Presentata la 19ma edizione del Far East Film Festival: i film da Cina e Hong Kong

Il Festival si terrà ad Udine al Teatro Nuovo e Visionario dal 21 al 29 aprile 2017.

0
391
Far East Film Festival 19
Far East Film Festival 19

Far East Film Festival 19: Tutti i film da Cina, Hong Kong e Taiwan con le schede, le immagini in alta definizione e i trailer!

Toccherà all’irresistibile road movie Survival Family il compito di aprire, venerdì 21 aprile, il #FEFF19: un programma vastissimo che testimonia l’incredibile vitalità (produttiva e creativa) del cinema orientale.

83 i titoli selezionati, su circa 1000 visioni, e 4 le prime mondiali, tra cui l’adrenalinico Shock Wave di Herman Yau che chiuderà ufficialmente la diciannovesima edizione.

CHINA (6)

Duckweed, HAN Han, time-warp nostalgic drama, China 2017, International Festival Premiere
Hide and Seek, LIU Jie, class-struggle thriller, China 2016, European Premiere
I am not Madame Bovary, FENG Xiaogang, eternal lawsuit dramedy, China 2016, Italian Premiere
Mr. Zhu’s Summer, SONG Haolin, bitter-sweet school drama, China 2017, World Premiere
Someone To Talk To, LIU Yulin, divorce drama, China 2016, Italian Premiere
Soul On a String, ZHANG Yang, Tibetan-western road movie, China 2016, Italian Premiere (with Trento Film Festival)

HONG KONG/CHINA (3)

Kung Fu Yoga, Stanley TONG, Jackie-Bollywood style-action comedy, China/HK /India 2017, Italian Premiere
Extraordinary Mission, Alan MAK, Anthony PUN, drug-war-action-drama, China/HK 2017, International Festival Premiere
Soul Mate, Derek TSANG, girls-best friends drama, HK/China 2016, European Premiere

HONG KONG (7)

Love Off the Cuff, PANG Ho-cheung, crazy cool comedy, China/HK 2017, International Premiere
Mad World, WONG Chun, mental illness drama, HK 2016, Italian Premiere – “Creative Visions: Hong Kong Cinema 1997-2017”
A Nail Clipper Romance, Jason KWAN, surf and steel romance, HK/China 2017, International Premiere
Shed Skin Papa, Roy SZETO, quirky father-son drama, China/HK 2016, European Premiere
The Sleep Curse, Herman YAU, blood-splattered horror, HK 2017, European Premiere
Shock Wave, Herman YAU, explosive action drama, HK/China 2017, International Festival Premiere – Closing Film
Vampire Cleanup Department, CHIU Sin-hang, YAN Pak-wing, hopping vampire comedy-romance, HK 2017, Italian Premiere

CREATIVE VISIONS: HONG KONG CINEMA 1997-2017 (10)

Made in Hong Kong, Fruit CHAN, HK 1997 – restored version 2017, International Premiere
A Simple Life, Ann HUI, HK 2012
Accident, Soi CHEANG, HK 2009
After This Our Exile, Patrick TAM, HK 2006
Infernal Affairs, Alan MAK, Andrew LAU, HK 2002
Ip Man, Wilson YIP, HK 2008
Kung Fu Hustle, Stephen CHOW, HK 2004
Love in a Puff, PANG Ho-cheung, HK 2010
The Mission, Johnnie TO, HK 1999
The Grandmaster, WONG Kar-wai, HK 2013

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Le immagini dei film presentati al Far East Film Festival 19

Comunicato stampa

UDINE – Chi ha spento la luce? Non l'ha spenta nessuno e non è saltato il salvavita. No, non si tratta neppure di un guasto momentaneo: l'elettricità ha proprio smesso di esistere. Così. Di colpo. E la famiglia Suzuki, adesso, deve imparare molto in fretta l'arte della sopravvivenza: affrontare un black out planetario non è esattamente un gioco da ragazzi! Si apre qui, in un mondo improvvisamente interrotto, l’irresistibile road movie giapponese Survival Family, e si apre qui anche l’attesissimo Far East Film Festival 19: non solo perché la bella commedia di Yaguchi Shinobu farà da starting gun, venerdì 21 aprile, ma anche per una ragione di simmetria: proprio come il black out di Survival Family, infatti, il FEFF rappresenta un’improvvisa interruzione. La normalità quotidiana si blocca, così, di colpo, e il buio (in sala) del Teatro Nuovo “Giovanni da Udine” inghiotte per 9 giorni tutto e tutti.

