Zhang Huan ha iniziato la sua carriera come pittore per poi passare alla performance art prima di tornare alla pittura.

È principalmente un artista performativo, ma fa anche fotografie e sculture. La sua notorietà è iniziata in una piccola comunità artistica nell’East Village di Pechino nei primi anni ‘90. Le esibizioni di Zhang coinvolgono sempre il suo corpo in un modo o nell’altro. Coinvolge il corpo anche nelle sue sculture. Zhang ha contribuito a creare un posto di rilievo per le arti contemporanee in Cina e portarle all’attenzione del mondo.

Intervista di Dominique Musorrafiti

Sito ufficiale

Quando e dove è avvenuta la sua prima esibizione? Può parlarci dei suoi inizi?

L’esibizione di Angels è avvenuta nell’ottobre del 1993 nel cortile del National Art Museum of China Namoc (China Art Gallery). Era la prima volta che usavo il mio corpo per esibirmi in pubblico. La performance faceva parte di una mostra collettiva per undici studenti della mia classe presso l’Accademia Centrale di Belle Arti.

Zhang-Huan-PortraitHo letto che è buddista, cosa significa per lei? Quanto influenza la sua arte ed il suo modo di vedere il mondo?

Credo nel buddismo. Il buddismo mi ha aperto una porta per capire il mondo e gli esseri umani. Tu sei il Buddha, io sono il Buddha e ognuno è il Buddha. Siamo tutti degli eroi nei nostri cuori.

Il trasferimento in località diverse ha influenzato la sua arte? Influenza il suo modo di creare arte e il suo senso d’identità?

L’esperienza all’estero mi ha portato a comprendere a fondo le circostanze per cui il popolo cinese vive in un paese straniero. Il mio lavoro Hard to Acclimatize (1999) è l’espressione di quella circostanza. Ho acquisito molta ispirazione dal viaggio, visitando e studiando tutto il mondo in 8 anni proprio quando ho studiato e lavorato nei paesi lontani dalla mia città natale. Nel frattempo, ho realizzato più chiaramente la direzione dell’arte che ho perseguito con il cuore. Quindi ho provato ad adottare vari materiali e media per i miei lavori e ho acquisito esperienza istruttiva. I nuovi media e l’esperienza hanno ampliato la portata della mia creazione e mi hanno portato una maggiore sicurezza in me stesso e una mente indipendente, che erano le cose più importanti che ho apprezzato.

Zhang Huan si è spogliato nudo, si è coperto di miele e poi si è seduto per un'ora in un bagno pubblico di Pechino mentre le mosche sono atterrate su di lui. Si chiama "The 12 Square Meters".CHina Daily

Ha fatto performance e mostre in tutto il mondo. Ha trovato qualche differenza nel lavorare in Cina rispetto ad altri paesi?

“Zhang Huan, nato nello Henan nel 1965.” Questa frase è ciò che un artista deve sentire per tutta la sua vita. Un artista è libero perché nessuno può controllare il suo cervello ed i suoi sentimenti interiori.

I suoi lavori sono legati alla sua esperienza di vita personale?

La mia ispirazione proviene dalle cose più banali della vita quotidiana come mangiare, dormire, lavorare e quelle che sono sempre ignorate nella nostra vita ordinaria. Io scopro e sperimento sempre la natura dell’umano da queste cose. Quello che voglio sperimentare nelle mie opere è la sopravvivenza, il corpo fisico e la verità.

Three Legged Buddha, 2007, Acciaio e rame, 860 x 1280 x 690 cm
Three Legged Buddha, 2007, Acciaio e rame, 860 x 1280 x 690 cm

In che modo i suoi nuovi lavori sono correlati al suo passato? Nella sua carriera artistica ha usato un sacco di diversi media artistici. Ha seguito una linea che combina un percorso? Quale mezzo artistico più la rappresenta?

Naturalmente, le persone adottano corrispondenti modi per esprimere le loro diverse idee a causa del cambiamento delle età e delle condizioni di vita. Non mi piace ripetere quello che ho fatto.

I miei lavori sono legati alla mia esperienza di vita. Le mie opere possono essere considerate come un intero pezzo, attraverso le quali vi sono le mie prospettive sulla vita e sul mondo. Ora uso vari media e abilità nei miei lavori, quindi i pattern di manifestazione sembrano diversi dai pezzi precedenti. Tuttavia, il kernel rimane lo stesso, perché il DNA in me non verrà modificato.

