Karma Hostel

0
karma-hostel-francesco-de-luca

Si parla tanto di Cina, forse troppo. Si fa la gara ad andare in Cina, a fotografarsi in Cina e a trarne un qualche vantaggio.

Comunicato stampa

Perché la Cina è forte, potente, sempre più forte e sempre più potente. E le briciole un po’ qua un po’ là cadono sempre dal banchetto e se si è pronti qualcosa si può racimolate. Questo non fa però il sinologo Francesco De Luca, di ritorno dopo nove anni vissuti in Cina, attualmente preso con la promozione online del suo romanzo e con la traduzione di poesia cinese in Italia.

De Luca affida il suo libro al web, liberalizzandolo, ogni lunedì a puntate sul sito www.karmahostel.it.

francesco-de-lucaDi cosa parla questo romanzo? Innanzitutto è un romanzo sui generis, che non rispecchia molti trend editoriali di oggi. Rifiutato dalle grandi case editrici, nonostante diverse e importanti segnalazioni, Karma Hostel ci mostra una Cina vista dal “basso”. Vista con gli occhi di un amico, di un partner. Di qualcuno che ha cercato di studiarne gli angoli più reconditi e quasi segreti. Perché, giustamente, non si può comprendere neanche marginalmente l’animo di un popolo, se non se ne conosce la lingua, se non si possono superare le barriere culturali, psicologiche e di fiducia che lo chiudono allo straniero, al “diverso” e talvolta a se stesso.

De Lu Fa, il personaggio principale di questo romanzo che ha già affascinato, in poche settimane, migliaia di lettori in in rete, è quasi uno di “loro”: mezzo cinese, mezzo italiano. Egli parla e osserva con un cuore taoista le dinamiche del fluire e del divenire della cultura cinese e dei giovani cinesi dei Duemiladieci. Giovani schiacciati sotto il peso della distruzione culturale e sociale apportata dall’imperialismo economico comunista e da un freddo e asettico sfruttamento industriale da parte dell’Occidentale. Questo sempre secondo il protagonista, ovviamente.

Hainan-stazione-di-polizia

La storia inizia ad Hainan, provincia più meridionale del continente cinese, in un paesello di pescatori cantonesi: Houhai. Qui, De Lu Fa si muove assieme a personaggi improbabili, quasi fantasmi, frutto di fantasia o di verità, non sappiamo, e, sullo sfondo della costruzione di un ostello per backpacker e surfisti, inizia una digressione misticheggiante che porta l’autore stesso a inabissarsi, di pagina in pagina, nel suo io più profondo. Avanzando come un’onda oceanica sulla spiaggia. Così, assieme a Sanwa, Ajie, Jiya, Elvis e altri ancora, l’autore ci mostra alcuni angoli di una Cina “alternativa”, psichedelica. Dalle montagne del Sichuan, alle brutture e alla poeticità di città come Chengdu, Pechino e Chongqing, fino alle spiagge tropicali di Sanya e ai piccoli paesini del Guizhou.

Tra tifoni, onde tropicali e voli fantastici alla De Quincey, De Luca ci mostra qualcosa di differente e di nuovo. Una Cina beat, giovane, ribelle, sofferente, ma anche con tanta voglia di vivere e divertente. Una comunità capace di reagire alla distruzione della propria cultura e del proprio modo di essere più autentico. Una denuncia sociale ed economica a cavallo tra Occidente e Oriente.

francesco-de-luca-2L’autore stesso lo definisce, leggiamo sul suo sito, “ un libro nudo, senza makeup e senza editing. Pubblicato così com’è nato, con gli errori. I miei errori.” Un libro che anche Renzo Paris definisce “Necessario. Emozionante”. Vladimir Di Prima aggiunge “Con Karma Hostel De Luca scava un tunnel dalle profondità abissali. Dall’Ovest di un mondo pingue e imbolsito all’Est di una realtà che divora e si divora. Sul fondo la forza di una scrittura avvolgente, una scrittura che dice senza ammiccare a giochi di retorica.” A questo punto non ci resta altro che sbirciare tra le pagine, con attenzione o curiosità questa storia che sembra già affascinare dalle prime voci di corridoio. Ogni lunedì quindi su www.karmahostel.it

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a CinaOggi, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.
VPN China

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.