Simon Chung è un regista di Hong Kong trasferitosi in Canada all’età di quindici anni.

Si è laureato alla York University di Toronto, dove si è specializzato nella produzione cinematografica. Dopo essere tornato a Hong Kong, ha lavorato nel settore cinematografico e televisivo locale. Ha lavorato come regista indipendente, i suoi cortometraggi Life is Elsewhere, Stanley Beloved e First Love and Other Pains hanno vinto numerosi premi in festival internazionali. Il suo primo lungometraggio, Innocent, è stato presentato in anteprima all'Hong Kong International Film Festival e ha vinto il NFB Best Canadian Film Award al Toronto International Film Festival di Toronto. Il suo secondo lungometraggio, End of Love, è stato presentato al Festival di Berlino nel 2009, mentre il suo terzo lungometraggio, Speechless, è stato presentato al BFI London Lesbian & Gay Film Festival. È membro fondatore di Ying E Chi, un casa di distribuzione indipendente di film ad Hong Kong.

Facebook | Simon Chung su China Underground Movie Database

Intervista di Dominique Musorrafiti

CinaOggi: Sei cresciuto a Hong Kong e Toronto. Che ruolo hanno avuto nella tua formazione personale?

Simon Chung: Sono cresciuto a Hong Kong e sono partito per il Canada quando avevo 15 anni. Mi sento molto fortunato ad essere abbastanza esperto in entrambe le lingue e culture.

I-Miss-You-When-I-See-You-intervista-simon-chung

Ho letto che hai studiato all'Università Battista di Hong Kong: un'istituzione con un'eredità di educazione cristiana. Ha influito sulla tua identità personale?

La Baptist University ha un programma cinematografico molto noto, e mentre studiavo e lavoravo lì ho iniziato a realizzare cortometraggi. I miei primi cortometraggi come Life is Elsewhere e Stanley Beloved hanno vinto premi internazionali, che mi hanno incoraggiato a continuare il percorso del cinema indipendente fino ad oggi.

Il primo corto di Chung fu Chiwawa Express, realizzato nel 1992

I-Miss-You-When-I-See-You-intervista-simon-chung

Cosa ti ha motivato a diventare un regista, come hai iniziato la tua carriera artistica?

Ho studiato cinema e ho sempre voluto fare film. Quando tornai a Hong Kong, trascorsi alcuni anni a lavorare in pubblicità, TV e film, e poi ho ottenni un lavoro come tecnico presso la Baptist University, che mi ha dato accesso ad alcune attrezzature e nel tempo libero durante le pause del semestre, ho iniziato a realizzare cortometraggi e in seguito film.

I-Miss-You-When-I-See-You-intervista-simon-chung

Chi ti ha influenzato come persona e regista?

Sono molte le mie influenze cinematografiche: Bergman, Yasujirō Ozu, Hao Hsiao Hsien ecc. Per "I Miss You When I See You", i film dei fratelli Dardenne (Jean-Pierre e Luc) hanno avuto un'enorme influenza.

“In I Miss You When I See You, il regista Simon Chung si avventura nel dominio socialmente invisibile della depressione e dell'omosessualità” HKIFF

In quanti dei tuoi progetti lavorativi possiamo trovare dalla tua esperienza personale di vita?

Tutti i miei film sono ispirati da esperienze personali e da persone vicine a me. Ma i film non sono realmente autobiografici. Una volta che inizio una sceneggiatura, i personaggi prendono vita da soli.

I-Miss-You-When-I-See-You-intervista-simon-chung

Da dove viene l'idea del film “Speechless”?

L'idea di Speechless proviene da una notizia che ho letto su un uomo che è stato trovato sulle rive dell'Inghilterra. Non aveva nessun documento con lui e non poteva parlare, proprio come il personaggio nel mio film. Ho ambientato la storia in Cina perché volevo esplorare questa storia in un contesto cinese, in particolare in una piccola città in Cina.

Puoi parlarci del tuo ultimo film "I Miss You When I See You"?

Il film è stato concepito nel 2011 e ha attraversato un lungo processo di riscrittura e ricerca di finanziamenti. Dopo molti tentativi di trovare supporto nel settore, abbiamo deciso di produrlo indipendentemente. Il tema affrontato è quello della depressione e la ri-unione con i cari del passato è un argomento che è molto vicino al mio cuore.

I-Miss-You-When-I-See-You-intervista-simon-chung

Hai un film a cui ti senti più affezionato? Perché? Hai affrontato momenti inaspettati o particolari durante le sue riprese?

Intendi dei miei film? Mi piace "I Miss You When I See You" di più. La scena sotto la pioggia è stata una ripresa memorabile. Erano le 3 del mattino quando abbiamo iniziato. Avevo paura che non avremmo avuto abbastanza acqua per la pioggia e che sarebbe arrivata la luce. Ho anche dovuto portare il mio cane Buddy alle riprese, il che ha complicato le cose.

Puoi condividere con noi una storia dal backstage di uno dei tuoi film?

L'appartamento di Jamie nel film è casa mia, e Buddy è il mio cane. Dopo aver realizzato il film, ho venduto l'appartamento e mi sono trasferito in Thailandia con Buddy e il mio altro cane. Purtroppo, Buddy è morto lo scorso dicembre.

I-Miss-You-When-I-See-You-intervista-simon-chung

Da quando hai fatto il tuo primo lavoro, fino ad ora, pensi che ci siano differenze o cambiamenti nella percezione dei gay in Cina e in Asia? Ci sono stati progressi in termini di diritti e rispetto?

Negli ultimi anni, alcuni posti come Taiwan stanno prendendo in considerazione la legalizzazione del matrimonio gay e il Giappone ha reso legali le coppie omosessuali. Tuttavia, i gay sono ancora repressi in Cina, e i film gay non possono essere mostrati lì.

Tu e altri registi siete fondatori dell'organizzazione cinematografica no-profit Ying E Chi. Puoi dirci perché avete deciso di fondarla?

S C: Abbiamo fondato Ying E Chi con l'intenzione di fungere da piattaforma per la distribuzione indipendente di film. Nel corso degli anni, abbiamo aiutato centinaia di film di Hong Kong e registi indipendenti asiatici a trovare un pubblico.

"I film gay sono una nicchia, ma anche una gabbia, poiché limitano il modo in cui le persone ti vedono come regista. Anche le aspettative del pubblico gay possono essere un po' limitanti. La maggior parte del pubblico giovane è deluso se non c'è una storia con un coming out o una storia d'amore glassata; i miei film non si adattano a questo paradigma. Non voglio solo celebrare la vita gay con belle storie d'amore. Voglio mostrare i lati più oscuri della vita gay, e il pubblico gay non sempre apprezza la visione di questo lato. " Fridae.Asia

I-Miss-You-When-I-See-You-intervista-simon-chung

Foto cortesemente concesse da Simon Chung

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a CinaOggi, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.
VPN China