Un contadino cinese studia legge per 16 anni per denunciare la compagnia che ha inquinato il suo villaggio

0
contadino cinese lotta inquinamento

Un contadino cinese di 60 anni residente a Qiqihar nella provincia nord orientale dello Heilongjiang, ha trascorso 16 anni studiando la legge in modo da poter condurre una battaglia legale con la corporazione che coperto il suo villaggio con tonnellate di rifiuti chimici.

La storia di Wang Enlin, che aveva solo la terza elementare prima di iniziare i suoi studi legali indipendenti, è stata originariamente pubblicata da People.cn e poi ripresa dal tabloid britannico Daily Mail, e ora sta diventando virale online.

Wang ricorda che stava giocando a carte con i suoi vicini quando il loro villaggio, Yushutun, fu inondato da acque reflue nel 2001, secondo il People's Daily di China. L'uomo accusò il multimilionario gruppo Qihua per aver scaricato decine di migliaia di tonnellate di polivinilcloruro nel villaggio, rovinando terreni agricoli e creando un campo di 71 acri ricoperto di scorie.

contadino cinese lotta inquinamento

Quando ha cercato di denunciare l'inquinamento, ha scoperto che avrebbe dovuto produrre prove contro la compagnia ed avviare una causa. Dopo anni trascorsi in libreria, a studiare volumi legali che non poteva permettersi di comprare, è riuscito nella sua impresa, superando anche l'ostacolo apparentemente insormontabile dei termini legali, che richiedono una padronanza della lingua cinese non indifferente. L'uomo pertanto ha praticamente dovuto studiare carattere per carattere non solo per comprendere i testi, ma anche semplicemente per essere in grado di leggerli correttamente.

Con l'aiuto di uno studio legale, Wang e i suoi vicini hanno fatto causa nel 2007. In qualche modo, il caso non è stato elaborato fino al 2015, ed è stato concluso solo quest'anno. Il People's Daily ha riferito il 3 febbraio che Wang e gli altri residenti di Yushutun hanno vinto il loro primo round in tribunale, grazie soprattutto alle prove raccolte durante più di un decennio di incontri. Il gruppo Qihua ha già impugnato la decisione.

Articoli correlati