CinaOggi > Attualità in Cina > Viaggio Fotografico: 30 anni di biciclette in Cina

Viaggio Fotografico: 30 anni di biciclette in Cina

La Cina un tempo non molto distante era considerata il “regno delle biciclette”.

Oggi le cose sono cambiate. I fiumi di bici sgangherate che percorrevano le strade delle metropoli cinesi sono stati sostituiti da motorini elettrici, automobili e furgoncini con l’avanzare della modernizzazione. Ma oggi, a causa dello smog e dell’inquinamento, la bicicletta sta cominciando a ritrovare il suo giusto posto. Non solo più un mezzo di trasporto ma anche uno strumento sportivo e un gadget da sfoggiare.

Tips: 30 years of Bikes in China

Dagli archivi fotografici di 163 vi proponiamo una galleria per ripercorrere gli ultimi 30 anni all’insegna delle due ruote.

Durante gli anni ’60 e ’70 la produzione di biciclette era uno degli imperativi dell’industria cinese.
In questa immagine si possono vedere gli stabilimenti che producevano i modelli “Phoenix” a Shanghai.

27 giugno 1981, Shanghai. La Shanghai Bicycle Factory ha preso vita dalla riorganizzazione di una fabbrica di trattori. La capacità produttiva dell’impianto raggiungeva i 2,5 milioni di pezzi l’anno. Durante il ventesimo secolo i possessori di biciclette in Cina hanno raggiunto quota 500 milioni. La bicicletta per molti cinesi ha rappresentato la prima opportunità per muoversi rapidamente.

1981, Beijing. I Pechinesi si affrettano al lavoro cavalcando le loro biciclette nere o grigie.
Un residente su tre era un fortunato possessore di una bicicletta.

1984, Tiananmen, Beijing, un parcheggio per biciclette. La Cina degli anni ’80 era famosa in tutto il mondo per essere il “regno delle biclette”. Più tardi, nel 2002, quando il presidente Geroge W. Bush giunse in visita a Beijing, gli fu regalata una bicicletta.

1986, Beijing, Chang’an Street. I tempi cambiano e arrivano i primi stranieri.
Le uniformi blu dei lavoratori ormai sono un ricordo di un passato recente.

1990, Beijing, Chang’an Street. I ciclisti percorrono le vaste corsie dedicate alle due ruote.

1991, Shanghai. Le strade della Parigi d’Oriente sono congestionate da un numero tendente all’infinito di biciclette.

1993, Heilongjiang Qiqihar. Una famiglia intera in bici. Oggi è ancora possibile vedere scene del genere, al posto delle biciclette però si utilizzano scooter elettrici. Le biciclette giunsero in Cina verso la fine del diciannovesimo secolo come regali per la corte cinese.

Negli anni ’90 arrivano le prime mountain bike a Beijing. All’epoca erano considerate dei mezzi di trasporto di lusso, pertanto il parcheggio per questo genere di biciclette costava il doppio e venivano depositate in un’area apposita.

Nel 1994 le cose cominciano a cambiare. Il governo incentiva l’acquista delle auto private. Per una decade in Cina si potranno vedere praticamente solo 5 tipi di automobili: le Santana, Jetta, Citroen, Charade e le Fiat 126P.

2001, Kunming. Nel nuovo millennio le biciclette vengono viste come gadget fashion per giovani che cominciano a praticare sport estremi.

3 aprile 2007,  Dongcheng District, Beijing. In quest’ultima decade, la percentuale di bicilette di è drasticamente ridotta. Nel 1986 le bici rappresentavano quasi il 63% del traffico nella capitale. Nel 2009 il 18%. Secondo il Beijing Municipal Transportation Commission, il 44% dei veicoli motorizzati che percorrono le strade della capitale oggigiorno percorre meno di 5 chilometri. Le biciclette potrebbero pertanto essere la soluzione per smaltire praticamente metà del traffico della capitale.

Agosto 2007, Beijing. Durante le Olimpiadi sono stati allestiti 200 punti per affittare oltre 8000 bicilette.

4 agosto 2010, Beijing, Wang Jing Area. La campagna per utilizzare le bici però non ha avuto un gran successo …

12 ottobre 2009, Beijing. Una volontaria dell’organizzazione “Friends of Nature” cerca di sensibilizzare i pechinesi all’uso delle bici all’interno della campagna “bicycle love Beijing”. Stati Uniti e Gran Bretagna spingono per recuperare l’uso delle bici nelle grandi città per mettere un freno all’inquinamento. Anche la Cina non vuole rimanere indietro. Ecco allora che Beijing ha in piano l’allestimento di numerose nuove corsie per le biciclette.

backlink> yeeyan.org

Fonte e Foto: news.163.com

Previous

Il matrimonio tradizionale cinese si trasforma in una brutta parodia

Polizia e pulizia

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.