Michael Standaert è un giornalista freelance che vive a Shenzhen nel Sud della Cina.

Standaert si interessa prevalentemente di politiche ambientali e climatiche, e sviluppo infrastrutturale per Bloomberg BNA, Mit Technology Review e per il South China Morning Post.

Il profilo Twitter ufficiale di Michael Standaert

Intervista di Matteo Damiani

CinaOggi: Come si è evoluta l'attitudine del governo cinese verso le tematiche ambientali e il cambiamento climatico?

Michael Standaert e suo figlio

Michael Standaert: Quando per la prima volta sono arrivato a Beijing nel 2007, l'inquinamento atmosferico veniva chiamato ufficialmente 'nebbia'. Ho sentito Pechinesi chiamarla 'nebbia' e mi sono domandato quali pillole della felicità prendessero e se ne potessi avere un po' anche io. Il sistema di monitoraggio dell'inquinamento atmosferico all'epoca era un barzelletta e non dava una buona idea dei reali livelli di inquinamento dell'aria, particolarmente per quanto riguardava le particelle di particolato più piccole [PM2.5] che è più dannoso per i polmoni. L'istigatore del cambiamento è stata in realtà l'ambasciata americana a Beijing, che cominciò a riportare gli elevati livelli d'inquinamento sui social media dalle sue sedi localizzate nella zona nord orientale della città. La cosa ovviamente non poteva fare piacere al governo cinese. Sempre più cinesi cominciarono a capire che non avevano un quadro reale sul problema, e si stava creando un clima d'angoscia.

Per essere onesti, la Cina - e questo ancora quando Hu Jintao e Wen Jiabao erano a capo del paese - aveva cercato di puntellare i sistemi di controllo di inquinamento di aria, acqua e terra, ma le cose stavano procedendo molto lentamente. Questo in parte perché il governo locale ha cercato di difendere importanti progetti economici, e in parte per la corruzione che derivava da queste relazioni. Così, se si guardiamo alle principali politiche anti corruzione e al concetto di 'civiltà ecologica' di Xi Jinping, capiamo che le due questioni procedono mano nella mano. Per quanto riguarda le politiche sul cambiamento climatico, questa è ancora una questione aperta, ma la 'Guerra all'Inquinamento' ha impattato sulla riduzione anche delle emissioni di carbonio nello stesso momento in cui sono presi di mira altri inquinanti. Presumibilmente le emissioni di anidride carbonica si sono stabilizzate, ma non abbiamo una reale comprensione di quanto siano accurate, dal momento che si tratta principalmente di emissioni industriali che vengono misurate e il governo non ha pubblicato un inventario ufficiale dal 2012, credo. Ciò non tiene conto delle emissioni di gas serra come il metano, che probabilmente aumenteranno a causa del boom del gas di scisto nel Sichuan e di altri fattori.

Ci sono stati molti miglioramenti nell'efficienza industriale che hanno contribuito a ridurre il consumo di energia nell'industria e quindi l'intensità di CO2 dell'industria. Ma ci sono ancora molte aree che potrebbero essere migliorate, in particolare quelle che sembrerebbero cose semplici come l'isolamento e finestre migliori nelle case. Penso che il ciclo dell'aria nelle case del nord della Cina sia pari a nove volte all'ora, rispetto a qualcosa come due volte in Europa e nel Nord America. Ciò significa che molta energia termica viene dissipata. Il mio primo lavoro a Pechino è stato con una rivista statale come redattore per un anno. Ero sempre seccato quando in pieno inverno i miei colleghi tenevano un paio di finestre spalancate. Lo stesso in estate, l'aria condizionata andava a tutta potenza e le finestre erano sempre spalancate. Dicevano che l'aria che usciva dall'aria condizionata non era salutare. Nemmeno l'aria inquinata che proveniva dalla finestra. Xi è sulla strada giusta però.

Sono ancora un po 'scettico su quanto sia profondo questo messaggio. E anche sul cambiamento climatico, Xi si è presentato come una sorta di "leader del clima" in opposizione al "perdente del clima" Trump. Ad esempio, inizialmente sembrava che la Cina avrebbe avviato il suo sistema nazionale di scambio di emissioni di carbonio nel 2016, poi hanno detto a metà 2017, poi a fine 2017. Lo hanno finalmente annunciato alla fine dell'anno, ma è molto incerto e non ambizioso come alcuni pensavano che sarebbe stato. Doveva coprire otto settori, ma inizialmente riguarderà solo le compagnie elettriche. Questa è una grande quantità di emissioni, penso attorno al 30%, e in realtà potrebbe essere meglio andare piano e farlo bene. Penso anche che quando abbiano visto Trump ritirarsi dall'accordo di Parigi, si sono detti: 'perché affrettarsi? Rallentiamo un attimo'.

