Daniel Lee Postaer è un artista e fotografo americano. Nato a Chicago e cresciuto nel sud della California da una madre cinese e padre americano, Daniel ha recentemente conseguito un MFA al San Francisco Art Institute nel 2015, dove ha ricevuto la Fellowship in fotografia.

Postaer ha lasciato una carriera internazionale nel marketing e nell'intrattenimento per dedicarsi alla ricerca della vita che cambia la vita e l'arte della creazione di immagini. Il suo lavoro esplora i modi in cui l'umanità si riconcilia e resiste alla modernità - attraverso i boom globali, le rovine e gli spazi di transizione nel mezzo - mentre affronta questioni dalla capitale, razza, appartenenza etnica ed appartenenza storica.

Le foto stampate di Postaer affrontano argomenti di vasta scala e sono focalizzate sul momento iperattivo; scene surreali del teatro urbano quotidiano. Queste scene, egli le descrive all'"ottanta per cento non-fiction, venti per cento impostate", scattandole con lo stesso interesse per ciò che un'immagine potrebbe non rivelare mai.

Intervista di Dominique Musorrafiti

Sito Ufficiale | Instagram

CinaOggi: Qual è la ragione principale che ti ha spinto a diventare un fotografo?

Daniel Postaer: Avendo avuto una precedente carriera di marketing internazionale, intrattenimento e creazione di contratti, il lavoro che ho fatto, anche se a volte soddisfacente, mi è sembrato molto fugace.

Sono sempre stato appassionato nel creare immagini. Vivere il mondo con una macchina fotografica è pura tranquillità e spazio per me. C'è un elemento di controllo che sento nel nostro mondo caotico con il clic dell'otturatore. Questa sensazione continua a spingermi a fare questo lavoro. La fotografia, come nessun altro mezzo, ha il potere innato di fermare il tempo. Le immagini hanno la possibilità di vivere oltre le nostre vite. Questo mi conforta molto.

Daniel-Postaer
Postaer ha recentemente completato due mostre personali con Longmen Art Projects. La prima, su Motherland, era una mostra di 33 pezzi, su due piani, nella galleria Longmen. La seconda era una mostra personale a San Francisco intitolato Boomtown presso Photofairs Shanghai. I suoi attuali progetti a lungo termine includono Motherland (Urban China), Boomtown (San Francisco), Tokyo, The Desert, Wilshire Boulevard e The River (Los Angeles).

C O: Quando hai iniziato? Nell'era della pellicola o del digitale?

D P: Ho iniziato a creare immagini nell'infanzia del digitale. Ho sempre accettato e apprezzato il potenziale del digitale. Ho un grande rispetto, ma non ho alcuna nostalgia personale nei confronti della pellicola. Una filosofia fondamentale che mi guida attraverso l'era digitale è che una fotografia non è una fotografia finché non viene stampata. Ho poco interesse su come viene realizzata prima della stampa - sia che si originata attraverso l'esposizione della pellicola o sia elaborata tramite mezzi digitali. Sono interessato di ciò che effettivamente rappresenta la stampa fotografica.

"La fotografia, per me e per molti altri, è stata un modo per rallentare e organizzare il nostro mondo caotico. C'è una teatralità nell'esistenza quotidiana, se la cerchi" Shine.cn

C O: Qual è il tuo soggetto preferito durante una sessione fotografica?

D P: La quotidiana vita urbana. Il quotidiano. Il momento urbano è ferocemente di breve durata. Sento il dovere di dare un senso a quanto accade adesso.

C O: Cosa puoi raccontarci della tua prima volta in Cina?

D P: Mi ero appena diplomato al liceo e mia madre mi ha mandato in viaggio con altri studenti in tutta la Cina per cinque settimane. Per quanto possa essere stata d'impatto un'esperienza introduttiva come quella, non avrei potuto prevedere che in seguito che mi sarei trasferito in Cina per l'inizio della mia prima carriera, figuriamoci addirittura creando un corpus di lavoro tutto concentrato attorno alla Cina urbana e come creatore di foto.

Urumqi
Urumqi

C O: Cosa trovi in Cina che non puoi trovare in America?

D P: La Cina è il selvaggio, selvaggio Oriente. La crescita della mainland è la più rapida rispetto ogni altro paese in cui ho vissuto. La sensazione che si prova una volta scesi dall'aereo nelle principali città della Cina è inebriante, esilarante e completamente estenuante. Ogni anno della Cina urbana viene percepito come se passassero cinque anni. Quell'energia non può essere trovata, in una scala così enorme, in nessun'altra parte del mondo.

C O: Hai trovato differenze culturali tra i cinesi americani ed cinese dalla mainland?

D P: Ovviamente. Ci sono troppe differenze di cui parlare. Il divario tra l'esperienza americana e l'esperienza cinese è ampio. Tuttavia, l'apertura relativa del mercato cinese, trainata dalla tecnologia e dal web, sta restringendo il divario. Stiamo diventando più interconnessi nella nostra quotidianità, in particolare all'interno dell'esperienza urbana condivisa.

"Tutte le mie foto sono diverse, perché il mondo senza prove è imprevedibile." Chinataxphoto.com

C O: Come descriveresti il tuo progetto fotografico Motherland?

D P: Motherland è una storia d'immagini continua e di lunga durata che si sta ancora sviluppando. Ho deciso di registrare un'era del tempo della Cina urbana. La ricerca è iniziata con un fascino e un desiderio intenso, per capire da dove proviene metà del mio sangue. Mia madre, Lillian Lee, è nata a Shanghai nel 1948, mentre i miei nonni sono fuggiti dalla terraferma quando lei era piccola. Mi sono sempre chiesto come sarebbe stata la sua vita, la mia vita se fosse rimasta. Forse queste immagini mi avvicinano ad una sorta di pace intorno alla mia stessa esistenza. O un'esistenza che non è mai esistita.

C O: Hai affrontato qualche momento inaspettato durante le tue riprese fotografiche che ha creato la differenza?

D P: Ogni giorno sul campo è una nuova avventura. Il momento fotografico rimane del tutto inaspettato e questo è uno dei valori intrinseci della fotografia diretta che venero.

C O: Quale pensi sarà l'evoluzione della fotografia nell'era dei social media?

D P: Instagram è come la maggior parte delle immagini sono ora fruite. Ed è un peccato che le immagini siano visualizzate nel formato di uno schermo verticale per smartphone. La maggior parte delle fotografie sono ora assorbite nel confine da quel rettangolo instantaneo per cellulare.

Beijing
Beijing

I dettagli si perdono e sono del tutto persi in quel formato. La fotografia è nei dettagli. Credo che una stampa fotografica ben realizzata fornisca un'esperienza come non altri mezzi. Tuttavia, credo che i social media siano uno strumento per ottenere il lavoro al difuori, quindi sto ancora considerando lo loro necessità. Presto avrò e aggiornerò una pagina su instagram per condividere alcuni dei miei momenti personali quotidiani.

Ho malvolentieri messo su un sito web con solo una manciata di foto a 72 dpi. Rimango principalmente interessato a realizzare stampe dell'iper-adesso ed a condividerle in modo convincente.

Foto cortesemente concesse da Daniel Postaer

Argomento: fotografo cina

Articoli correlati