La guerra commerciale di Trump sta costringendo Beijing a ritirarsi dalla battaglia contro il debito

A causa della campagna di deleveraging, la Cina vedrà un aumento del rapporto debito / PIL al 274,5% entro la fine dell'anno.

0
debito-cinese

A causa della guerra commerciale americana, la Cina si sta allontanando dalla battaglia per pareggiare gli enormi livelli  di debito, mentre cerca modi per sostenere l'economia vacillante.

La Cina ha ridotto i coefficienti di riserva obbligatoria per le banche, liberandoli per prestare più denaro.

Un esperto ha detto che questo trend potrebbe rivelarsi "disastroso" per l'economia del paese.

Anni di grandi progetti di investimento hanno contribuito a stimolare la crescita a due cifre del prodotto interno lordo della Cina, trasformando il paese nella seconda più grande economia del mondo.

Il prezzo da pagare era però una montagna di debito che doveva essere abbattuto mentre le autorità rimodellavano la crescita verso un modello più sostenibile.

Il piano è stato quello di basare l'economia sull'aumento del potere di acquisto della crescente classe media cinese piuttosto che sugli investimenti antiquati nelle infrastrutture.

La guerra commerciale sta intaccando la crescita economica della Cina e costringendo a un ripensamento della riduzione del debito - noto come deleveraging - mentre le autorità cercano modi per spremere l'economia per compensare i risultati derivanti dalle tariffe del presidente americano Donald Trump sulle esportazioni cinesi.

Gli economisti vedono sempre più le tariffe future come applicabili a tutte le spedizioni dalla Cina agli Stati Uniti, il che significa che Pechino è destinata ad allentare ulteriormente i rubinetti finanziari.

Questo è già stato visto sotto forma di tagli ai coefficienti di riserva obbligatoria per le banche, che stabiliscono l'importo dei fondi che devono tenere a portata di mano. Le recenti mosse significano che le banche hanno più denaro da prestare, stimolando l'economia con più debito.

Un rapporto Citi di lunedì stima che la pausa della riduzione della leva aumenterà il rapporto debito / PIL della Cina di 12,3 punti percentuali al 274,5 percento entro la fine di quest'anno, invertendo un lieve calo nel 2017.

"I mercati hanno ragione, a nostro avviso, a sentirsi più preoccupati per la sostenibilità del debito cinese e l'aumento dei rischi finanziari", ha detto Citi.

Andrew Collier, amministratore delegato di Orient Capital Research a Hong Kong, ha affermato che è probabile che ci sia una "perdita" nell'economia del debito cinese, nel senso che chi ha bisogno di credito troverà un modo per farlo passare attraverso il sistema bancario ombra.

"Quindi non sono ottimista sul fatto che ci sarà un significativo deleveraging nel 2019 e questo significa che il livello attuale del debito dovrebbe mantenersi ai livelli attuali o addirittura salire, il che potrebbe essere disastroso", ha detto Collier in una conferenza il 10 ottobre .

FONTE: CNBC

Articoli correlati