La Cina fino a qualche tempo era la destinazione finale di rifiuti riciclabili e solidi provenienti da tutto il mondo. Intere economie locali come Guiyu si sono create e sono cresciute attorno ai rifiuti. Come sta cambiando la situazione? E se la Cina non sarà più la 'discarica del mondo', dove andranno a finire questi rifiuti?

Guiyu è stato chiuso come destinazione per l'elettronica straniera un paio di anni fa. Sono stato lì il mese in cui lo hanno chiuso. C'erano striscioni lungo la strada che minacciavano le famiglie con interruzioni di corrente se non smantellavano i negozi di trattamento dei rifiuti elettronici. Ci sono stato anche due volte in precedenza, quando le cose erano davvero cattive. Quello che volevo veramente fare era tracciare i problemi di salute dei lavoratori migranti che lavoravano lì e sono tornati nelle loro città d'origine. I ricercatori locali volevano fare lo stesso, ma si è rivelato quasi impossibile. Le imprese locali non consentivano ai ricercatori di parlare con i lavoratori adulti e gli unici dati che potevano ottenere erano i prelievi di sangue dai campioni di sangue di madri incinte provenienti dagli ospedali, quindi erano in realtà solo in grado di vedere quanto piombo, cadmio e altre cose stavano entrando nel flusso sanguigno di queste madri. I livelli erano piuttosto alti. Inoltre, i lavoratori migranti non sembravano preoccuparsi dal momento che stavano facendo soldi rispedendoli alle loro famiglie nello Hunan, Sichuan, Anhui. Ed erano spesso lì solo per sei mesi, un anno, poi via se ne andavano da un'altra parte. Varrebbe la pena scoprire quanti effetti sulla salute queste persone hanno avuto.

Tendo a credere che trattare i propri rifiuti e immondizia dovrebbe essere la norma. La capacità di spedire verso quello che era un paese in via di sviluppo all'epoca - e che oggi non considero più la Cina un paese in via di sviluppo, ma questo è un altro argomento - causa enormi distorsioni. Se i paesi sono costretti a dovere affrontare questo problema da sé, allora incoraggerebbero più riutilizzo, riciclaggio, meno imballaggi e il costo di queste cose che alla fine viene caricato sulle spalle dei consumatori. Cambierebbero le abitudini e la consapevolezza. Se tutto è a basso costo, le persone consumano, consumano, consumano senza curarsi di nulla e lasciano che qualcun altro risolva il problema. Così, bene per la Cina per avere smesso di essere una discarica. Dove altro potrebbe andare? I rifiuti elettronici vengono già reindirizzati verso il Sud-est asiatico, l'Asia meridionale e l'Africa.

Un altro problema sconosciuto al momento è ciò che sta accadendo con i rifiuti elettronici generati internamente in Cina. Ci sono poco più di 100 centri di riciclaggio ufficiali, ma penso che alcune di quelle persone che hanno imparato come fare lo smantellamento abbiano aperto altre attività nelle aree interne del paese o nelle zone di frontiera della Cina, con operazioni minori, non massicciamente concentrate come Guiyu. C'è ancora del riciclaggio fatto a Guiyu in un impianto di riciclaggio ufficiale. Non è molto più pulito di prima, ma si tratta almeno di rifiuti provenienti dalla Cina e su scala molto più bassa di prima.

Quali sono i benefici del progetto della Nuova Via della Seta? Vi sono altri rischi meno evidenti?

I benefici per alcuni di questi paesi riguarderanno naturalmente le infrastrutture, l'energia, le attività economiche. I rischi potrebbero riguardare il fatto che molti di questi progetti verranno creati senza molte preoccupazioni riguardo l'impatto ambientale e sociale. Lo abbiamo già visto prima in Cina e lo abbiamo visto anche in alcuni progetti cinesi al di fuori della Cina.

Ho sentito che l'Asia Infrastructure Investment Bank (AIIB), guidata dalla Cina, sta davvero cercando di valutare i progetti usando criteri ambientali, sociali e di governance e il loro ritorno sull'investimento, ma presumibilmente hanno poco personale. Un altro rischio riguarda il trasferimento dell'inquinamento e che la Cina è coinvolta in circa 100 nuove centrali elettriche a carbone lungo il BRI. Questo fattore dovrebbe essere incluso nell'inventario del carbonio o negli impegni climatici in Cina? Gli altri rischi sono importanti per la Cina. Vuole davvero dover gestire i progetti in alcune di queste aree in cui si verificano così tanti conflitti. È pronta?

