Rong Rong & Inri sono fotografi, rispettivamente di nazionalità cinese e giapponese, che hanno fondato e gestiscono insieme Three Shadows Photography Art Center (三 影 堂 摄影 艺术 中心) a Caochangdi.

Three Shadows è un centro d'arte senza scopo di lucro. Il luogo, istituito nel 2007, è il primo spazio d'arte contemporanea dedicato esclusivamente alla fotografia e ad altre opere d'arte basate sull’utilizzo delle lenti in Cina. Lo spazio della galleria è stato progettato dal famoso artista e architetto Ai Weiwei. La galleria Three Shadows supporta e facilita mostre, programmi di educazione, pubblicazioni, programmi per artisti, eventi indipendenti, impegni e celebrazioni della fotografia contemporanea cinese e internazionale. Esplorare e mostrare la fotografia cinese è importante per riscoprire opere fotografiche del passato e dare loro il posto che meritano nella storia della fotografia.

Sito Ufficiale | Facebook

Intervista di Dominique Musorrafiti

CinaOggi: Come e quando vi siete avvicinati alla fotografia?

Rong Rong: Ho voluto fare l'artista sin da quando ero giovane, ma all'inizio non ci sono riuscito – nessuna università mi ha accettato. Nel 1988, però, quando avevo circa 20 anni, ho avuto la possibilità di usare una machina fotografica. Ha spostato la mia attenzione. Ho avuto qualche altra istruzione prima di vivere a Nanchino, ho imparato a disegnare, ma continuavo a fallire un esame importante. Dopo ciò, ho iniziato a concentrarsi davvero sulla fotografia.

Inri: Frequentavo la scuola media. Mio padre mi ha comprato una macchina fotografica usa e getta, e poi ho iniziato fare delle foto con i miei amici.

Perché hai scelto la fotografia come stile di comunicazione?

R: Quando ho iniziato a fare fotografia, ho avuto sentimenti molto forti a riguardo. La fotografia parla nella mia mente - è come se aprisse per me una porta. Quello che cerco di fare è trasmettere dall'interno e può essere completamente rappresentato attraverso le fotografie.

rongrong-inri-photoartCome vi siete conosciuti? Qual è stata la tua prima impressione l'un dell'altro?

R: Ci siamo incontrati per caso. È stato il mio primo viaggio a Tokyo - avevo una mostra lì. Quando l'apertura era quasi finita, Inri stava guardando un mio lavoro. Guardava la mia serie sul matrimonio per molto, molto tempo. Voleva parlarmi, ma parlavamo lingue diverse, quindi ha scritto alcuni caratteri cinesi. Sono rimasto sorpreso dai suoi commenti; era come se mi leggesse nella mente.

Ci siamo accordati per incontrarci il giorno dopo e lei mi ha mostrato le sue foto. In quel momento, il lavoro e la persona erano connessi, perché il lavoro esprimeva i suoi pensieri più intimi. In quanto credente nella fotografia, ero un esploratore perduto, in cerca di un percorso. In quel momento, sentii che era apparso davanti ai miei occhi e che avevo trovato una persona con cui potevo percorrere questa strada.

I: La mia prima impressione è stata del suo lavoro e dell'impatto che ha avuto su di me.

Three Shadows lavora per stabilire la presenza della Cina nel mondo della fotografia globale

Vi trovate in disaccordo? Come risolvete la situazione?

R: All'inizio, Inri non era in grado di parlare cinese, ed io non parlavo giapponese. La fotografia ci ha uniti. Abbiamo comunicato attraverso le foto e penso che abbiamo trovato qualcosa oltre la lingua. Ci sono molte differenze culturali tra Giappone e Cina, quindi abbiamo imparato l'uno dall'altra. Cerchiamo di bilanciare e si completarci a vicenda nella nostra relazione.

