Un nuovo parco industriale in Senegal attira massicci investimenti cinesi

0
parco industriale in Senegal
Visitatori e uomini d'affari in visita in uno stabilimento nel parco industriale di Diamniadio in Senegal organizzato dalle Nazioni Unite. 15 novembre 2016, REUTERS/Nellie Peyton

Quattro nuovi impianti industriali sono stati costruiti alla periferia di Dakar, la capitale del Senegal, nella prima fase del piano governativo.
Il paese africano è alla ricerca di investimenti di quelle compagnie cinesi che vogliono delocalizzare in Africa per far fronte all'alzarsi dei salari in Cina.

Numerosi stati Africani sono in competizione per attirare gli ingenti investimenti cinesi che potrebbero portare milioni di posti di lavoro. Al momento, l'Etiopa guida i paesi africani nella corsa per gli investimenti, specializzandosi soprattutto nel settore tessile.

E' arrivato il momento del Senegal, le cui esportazioni per ora sono prevalentemente costitute da arachidi e pesce, e fino ad oggi era caratterizzato da un base manufatturiera irrilevante. Un nuovo parco industriale è stato costruito a Dakar e un importante contratto con Helen Hai, la donna d'affari cinese che ha portato gli investimenti in Etiopa, è stato firmato.

Grazie ad una situazione governativa stabile e all'accesso all'Oceano Atlantico, il Senegal è un candidato ideale per attirare gli investimenti esteri. Oggi però, è ancora un paese povero, collocandosi in 147sima posizione su 190, secondo i dati della Banca Mondiale per quanto riguarda l'indice di imprenditorialità, a causa di problemi legati alla burocrazia e all'accesso di fonti energetiche.

I quasi 140 milioni investiti nella cittadina di Diamniadio rappresenta un'importante scommessa per resuscitare il settore manufatturiero, in crisi da decenni.

Il Senegal soffre di una sottoccupazione cronica che costringe milioni di senegalesi a fuggire all'estero alla ricerca di una vita migliore.

Secondo il ministro per le miniere e l'industria senegalese, Aly Ngouille Ndiaye, molte compagnie cinesi stanno scoprendo il Senegal per la prima volta. Nel settore industriale, il Senegal ha solo da imparare dalla Cina, secondo il ministro.

Kenya, Tanzania e Rwanda sono tra i paesi che inseguono gli investimenti cinesi nel settore tessile, pianificando nuove aree industriali negli ultimi anni.

La Cina ha investito massicciamente anche in Ghana e Nigeria, le economie più importanti dell'Africa Occidentale, intensificando le proprie operazioni finanziarie soprattutto nel settore delle infrastrutture e delle miniere.

C&H Garments, una compagnia cinese attiva soprattutto in Etipia e Rwanda, ha pianificato di assumere 5000 operai nel complesso di Diamniadio e di esportare i prodotti negli Stati Uniti e in Europa, ha detto Helen Hai, cofondatrice del gruppo. Secondo Hai, l'impianto sarà operativo entro l'anno.

Almeno 20 compagnie dal Senegal, Nord Africa, Europa ed Asia hanno fatto richiesta di utilizzare gli impianti. Nel frattempo il Senegal cercherà di riformare il suo settore fiscale per favorire le zone economiche speciali.

Un edificio amministratico a Diamniadio. 15 Novembre 2016. REUTERS/Nellie Peyton

Secondo Helen Hai, se questo progetto in un paese africano a lingua francese dovesse avere successo, potrebbe insescare un effetto a catena, coinvolgendo altri stati africani nel processo di modernizzazione.

In Etiopia, dopo l'apertura dello stabilimento di Hai vicino ad Addis Ababa nel 2012, altri marchi si sono coagulati e gli investimenti stranieri sono cresciuti del 300 percento nel 2014, arrivando a 1,2 miliardi di dollari, secondo i dati delle Nazioni Unite.

Il Senegal offre salari mediamente più alti dell'Etiopia, ed anche i costi energetici sono maggiori, ma la sua posizione favorevole, lo rende un candidato ideale per le esportazioni verso Europa e Nord America. La sfida che aspetta il Senegal però è complessa, e dovrà velocemente modernizzarsi per emergere in un gara altamente competitiva.

Fonte: Reuters

Articoli correlati