L'Uffico 610 è un'agenzia di sicurezza cinese chiamata in questo modo per essere stata creata il 10 giugno del 1999, fondata con lo scopo di coordinare e finalizzare la persecuzione del Falun Gong.

Dal momento che si tratta di un ufficio guidato dal partito, senza un mandato legale formale, è stata descritta come una organizzazione extra-legale, ed è il braccio operativo del Central Leading Group on Dealing with the Falun Gong.

L'ufficio 610 tradizionalmente è stato condotto da alti esponenti del partito comunista, e frequentemente ha guidato altri organi del partito o dello stato nella campagna contro il Falun Gong. E' collegato con la potente Commissione per gli affari politici e legislativi del partito comunista cinese. Uffici locali sono distribuiti a livello provinciale, distrettuale, municipale e di quartiere, con un numero di ufficiali che si stima attorno al migliaio di unità in tutto il paese.

Le funzioni principali dell'Ufficio 610 comprendono il coordinamento della propaganda anti-Falun Gong, il reperimento di informazioni di intelligence e di sorveglianza, la punizione e la "rieducazione" degli aderenti al Falun Gong. Dal 2003, la missione dell'ufficio è stata quella di espandere il suo raggio di azione ad altri gurppi religiosi, in particolar modo del qigong, che sono stati definiti eretici o dannosi verso le attività del partito comunista centrale, forse anche per contrastare l'inesorabile crescita degli aderenti delle scuole del qigong.

Il Falun Gong, conosciuto anche come Falun Dafa, è una forma spirituale della pratica del qigong. Per saperne di più sulla sua storia, sul suo pensiero e sulla sua persecuzione, vi invitiamo a leggere la scheda dedicata.

A livello locale l'Ufficio opera attraverso l'identificazione dei praticanti del Falun Gong, effettuando visite giornaliere alle case delle persone che sono state "registrate" come praticanti, coordinando e monitorando 24 ore su 24, le attività di questi fedeli. L'Ufficio non sempre esegue queste attività direttamente. Spesso delega l'attività di sorveglianza alle autorità locali, che poi effettuano dei rapporti a intervalli regolari. I più controllati sono quelli noti, ovvero ex praticanti già "rieducati", che vengono tenuti sotto osservazione affinché non siano recidivi.

L'Ufficio fa anche uso di informatori pagati civili, elargendo importanti somme di denaro e premi a chiunque possa fornire indicazioni decisive per l'arresto di membri del Falun Gong, attraverso anche la creazione di una linea telefonica operativa 24 ore su 24. In alcune zone, "misure responsabili" sono state attuate, delegando le commissioni scolastive, lavorative, famiglie e vicinati nel controllo dei memrbi del Falun Gong.

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Operazioni all'estero

Oltre alle attività svolte sul territorio cinese, l'Ufficio è coinvolto anche in operazioni di intelligence all'estero. Hao Fengjun, ex agente dell'Ufficio di Tianjin, ha testimoniato che il suo lavoro all'interno dell'Ufficio consisteva nel collezionare ed analizzare rapporti di intelligence all'estero sui praticanti del Falun Gong, compresi Stati Uniti, Australia e Canada.

Nel 2005, un agente che lavorava nell'ambasciata cinese a Berlino reclutò il Dr. Dan Sun, praticante del Falun Gong, come informatore. L'agente riferì che organizzò un incntro con Sun con due uomini che si fingevano accademici della Medicina Tradizionale Cinese interessati nello studio del Falun Gong, e Sun concordò di passare loro informazioni, poiché sperava di introdurli alla comprensione delle pratiche del Falun Gong. Gli uomini, erano agenti dell'ufficio 610 di Shanghai. Sun affermò di non essere stato a conoscenza della reale natura degli agenti cinesi, ma dal momento che aveva cooperato con loro, fu condannato per spionaggio nel 2011. Secondo Der Spiegel, il caso dimostrò quanto fosse importante combattere il Falun Gong per il governo cinese e constatò l'aggressività dell'intelligence cinese nel contrastare questa religione.