I: Spesso abbiamo opinioni diverse. Tuttavia, quando lavoriamo, siamo fotografi e vogliamo fotografare. A volte lle faccio io, a volte lo fa lui, ed a volte le facciamo insieme. Dopo aver finito di scattare, guardiamo il lavoro. Facciamo delle scelte e discutiamo insieme sulle immagini. Alla fine, scegliamo il metodo più appropriato per ciò che vogliamo esprimere. Parlare troppo prima degli scatti non è molto utile, perché abbiamo bisogno di parlare nuovamente quando abbiamo finito di scattare le foto.

Vi è un lavoro fotografico che è legato a un momento che ha segnato un significativo cambiamento nella vostra vita?

R: Il primo momento importante è stato quando ho vissuto nell'East Village dopo essere arrivato a Pechino. Negli anni '90 c'era un gruppo - molti dei quali erano artisti della performance - formavano un villaggio di artisti. Queste persone "sotterranee" vivevano insieme, ed erano la fonte della mia serie di East Village. La prima volta che ho presentato questo lavoro, è stato elogiato da altre persone e sono diventate la mia prima serie più importante. Il secondo momento importante è stato quando ho incontrato Inri. A partire dal 2000, quando l'ho incontrata, mi ha dato molto - nel lavoro, nella vita. Ispirazione. Ciò include la nostra produzione creativa insieme e la fondamentozione di Three Shadows. Noi due siamo diventati un veicolo per ideali fotografici.

Rong Rong: Non c'è "se", solo il destino.
Inri: "Se" è per il futuro, non per il passato. BEIJING KIDS

Avete vissuto dei momenti inaspettati durante i vostri progetti fotografici?

R: Alcuni degli artisti nei miei primi lavori nell'East Village sono stati arrestati dopo che avevo finito gli scatti, ed ero anche in pericolo. Pensavo che l'arte dovesse essere libera. Volevamo semplicemente esprimere che eravamo interessati all'arte. Volevamo trovare una lingua - un linguaggio espressivo e creativo - e poi fare delle performance sperimentali. Tuttavia, la società era ancora chiusa per questo. Era un problema di conoscenza ed esposizione; non avevano mai incontrato arte d'avanguardia o arte contemporanea.

Potete condividere con noi una storia di uno dei vostri progetti fotografici?

R: Nella serie di Liulitun, Liulitun era uno sfondo perché avevo vissuto in questo cortile per otto anni. Quando ero a Pechino, mi piacevano molto questi cortili, che sono così particolari a Pechino. Tu hai il cielo, tu hai la terra, e una volta che chiudi la porta, quel cielo ti appartiene. In quel posto eri molto libero e potevi fare ciò che volevi. Questo era anche il luogo in cui vivevamo insieme la prima volta che era arrivata Inri.

A lei è davvero piaciuto. Tuttavia, molte di queste case del cortile sono state demolite durante la corsa alle Olimpiadi. Un giorno fummo informati che questo posto sarebbe stato demolito. Ci siamo sentiti profondamente molto rattristati. Se il posto non fosse stato demolito, credo che avremmo vissuti lì per tutta la vita, senza volercene andare via. Siamo stati molto tristi quel giorno. Dato che stavamo affittando questo cortile, non avevamo modo di resistere alla demolizione. Quindi, cosa avremmo potuto fare per mostrare il nostro affetto per questo cortile?

Abbiamo preso i nostri strumenti, che erano le nostre macchine fotografiche, e abbiamo fatto delle foto. Abbiamo fatto delle foto all'interno del cortile, degli operai che demolivano gli edifici. Abbiamo semplicemente e silenziosamente visto che scompariva davanti ai nostri occhi; eravamo davvero arrabbiati e piuttosto depressi, e volevamo esprimerlo.

Avevamo appena iniziato a parlarne e siamo andati a comprare 200 gigli bianchi, e con questi gigli abbiamo dato un segno d’addio alla casa. Quando guardi, sembra che questi fiori vivessero in quella che era in realtà la nostra camera da letto. Nell'ultimo momento, dopo aver negoziato con gli operai, siamo saliti sul tetto e abbiamo scattato la foto.