Mai come quest’anno, tra l’altro, il Festival ha messo a fuoco un’interruzione tanto perentoria: un programma vasto, vastissimo, un enorme black out che conta 83 titoli (selezionati su circa un migliaio di visioni) e include 4 anteprime mondiali, tra cui l’adrenalinico Shock Wave di Herman Yau che chiuderà ufficialmente il #FEFF19 (sabato 29 aprile), 12 anteprime internazionali, 10 International Festival Premiere, 25 anteprime europee, 1 European Festival Premiere e 22 anteprime italiane, testimoniando l’incredibile vitalità (produttiva e creativa) del cinema asiatico!

12 i pianeti esplorati (Cambogia, Cina, Corea del Sud, Filippine, Giappone, Hong Kong, Indonesia, Malesia, Taiwan, Thailandia, Vietnam e, per la prima volta in assoluto, il Laos), più o meno incalcolabile il numero delle singole sfumature artistiche. Forse, il connotato che meglio può giocare da fil rouge tra tutti i paesi, tra tutte le declinazioni dell’arte cinematografica, è la solidità dei film stessi: ottima scrittura, ottima regia, ottima scelta del cast e della crew. Opere sempre nuove. Nuove e capaci di raccontare un’identità (sociale, geografica, culturale, politica), di rivendicare fieramente un’appartenenza (Cina, Corea del Sud e Hong Kong su tutti), di fabbricare storie, di creare stupore.

Aspettati l’inaspettato, del resto, non è solo il titolo di un vecchio (meraviglioso) poliziesco di Johnnie To e Patrick Yau: è la formula chimica, breve e perfetta, che racchiude l’essenza di tutto il cinema orientale. Davvero tutto. Ci sono luoghi in cui ogni cosa può accadere, li troviamo dentro alle favole o dentro ai sogni, e il cinema orientale è senza dubbio uno di questi. Lo sanno bene gli appassionati, lo sa bene il FEFF. Quasi vent'anni di visioni estreme, anarchiche, spiazzanti: è proprio una questione di anima, è proprio un'inclinazione naturale per l'inaspettato, e anche quest'anno lo sguardo degli spettatori ne potrà ammirare tantissimo. A cominciare, ovviamente, da quello di una certa ex colonia britannica…

Hong Kong, per il FEFF, non è solo un'inesauribile fonte di meraviglie cinematografiche: è il detonatore stesso della sua nascita. La prima scintilla. Il “C'era una volta...” da cui, nel 1998, ha preso vita tutta la storia. S’intitolava semplicemente Hong Kong Film, quello che oggi possiamo considerare il numero zero del Far East, e sarà uno dei titoli presentati allora, un titolo poi diventato oggetto di culto, il simbolo della grande retrospettiva in programma quest’anno: stiamo parlando del leggendario Made in Hong Kong di Fruit Chan, carissimo amico del Festival, che (ri)vedremo a Udine in anteprima internazionale nel magnifico restauro prodotto dal FEFF! Un capolavoro assoluto del cinema indipendente, ormai invisibile e introvabile: sia su pellicola, sia su qualunque altro supporto.

Grande retrospettiva, dicevamo, e Creative Visions: Hong Kong cinema 1997-2017 (supportata dal Governo di Hong Kong, realizzata con Create Hong Kong e l’Hong Kong Economic and Trade Office di Bruxelles, discussa con l’Hong Kong International Film Festival Society) grande lo è davvero: a 20 anni di distanza dall’handover che ha riconsegnato Hong Kong alla Cina, il Far East Film Festival 19 mostrerà 10 film che restituiscono pienamente il fervore di una città e di una comunità. Dal memorabile The Mission di Johnnie To all’altrettanto memorabile Infernal Affairs di Alan Mak e Andrew Lau, tanto caro a Scorsese, la selezione di Creative Visions emozionerà i veterani e riempirà di cinema gli occhi dei nuovi arrivi.

