Il resoconto di un esproprio sforzato in Cina - Aggiornata

0
esproprio forzato cina

Siamo stati contattati da un cittadino cinese residente nel Regno Unito, che ci ha raccontato la sua testimonianza a riguardo dell'esproprio forzato della casa dei suoi genitori, operato dal governo locale, per fare spazio a moderni quartieri residenziali.

"Questa è la mia storia personale. Sono al momento imprigionato con i miei genitori (età di 64 e 65 anni) nel loro appartamento ad Hangzhou. Stiamo disperatamente cercando di fermare la demolizione da parte delle autorità che vogliono costruire grattacieli su questo pezzo di terra. Ogni giorno porta nuovi tormenti. Al momento, non abbiamo acqua, è stata tagliata. Non possiamo cucinare e nemmeno usare il bagno. Siamo sotto assedio ...

Gli ormai famosi espropri della Cina contro i suoi cittadini dimostrano che il governo non ha intenzione di usare mezzi più ragionevoli, o addirittura di accettare di negoziare decentemente, umanamente e pacificamente.

Tutti i cittadini sanno che ogni centimetro quadrato di terra nel nostro paese è posseduto dallo stato. Noi, le persone, non abbiamo nulla. A noi è concessa una licenza per un massimo di 70 anni. In qualunque momento, lo stato può decidere di distruggere tutto ciò per cui abbiamo lavorato, per la vostra casa.

In quest'ultimo abuso, le famiglie borghesi nella zona turistica di Hangzhou hanno subito l'interruzione delle forniture di acqua e gas, le strade sono barricate da tonnellate di macerie che impediscono l'accesso a veicoli di emergenza con conseguenze potenzialmente fatali.

In qualsiasi momento, i lavori di demolizione inizieranno sul mio edificio, anche se molte famiglie sono tuttora presenti nelle loro abitazioni, cercando di proteggere se stesse e le loro proprietà come meglio possono.

Ho deciso di visitare i miei genitori - sono un residente permanente nel Regno Unito, dove lavoro - come il compito di un figlio richiede. Quando ho raggiunto il mio villaggio natale di Nan Men, nel distretto di Xiaoshan (Hangzhou), mi sono trovato di fronte a questa terrificante situazione.

Con meno di due mesi di preavviso, ai residenti è stato detto di lasciare le loro case, per consentire al governo locale di realizzare un enorme profitto finanziario attraverso la riqualificazione del sito. La maggior parte degli abitanti del villaggio ha accettato un risarcimento per evitare problemi.

Quelli che rimangono non possono accettare l'offerta. A loro è stato offerto una cifra che è una frazione del costo di una nuova proprietà da acquistare.

L'assedio è durato per 30 giorni. I residenti hanno chiamato la polizia, ma naturalmente si sono rifiutati di aiutarci in qualsiasi modo. Sappiamo che non c'è alternativa alla capitolazione. Il governo è inarrestabile. Ma le persone in Cina protestano. Resistiamo. Noi combattiamo contro l'ingiustizia. Ma sappiamo che non potremo mai vincere."

Aggiornamento: Siamo stati contattati da un suo amico che ci ha detto che: "la casa è stata parzialmente distrutta, sono stati picchiati, suo padre ha avuto un attacco di cuore. Vivono nel terrore che queste squadre possano ritornare in qualunque momento. Hanno non solo paura per le proprie cose, ma per le loro vite."

Via:The account of a forced eviction in China

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a CinaOggi, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.
VPN China