Le autorità cinesi confermano che l'attrice Fan Bingbing è in stato di fermo

Lost in Beijing

0
fan bingbing scomparsa
L'attrice Fan Bingbing in Lost in Beijing

Securities Daily, una pubblicazione controllata dal governo cinese, ha confermato il 6 settembre che la celebre attrice Fan Bingbing, che è scomparsa dalla scena pubblica in seguito ad alcune accuse di evasione fiscale, è stata messa "sotto controllo, e accetterà le decisioni legali".

Fan Bingbing è sospettata di avere utilizzato "contratti yin-yang", ovvero una pratica secondo la quale un attore-attrice riceve un compenso superiore a quello ufficiale.

La sua scomparsa a giugno aveva dato vita ad accese discussioni sulle sue attuali condizioni e se fosse sotto la custodia delle autorità cinesi.

Fan Bingbing, 36 anni, secondo Forbes è la celebrità cinese maggiormente pagata dal 2013. è divenuta celebre grazie ai suoi ruoli in film come "My Fair Princess", una serie tv cinese che si svolge negli anni della Dinastia Qing, "Cell Phone", il film campione di incassi nel 2003 ed altre celebri pellicole come "Lost in Beijing" e "Sky Hunter". Fan ha recitato anche in alcuni film stranieri come la produzione francese "Stretch" del 2011, il film coreano sulla seconda guerra mondiale "My Way", dello stesso anno, e "X-Men: Days of Future Past" del 2014.

Secondo Securities Daily, l'accusa dei contratti yin-yang sarebbe solo la punta dell'iceberg. è anche accusata di avere partecipato a prestiti illeciti ed altre forme di corruzione."

Le produzioni cinematografiche dove Fan Bingbing avrebbe dovuto partecipare sono al momento in pausa.

Secondo i primi report, a Maggio, l'anchor della CCTV Cui Yongyuan aveva dichiarato che Fan Bingbing sarebbe stata pagata 60 milioni di yuan (circa 8,8 milioni di dollari) per quattro giorni di lavoro. Cui aveva inoltre aggiunto che Fan avrebbe stipulato questo generi di contratti e si sarebbe cimentata in pratiche illecite a livelli che hanno scandalizzato il governo cinese.

Dal momento della sua scomparsa dalla vita pubblica, si sono inseguitie speculazioni e rumors di vario genere. Secondo alcuni l'attrice vivrebbe reclusa in casa, sotto stretta sorveglianza da parte delle autorità.

Questo scandalo ha inoltre sollecitato le autorità cinesi a controllare i contratti di altre 200 star cinesi.

Secondo la State Administration of Radio and Television, gli attori non dovrebbero essere pagati più del 40% dei costi totali della produzione del film, e gli attori principali non possono guadagnare più del 70% delle risorse destinate al cast.

Fonte: 9news

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a CinaOggi, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.
VPN China