"Il Dao genera uno, uno genera due, due genera tre, tre genera tutte le cose. Three Shadows prende il nome da questo detto. Speriamo che continui a sviluppare e creare mondi infiniti attraverso la fotografia " Independent Collectors

rongrong-inri-photoart

Come descrivereste la vostra esperienza lavorando al Centro d'arte fotografica Three Shadows?

R: Io e Inri siamo i fondatori di Three Shadows. La fotografia è qualcosa su cui ora possiamo contare per vivere. Mi piaceva la fotografia, quindi l'ho perseguita, ma ciò che abbiamo ricevuto è di gran lunga superiore a quello che inizialmente pensavamo o che ci saremmo aspettati. Vogliamo tornare ai nostri esordi. Oggi, attraverso la fotografia, vogliamo che le nostre voci siano ascoltate, il che è stato il nostro punto di partenza originale. In Cina, la nostra situazione è unica.

Penso che, in realtà, fare fotografie non sia più la cosa più importante per me. Ho cambiato la mia voce; potrebbe non sembrare più il clic di un otturatore della macchina fotografica. Penso che sia iniziato quando è nato Three Shadows. Quando ho visto lo stato della fotografia cinese, non c'era casa per la fotografia cinese e per i fotografi cinesi. All'inizio, quando volevo fare mostre in Cina o all'estero, mi sono reso conto che i miei primi lavori non potevano essere esposti in Cina.

Che criteri utilizzate per collezionare fotografie? Vi piace scegliere lavori con un tema principale o un messaggio specifico?

R: Quando il centro Three Shadows non era ancora stato stabilito, la collezione era interamente basata su ciò che ci piaceva. Ma una volta fondato il centro, ci siamo gradualmente resi conto che c'erano molti vuoti nella storia della fotografia in Cina. Se guardi al periodo repubblicano, o anche dopo il 1949, ci sono molti buchi nella storia cinese della fotografia. Stiamo facendo quello che possiamo per questo.

Quanto è cambiata la Cina rispetto a quando avete iniziato a lavorare insieme? Questo influenza il vostro modo di creare lavoro o vedere il mondo?

R: Come spazio, Three Shadows è stato costruito con le nostre risorse ed è incredibile che siamo stati in grado di continuare. Questo era solo un piccolo dei nostri sogni, ma ora, negli ultimi dieci anni, l'intera cosa - ciò che abbiamo costruito e ciò che è cambiato - ci ha naturalmente oltrepassato. Si è espanso gradualmente, le sue funzioni si sono espanse. Ci sono spazi di residenza, una camera oscura e spazi espositivi. Tutto in Cina si sta muovendo molto velocemente, quindi c'è una domanda anche per questo. Negli ultimi dieci anni, molte cose sono cambiate, incluso il festival di fotografia.

Quando guardi le persone che hanno mostrato le proprie opere al Three Shadows Photography Award, puoi vedere quanti nuovi volti ci sono in ogni edizione. Quando per prima cosa abbiamo stabilito il premio, stavamo solo provando qualcosa, e non sapevamo come sarebbe andata a finire, ma la qualità di ogni edizione è stata davvero buona. Ho esaminato il lavoro di giovani artisti di tutto il mondo e il lavoro dei fotografi cinesi - la loro creatività, la loro vitalità, il loro uso del mezzo, i loro materiali - è uguale a quello delle loro controparti internazionali. Potrebbero persino aver superato i loro coetanei all'estero negli ultimi anni. Hanno solo bisogno di risorse.

A causa della ricchezza della realtà e della società cinesi, penso che le nostre realizzazioni artistiche non siano affatto inferiori, ma ci sono troppe poche piattaforme come la nostra in Cina. Ad esempio, quando hai creato istituzioni private, come le molte istituzioni private di New York, la fotografia si svilupperà rapidamente e vedrai esibizioni studentesche molto buone nelle istituzioni di New York come l'International Center for Photography, che ne ha uno ogni anno. Tutto ciò che abbiamo sono istituzioni private e mancano ancora risorse nazionali o pubbliche.

Foto cortesemente concesse da Rong Rong & Inri

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a CinaOggi, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.
VPN China