Come artisti e come individui, selezioniamo i materiali come portatori di messaggi per ricollegarci al mondo spirituale al di fuori della nostra vita quotidiana.
Mi sento a mio agio a lavorare con un mezzo adatto alle mie idee e ai miei lavori. Ad esempio, mi piace la cenere d’incenso. Per me, la cenere non è semplicemente un mezzo per dipingere. È la memoria collettiva, l’anima collettiva e le benedizioni collettive del popolo in Cina.

Poppy-Fields-No
Poppy Fields No.12 , 2011, olio su lino, 150x200cm

C’è un momento nella sua carriera artistica a cui si sente particolarmente legato? Ci sono dei suoi lavori dedicati a qualcuno o ad un momento che ha segnato un cambiamento significativo nella sua vita?

Ce ne sono molti. Mi sono trasferito dalla mia città natale a Pechino, poi a New York e poi di nuovo a Shanghai, in Cina. Le opere durante questi periodi sono inspirate dal mio vissuto ed evidenziano i cambiamenti.

Può condividere con noi una storia dietro la scena di un suo progetto artistico?

Nel settembre del 2009, l’opera Semele è stata rappresentata al Theatre Royal De La Monnaie di Bruxelles, in Belgio, ho lavorato come regista e scenografo. Sono una persona che non ha mai progettato un set prima di allora. Questa volta, ero molto entusiasta di avere la fortuna e l’opportunità di poter prendere un tempio familiare ancestrale con oltre 450 anni di storia e usarlo sul palcoscenico di un teatro d’opera europeo vecchio di 300 anni.

Il signor Fang visse in questo tempio ancestrale con la sua famiglia a Quzhou, nella regione di confine tra le province di Zhejiang e Anhui in Cina. Quando smantellammo la struttura, raccogliemmo gli oggetti personali che il signor Fang e la sua famiglia avevano lasciato, tra questi c’era un diario scritto dal defunto Mr. Fang prima che fosse giustiziato. La maggior parte di questo diario è scritta sul suo amore e odio per sua moglie e sul suo senso di responsabilità e impotenza nei confronti della sua famiglia. Dopo aver letto questo diario, improvvisamente mi sono imbattuto in un’ispirazione per l’opera, insieme ai semi per il set principale di “Semele”.

Il mio obiettivo è permettere ai cantanti lirici di ricreare questa classica opera occidentale su un palcoscenico orientale latente con le tragiche emozioni di “Semele”. Mentre allo stesso tempo permettere agli ospiti occidentali che entrano nel teatro di sperimentare la drammatica bellezza e il dolore comuni a tutti gli esseri umani. Amore e odio, vita e morte sono argomenti che rimarranno per sempre nella razza umana. Il fatto che le radici del dolore introdotte migliaia di anni fa in un’opera occidentale, riappaiano in Oriente nel destino di una sola famiglia contadina nelle campagne della Cina, può farci riflettere continuamente sulle qualità redentive dell’umanità.

Quanto è cambiata l’arte in Cina da quando ha iniziato? Qual è il suo rapporto con la nuova comunità artistica?

L’arte si trova in continuo cambiamento in Cina, e possiamo dire che è andata a gonfie vele. Gli artisti delle nuove generazioni sono più aperti.

Family Tree, 2000, New York, USA
Family Tree, 2000, New York, USA

Qual è il suo rapporto con i social network? I social media e le nuove tecnologie influenzano l’arte e il pubblico in Cina?

Uso anche io i social network, ma non troppo. Sì, i social media e le nuove tecnologie influenzano positivamente l’arte e il pubblico in Cina.

Ho letto che quando viveva a New York, era rimasto sorpreso dalla relazione che i locali avevano con i propri cani. Ora, questo tipo di relazione sta diventando comune anche per alcuni cinesi della Cina continentale, cosa ne pensa?

Significa che siamo allo stesso stadio di sviluppo. Gli esseri umani sono uguali.

Uno speciale ringraziamento a Yolanda PR of Zhang Huan Studio
Foto cortesemente concesse da Zhang Huan Studio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a CinaOggi, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.
VPN China

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.