Nuovi arrivi e veterani, oltre a ritrovare o - finalmente! - scoprire l’ormai celebre atmosfera informale del FEFF (nelle asian zone del Teatro Nuovo, roccaforte storica del Festival, e nel cuore della città, punteggiato ancora una volta dai 100 appuntamenti di Far East Events), incroceranno sicuramente attori, attrici, registi, “addetti ai lavori” di tutti i tipi e, chissà, magari i 10 giovani talenti del FEFF Campus, la scuola di giornalismo guidata da Mathew Scott, i produttori del workshop internazionale Ties That Bind (nona sessione italiana) o i key-player che raggiungeranno Udine da tutto il mondo per la seconda edizione di FOCUS ASIA.

Se lo scorso anno il FEFF aveva sperimentato la prima esperienza Industry, mettendo a disposizione dei buyer asiatici ed europei la possibilità di confrontarsi sulle produzioni cinematografiche di genere (cioè sui “prodotti finiti”), quest’anno passerà infatti alla fase successiva: FOCUS ASIA diventa uno spazio operativo dove realizzare il cinema del futuro! Sono 13 i progetti cinematografici di genere (targati Spagna, Indonesia, Giappone, Francia, Taiwan, Italia, Brasile, Laos, Singapore, Finlandia, Serbia e Lituania) che verranno presentati durante la seconda edizione di FOCUS ASIA. Il Teatro Nuovo ospiterà gli incontri (nella Sala Fantoni e nel lounge del quarto piano, dedicato ai meeting one-to-one e alle tavole rotonde con i decision maker) e il Visionario ospiterà, invece, le market screening.

“Festa del cinema”, prima ancora che “Festival” nell’accezione tecnica più convenzionale, il FEFF si è trasformato nel corso del tempo in una vera e propria “Isola del cinema”: un posto dove i film vengono mostrati, commentati, respirati, ideati e, appunto, anche realizzati. Film popolari, film fortemente riconoscibili e catalogabili (per genere e provenienza), film che permettono, ormai, agli organizzatori di strutturare il programma come una piattaforma on demand e agli spettatori di operare scelte ben precise. Cerchi un musical taiwanese? Ecco 52Hz, I Love You di Wei Te-sheng. Cerchi una transgender comedy filippina? Ecco Die Beautiful di Jun Robles Lana (verrà presentato sotto il segno del FVG Pride). Cerchi uno splatterone hongkonghese? Ecco The Sleep Curse di Herman Yau.

Cresciuto e maturato assieme al FEFF, edizione dopo edizione, il pubblico (anzi: la tribù dei fareastiani) sa benissimo cosa chiedere allo showbiz asiatico, e i “nuovi arrivi”, come li abbiamo definiti qualche riga fa, stanno invece per scoprirlo: tutto ciò che serve, per muovere i primi passi, è amare il cinema, lasciando fuori dalla porta i pregiudizi e la pigrizia. Al resto, provvederà il secondo film dell’Opening Night, cioè il super action cambogiano Jailbreak di Jimmy Henderson (regista italianissimo, a dispetto del nome e del “trasloco orientale”). Al resto, provvederanno tutti gli altri titoli del ricchissimo programma. Al resto, provvederanno la coppia più bella del cinema giapponese, Takumi Saitoh e Aya Ueto, e i due giganteschi Gelsi d’Oro alla carriera di quest’anno: lo “Spielberg cinese” Feng Xiaogang e il super divo Eric Tsang!
Ora manca davvero poco, al grande black out che dal 21 al 29 aprile inghiottirà tutto e tutti, ma state tranquilli: ogni singolo film produrrà il giusto quantitativo di energia per sopravvivere. Perché il cinema è cultura è la cultura, soprattutto oggi, è uno dei pochissimi antidoti al buio. Quindi… buio in sala! Senza paura.