Secondo il neo consigliere di Donald Trump, Steve Bannon, la guerra con la Cina è inevitabile

Riaffiora un commento di Bannon dell'anno scorso dove chiarisce il suo pensiero su una possibile guerra per il Mar Cinese Meridionale.

0
726

The Independent, pubblica un estratto di un intervista radiofonica di Bannon, dove dice che una guerra con la Cina è praticamente inevitabile entro pochi anni.

Il controverso Steve Bannon, ha suggerito che i due paesi si stiano avviando verso un possibile conflitto per il controllo del Mar Cinese Meridionale.

"Andremo in guerra nel Mar Cinese Meridionale entro 5, 10 anni, non è vero?" si domanda retoricamente, "Non c'è alcun dubbio a riguardo. Stanno costruendo banchi di sabbia e creando piste aeree praticamente permanenti e mettendo missili. Vengono qui davanti agli Stati Uniti e dicono che è un antico mare territoriale".

L'audio dell'intervista radiofonica a Steve Bannon

"Andremo in guerra nel Mar Cinese Meridionale entro 5, 10 anni, non è vero?"

Pochi giorni fa era stata la volta di un alto funzionario cinese a ventilare la possibilità di un conflitto bellico tra le due super potenze. Ad ogni modo la convinzione che una guerra possa effettivamente scoppiare è considerata possibile da molti analisti, già da qualche tempo.

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Le tensioni tra i vari paesi che si affacciano sull'Oceano Pacifico in anni recenti si sono fatte roventi, anche a causa della volontà cinese di porre sotto controllo il Mare cinese meridionale attraverso l'occupazione di alcuni arcipelaghi contestati di rilevanza strategica, come le Spratly, causando le proteste diplomatiche di praticamente tutti i paesi della zona, a cominciare proprio da Taiwan che sta giocando un ruolo importante per quanto riguarda le nuove relazioni diplomatiche tra Cina e Stati Uniti, pronti tra l'altro a mettere anche in dubbio la politica di una sola Cina, riconosciuta dal governo americano negli anni Settanta, e che ha consentito un conflitto da molti considerato inevitabile tra Cina e Stati Uniti per il controllo della provincia ribelle.

Della retorica anti cinese, Trump poi ha fatto un suo cavallo di battaglia, indicando la Cina come una delle principali colpe del presunto declino della potenza americana a livello mondiale a causa della concorrenza sleale, della delocalizzazione e di altri trucchi contabili. Ma se sono vere in parte queste accuse ( comunque nessuno ha mai costretto gli imprenditore americani a licenziare in patria per delocalizzare in Cina. Se lo hanno fatto, licenziando cittadini americani, lo hanno fatto per mera opportunità economica ) è altrettanto vero che mai gli Stati Uniti sono stati così forti e ricchi da un punto di vista militare ed economico, anche e soprattutto grazie al commercio globale.

Gli Stati Uniti oggi, nel 2017, sono una potenza economica non certo per le loro fabbriche o per l'industria pesante, ma per la tecnologia, per come hanno saputo guidare la ricerca scientifica spingendo l'acceleratore sull' innovazione. Quelle di Trump sono convinzioni economiche del secolo scorso, che daranno certamente un buon impulso sul breve termine, ma che sul lungo termine saranno disastrose. Il classico uovo oggi, anziché la gallina domani.

Siamo sicuri che il Bannon-pensiero verrà analizzato accuratamente in questi giorni e probabilmente usciranno diverse altre interessanti dichiarazioni.

Bannon in passato si è paragonato a Lenin, che come il leader russo desiderava distruggere lo stato. "Voglio che tutto collassi, e distruggerò tutto quello che è l'establishment oggi." ("The Russian leader "wanted to destroy the state, and that’s my goal too. I want to bring everything crashing down, and destroy all of today’s establishment").

Fonte: The Independent