Qin Leng è nata a Shanghai, si è trasferita con la sua famiglia in Francia e, successivamente, si è spostata in Canada.

Ha prodotto cortometraggi animati, che sono stati nominati in vari festival cinematografici nazionali ed internazionali. Qin Leng ha sempre amato ritrarre l'innocenza dei bambini e ha sviluppato una predilezione nell’illustrare i libri per bambini. Disegnare è la sua passione. Sogna di poter illustrare e condividere le sue idee e le sue emozioni.

Official site | Tumblr | Instagram | Facebook | Twitter

Intervista di Dominique Musorrafiti

CinaOggi: Cosa ti ha spinto a diventare un illustratrice?

Qin Leng: Ho sempre disegnato, per tutto il tempo che ricordo. Anche mio padre è un artista. Sin dalla più tenera età, mi sono interessata al mondo delle arti visive. Sono andata all'università per studiare Film Animation ed ho iniziato a lavorare come designer per le serie televisive nel 2006. Tuttavia, ho continuato a disegnare nel mio tempo libero e ho realizzato abbastanza velocemente che non ero soddisfatto semplicemente disegnando a casa ... Volevo che il mio lavoro fosse pubblicato. Così, nel 2009, dopo aver inviato il mio portfolio a un gran numero di editori, ho ottenuto la prima pubblicazione di una mia opera. Il mondo dell'illustrazione è così vasto con così tanti progetti su cui lavorare, che lo trovo incredibilmente stimolante. È un modo perfetto per mettermi costantemente alla prova e perfezionare il mio stile.

Qin Leng illustratrice bambini
Ti ricordi la tua prima illustrazione? Di cosa parlava?

La mia prima illustrazione è stata all'età di 3 anni quando sono andato dal parrucchiere per la prima volta. Sono tornato a casa e ho disegnato la mia esperienza: io, su una sedia, con i capelli sul pavimento, uno specchio, una tonnellata di strumenti sul bancone e capelli per terra. I miei genitori furono impressionati dalla quantità di dettagli che avevo osservato e tradotto nell’immagine. La mia prima illustrazione commissionata è stata invece la copertina di un libro a capitoli di saggistica su un argomento piuttosto serio in realtà: l’esperienza della gravidanza nelle giovani adolescenti, intitolata "Caro diario, sono incinta". Mi è sembrato incredibile che le mie illustrazioni potessero essere usate per far ridere i bambini, ma anche per aiutare ad affrontare problemi seri come questo argomento.

Il disegno è iniziato per hobby, ma presto è diventato un modo di esprimersi

Qin Leng illustratrice bambini

Preferisci lavorare di più usando strumenti digitali o tradizionali?

Senza dubbio, preferisco di gran lunga lavorare con gli strumenti tradizionali. Anche se lavoro sempre digitalmente nello studio di animazione dove sono impiegata a tempo pieno. Mi sento più a mio agio disegnando con una matita o un pennello su carta per i miei progetti di illustrazione. Amo la sensazione della carta sotto le mie dita, così come il flusso organico di lavorare con la vernice e lasciare che gli errori felicemente diano carattere al mio lavoro.

Qin Leng illustratrice bambini

Perché hai deciso di focalizzarti sui libri per bambini?

Ho sempre amato disegnare bambini. La loro innocenza, la loro pura gioia non filtrata, la loro ingenuità quasi stupidità, sono tutte qualità che mi sforzo di tradurre nel mio lavoro.

Qin Leng illustratrice bambini

Ti piacerebbe creare storie grafiche anche per un pubblico più grande?

Mi piacerebbe davvero. Dopo aver fatto più di 40 libri per bambini, mi piacerebbe davvero provare qualcosa di diverso e mettermi alla prova. Spero di trovare un autore con cui collaborare a un progetto del genere.

Qin Leng illustratrice bambini

In una tua biografia, dici di avere una gemella. Quali sono i ricordi migliori d'infanzia nel crescere insieme?

La mia gemella ed io siamo migliori amiche. Facciamo tutto insieme, finiamo la frase l'una dell'altra e spesso diciamo esattamente la stessa cosa, esattamente nello stesso momento. Non ho un ricordo specifico con mia sorella, ma molti dei nostri aneddoti vengono rappresentati anche nelle mie illustrazioni. In realtà ho fatto anche una mini serie di fumetti sulla mia vita a Toronto con la mia gemella.

Qin Leng illustratrice bambini

Sei nata in Cina, cresciuta in Francia, ora vivi in Canada. Quali sono le principali differenze che noti nell'educazione e nelle relazioni?

Non ricordo molto della Cina. Quando mi sono trasferita avevo 4 anni. Ho trascorso 5 anni in Francia, ed è lì che ho iniziato ad avere dei ricordi più chiari e belli della crescita. Non è un cliché dire che i francesi hanno una "joie de vivre - gioia di vivere". Sanno come prendere le cose lentamente e goderne ogni minuto. Da bambina, ho fatto tante attività con la mia famiglia ed anche con la scuola. Avevamo lezioni fuori all’aperto nell verde, imparando e mettendo le nostre mani sulla natura, le piante, gli animali ed il cibo. L'arte e la cultura sono qualcosa che viene insegnato sin dalla più tenera età e penso che abbia fortemente influenzato il mio interesse per le arti visive e il mio stile illustrativo.

Qin Leng illustratrice bambini

Le sue illustrazioni riflettono entrambe le culture orientale ed occidentale

La vita in diversi paesi ha influito sul modo di illustrare e di vivere?

Penso che il fatto che io abbia passato i miei primi anni di vita in Francia e che stia ora illustrando per un pubblico che ha la stessa età che avevo io quando vivevo lì, significhi che il mio stile rimane fortemente influenzato dagli artisti francesi che hanno illustrato i libri che ho letto da bambina. Jean-Jacques Sempé e Gabrielle Vincent, ad esempio, sono un'importante fonte di ispirazione. E penso che il mio stile di dipingere con inchiostro ed acquerello sia molto classico.

Qin Leng illustratrice bambini

Le tue illustrazioni sono incantevoli. Quanto è stato importante per te per riuscire a comunicare in un mondo multiculturale e intergenerazionale?

Tengo sempre presente che sto disegnando per tutti i bambini del mondo. I miei libri possono iniziare in Canada, o negli Stati Uniti, ma vengono tradotti in Turchia, Cina, Corea, Russia, e voglio essere sicura che i bambini di tutti questi paesi possano riconoscersi nei personaggi che creo nei miei libri. Per esempio, mi rifiuto di disegnare un bambino stereotipato con la pelle chiara, gli occhi azzurri ed i capelli biondi come personaggio principale. Inoltre non mi piace ritrarre ragazze stereotipate nel modo femminile. O ragazzi che devono sembrare virili. Mi piacce il fatto che i miei personaggi possano adattarsi perfettamente ad entrambi. Fondamentalmente, voglio che una ragazza sia in grado di relazionarsi con un personaggio come quello maschile, così come voglio che un ragazzo sia in grado di avere le stesse opportunità di un personaggio femminile che viene illustrato nel mio libro.

Foto cortesemente concesse da Qin Leng

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a CinaOggi, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.
VPN China