governo cinese possa utilizzare la rete infrastrutturale di Huawei per spiare gli americani.

Il pentagono ha vietato la vendita di prodotti Huawei e ZTE nelle basi americane.

Articoli correlati