ZTE potrebbe essere la prima importante vittima cinese nella guerra commerciale con gli Stati Uniti

0
ZTE-fallimento

La compagnia di Shenzhen ha cessato "importanti attività operative", in un documento depositato alla borsa di Hong Kong mercoledì.

L'annuncio arriva meno di un mese dopo che gli Stati Uniti hanno vietato alle aziende americane (ed in particolare al produttore di chip Qualcomm) di vendere hardware e software a ZTE per sette anni, tagliando in modo efficace la catena di approvvigionamento dell'azienda.

Qui potete trovare la dichiarazione ufficiale di ZTE sul divieto del dipartimento del commercio americano.

ZTE ha detto che ha ancora "denaro sufficiente" ed è in contatto con gli Stati Uniti per una modifica o un'inversione dell'ordine, emessa dal dipartimento commerciale degli Stati Uniti per alcune presunte violazioni e poiché l'azienda non ha punito alcuni dipendenti accusati di avere violato controlli commerciali contro Iran e Nord Corea.

La tecnologia di ZTE è ampiamente diffusa ed utilizzata anche da altri produttori e nelle telecomunicazioni sia negli Stati Uniti, che nel resto del mondo.

ZTE, noto in Cina come Zhongxing, o "China prospers", opera in Africa, nel Medio Oriente e negli Stati Uniti, dove è il quarto produttore di smartphone dopo Apple, Samsung e LG. Ad ogni modo, i suoi device montano chip realizzati da Qualcomm con sede in California, e rappresentano più della metà dei suoi telefoni spediti a livello globale e quasi tutti i suoi telefoni negli Stati Uniti, secondo Counterpoint.

"L'impatto è enorme. Senza fornitori statunitensi, non possono effettivamente produrre i loro telefoni ", ha affermato Flora Tang, analista ricercatrice presso Counterpoint Research di Hong Kong. Tang ha detto che ZTE potrebbe naturalmente rivolgersi ad altri fornitori, ma ridisegnare i suoi telefoni e fare i test sui prodotti necessari richiederebbe tempo e investimenti.

Giovedì, i negozi ZTE online sul proprio sito Web e le principali piattaforme di e-commerce mostravano lo sconsolante messaggio “under construction”. Il canale ufficiale della compagnia su Tmall, di proprietà di Alibaba, presentava una foto di uomini senza camicia che remavano su una barca del drago e la frase "La primavera è per la lotta", una parola d'ordine del presidente cinese Xi Jinping in un discorso del 2013.

Secondo alcuni rapporti, gli impiegati nella sede della società a Shenzhen sono ancora al lavoro ma "non hanno molto da fare". Gli operai hanno riferito al New York Times che la produzione è stata chiusa. I lavoratori nel frattempo hanno cominciato a frequentare corsi di formazione, sonnecchiando o gironzolando per i loro dormitori.

I prodotti ZTE sono ancora in vendita su alcune piattaforme di e-commerce come JD.com e nei negozi al dettaglio offline.

Il ministero del commercio cinese ha affermato che i funzionari governativi, durante i colloqui commerciali a Pechino la scorsa settimana con una delegazione statunitense in visita, hanno presentato la causa di ZTE, ma non hanno avuto risultati.

"Potrebbe essere un problema a livello nazionale ... ci aspettavamo che il governo cinese sarebbe stato in grado di aiutare ZTE, quindi è una sorpresa", ha detto Tang.

Fonte: The Guardian, New York Times

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a CinaOggi, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.
VPN China

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here