La Cina sta investendo nel campo della genetica, per esempio con programmi sugli animali domestici modificati geneticamente o alimenti GMS come soia transgenica. Esiste già un mercato per queste società? Quali sono i rischi di una regolamentazione parziale del settore?

C'è molto da fare in Cina per quanto riguarda la genetica e l'editing genetico, e per quanto riguarda gli organismi geneticamente modificati, c'è molta ricerca, ma nel complesso non c'è molta trasparenza e i ricercatori sono molto reticenti nel parlare del loro lavoro. Rispetto a quelli in occidente che vogliono far conoscere quello che stanno facendo, sembra il contrario qui. Non c'è alcun vantaggio reale per loro di parlare di quello che stanno facendo e di farlo sapere al grande pubblico, dato che la maggior parte di loro sono legati a istituzioni affiliate a enti governativi con finanziamenti governativi, quindi se dicono la cosa sbagliata potrebbero avere ripercussioni. C'è una vera paranoia su questo argomento, credo.

Quanto è cambiata la Cina dalla prima volta che hai visitato il paese?

Sono stato a Pechino i miei primi tre anni e mezzo, poi a Shenzhen dalla metà del 2010. Shenzhen è cambiata molto proprio in quegli otto anni. Ci vorrebbe troppo tempo per entrare in tutti i miei pensieri su questo al momento. Solo un piccolo aneddoto. Un anno fa ho iniziato a utilizzare WeChat per pagare il mio telefono quasi esclusivamente in Cina. Posso comprare frutta da un ragazzo per strada scansionando il suo codice. Quando ho iniziato a fare questo, ho anche visitato la mia città natale in Illinois e tutto sembrava così lento e arretrato, con pochi cambiamenti o anche solo pochi pensieri di cambiamento.

C'è del buono anche in quella lentezza e arretratezza, naturalmente. Ma vivendo a Shenzhen, tutto sembra cambiare così velocemente e qualche volta può essere difficile da tenere il passo. Se torni in una zona della città dopo un anno, tutto sembra diverso per quanto è stata costruita.

Ho vissuto in cinque diverse aree distinte di Shenzhen e ognuno ha subito enormi cambiamenti negli ultimi anni. La comodità di vivere qui sono i servizi di prim'ordine. Posso praticamente ottenere la maggior parte delle cose di cui ho bisogno in un raggio di una camminata di 15 minuti e, in caso contrario, ordinarlo online e ottenerlo in uno o due giorni.

Che consiglio daresti a un giovane che vuole avvicinarsi al mondo del giornalismo in Cina?

Abituati al rifiuto. Nessuno vuole parlarti se sa che sei un giornalista. O se lo fanno il tutto è pesantemente scriptato e spesso senza molto contenuto. Abituati a utilizzare un fax. Molti uffici governativi e alcune aziende richiedono che tu invii loro le tue domande via fax e stampi il documento con il timbro ufficiale della tua compagnia. Tra le centinaia di fax che ho dovuto inviare, ci sono state solo poche risposte. Questo è il buco nero del fax. Nessuno sa esattamente dove sia, ma è là fuori, da qualche parte. Questo processo spesso ti fa domandare se il tuo fax funzioni o meno. E questo solo per non ottenere una risposta.

La cosa migliore è lavorare in un'organizzazione forte con una squadra forte. È molto difficile da freelance qui. Più isolante di quanto io ritenga fare il freelance in altri luoghi, e l'ho fatto da Bruxelles, e dagli Stati Uniti. Inoltre, questo è semplice, ma studia il più possibile il cinese al tuo primo arrivo. Non l'ho fatto molto bene. Riesco a capire un bel po 'ora e posso andare in giro con il mio modo di parlare, ma non sono ancora molto fiducioso per conversazioni più profonde o tecniche. Penso che se avessi passato da tre a sei mesi a studiare adesso, avrei potuto raggiungere un buon livello. È stato difficile trovare il tempo o i soldi per farlo negli ultimi anni, soprattutto da quando mia moglie ed io abbiamo avuto due figli negli ultimi cinque anni.

Foto cortesemente concessa da Michael Standaert
Immagine iniziale, Matteo Damiani

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a CinaOggi, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.
VPN China