La propaganda dell'Ufficio 6-10

La propaganda è il cuore dell'attività dell'Ufficio 610, sia a livello centrale che locale. Nella commissione vi sono importanti membri del dipartimento di propaganda del partito, compreso il ministro della propaganda e il capo della Commissione sulla propaganda e lavoro idelogico. I primi attacchi sferrati dall'ufficio a livello mediatico risalgono alla fine del giugno del 1999, subito dopo la creazione dell'ufficio, ma prima della campagna contro il Falun Gong. I primi attacchi contenevano solo vaghi riferimenti al Falun Gong, che bollavano come superstizione queste pratiche, esaltando le virtù dell'ateismo. Nel giro di poche settimane, cominciò la produzione di materiale editoriali, libri, programmi televisivi che denunciavano il gruppo. La campagna divenne ufficiale dopo il 20 luglio del 1999, quando la campagna contro il Falu Gong iniziò ufficialmente.

Nei mesi seguenti, David Ownby scrive che "i media di stato producevano centinaia di articoli, libri e programmi televisivi contro la setta del qigong. Il pubblico cinese non aveva visto un attacco di tale portata dai tempi della Rivoluzione Culturale. La propaganda di stato inizialmente si appellava al razionalismo scientifico per combattere la visione del mondo del Falun Gong che era in completo contrasto con la scienza e il comunismo; Il 2 luglio del 1999, il Quotidiano del Popolo scrisse che "esiste un grande scontro tra teismo e ateismo, tra superstizione e scienza, tra idealismo e materialismo".

seguaci del falun gong
Alcuni seguaci del Falun Gong mentre vengono arrestati dalla polizia cinese. Zhang Cuiying fu arrestata e detenuta per 8 mesi dal governo, prima di essere rilasciata e di lasciare il paese per l'Australia.
fumetto Falun Gong
Le manie egocentriche del Maestro Li vengono irrise in questa vignetta.

Altri articoli denunciavano il Falun Gong per la sua pericolità per la salute. Per rendere la propaganda più accessibile alle masse, l'Ufficio iniziò la produzione di fumetti, con alcuni che paragonavano Li Hongzhi, il fondatore del Falun Gong a Lin Biao e Adolf Hitler.

Il fumetto è un distillato del pensiero del governo nei confronti del Falun Gong esplicito nella maniera più semplice e diretta possibile e questo intento è chiaro sia dal titolo del fumetto:"Li Hongzhi: l'uomo e le sue azioni malvagie". Sulla prima pagina appara un disegno di Li intento nell'effettuare una figura sacra. La didascalia recita: "Le sue azioni illegali hanno corrotto seriamente l'ordine normale della società, causando il caos per quanto riguarda i principi morali e sociali della popolazione".

fumetto falun gong
Alcuni infermieri si precipitano a soccorrere una vittima di un incidente. Una donna li blocca affermando che non è necessario perché il Maestro Li si prenderà cura della vittima.

Un'altra didascalia dice: "Li Hongzhi ha diffuso le distorsioni malevoli del Falun Gong, innalzando una visione apocalittica che ha creato terrore sociale".

Lo stile retorico è più o meno sempre quello dei poster di propaganda e dei cartoni sulla Banda dei Quattro, il gruppo radicale di sinistra che fu arrestato dopo la morte di Mao nel 1976 e che fu accusato di avere gettato la Cina nel caos tra la fine degli anni '60 e i primi anni '70 (ovvero la decade della Rivoluzione Culturale).

Numerose fonti riportano che gli agenti dell'ufficio 610 sia stati coinvolti in episodi di tortura contro gli aderenti del Falun Gong in loro custodia, compresi atti violenti o sessuali di estrema ferocia.

Fonti

Wikipedia, New York Times