Divieto nel Xinjiang cinese di portare barbe lunghe e velo

Le restrizioni introdotte riguardano l'uso di barbe eccezionalmente lunghe, indossare il velo in luoghi pubblici, il rifiuto di guardare la televisione di stato ed altro.

0
560
Xinjiang-Restrizioni per i musulmani cinesi
Donna musulmana nello Xinjiang

Il governo cinese ha imposto nuove restrizioni nella regione occidentale a maggioranza musulmana dello Xinjiang in quella che è stata descritta come una campagna contro l'estremismo islamista.

Restrizioni per i musulmani cinesi nello Xinjiang

Le restrizioni introdotte riguardano l'uso di barbe eccezionalmente lunghe, indossare il velo in luoghi pubblici e il rifiuto di guardare la televisione di stato.

Lo Xinjiang è una regione storicamente popolata dall'etnia Uigura, di discendenza turca, tradizionalmente di religione musulmana. Secondo i rappresentanti del World Uyghur Congress, gli uiguri subiscono costanti discriminazioni da parte del governo centrale, discriminazioni che hanno portato a rivolte anche violente nella provincia e ad attacchi terroristici contro la comunità cinese locale, non solo nello Xinjiang.

Gli Uiguri rappresentano il 45% della popolazione della regione, mentre il 40% è rappresentato da cinesi Han. Solo nel 1949, la Cina ha riportato sotto il suo controllo lo stato del Turkestan Orientale. Da allora, la regione è stata oggetto di una progressiva sinizzazione, attraverso una grande immigrazione di cinesi Han.

Il governo cinese da parte sua ha sempre indicato i milatanti islamisti e i separatisti come i responsabili di questi atti violenti.

Secondo alcuni gruppi a tuttela dei diritti umani, le azioni repressive della polizia cinese, porterebbero all'esasperazione gli abitanti locali, spingendo alcuni verso l'estremismo, innescando un perverso circolo vizioso, dove la polizia interviene e reprime generando sconforto, rabbia e malessere tra la popolazione che talvolta reagisce in maniera esasperata e violenta.

In passato erano già state adottate misure simili, ma solo da questa settimane sono diventate sanzioni legali. Secondo Reuters, il divieto riguarderebbe anche altri 'crimini' come:

  • Non consentire ai bambini di frequentare le scuole governative
  • Esclusione delle famiglie dalle politiche familiari
  • Danneggiare deliberatamente documenti legali
  • Sposarsi solo attraverso il rito religioso

Queste normative inoltre impongono ai lavoratori nei luoghi pubblici come stazioni ed aeroporti, di agire attivamente contro coloro che coprono completamente il corpo, o che indossano il velo sul volto, impedendo loro l'accesso alle strutture e a denunciarli alla polizia locale.

Le restrizioni sono state approvate dai legislatori locali e sono stati pubblicati sul sito ufficiale del governo regionale.

Le autorità cinesi in passato avevano già introdotto altre misure, comprese restrizioni per l'ottenimento del passaporto.

Fonte: BBC

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a CinaOggi, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.