La censura di internet in Cina fa nuove vittime

0

Fino a qualche tempo i filtri applicati dalla censura cinese verso i siti tabù erano senza dubbio più morbidi.

Ultimamente abbiamo invece assistito ad un progressivo indurimento che ha portato non solo all'oscuramente di popolari siti di social network come Youtube, Facebook o Twitter, ma anche a blocchi verso risorse per aggirare i divieti esercitati dal Great Firewall of China.

In questi giorni pertanto i vari freegate, tor, hotspot shield e ultrasurf sono stati tutti bloccati e diventa piuttosto difficile consultare i siti di maggior traffico.

La speranza è che entro qualche settimana, ovvero ora che il sessantesimo anniversario della fondazione della Repubblica cinese è alla spalle, la situazione si normalizzi.

Ad ogni modo tutte queste misure effettuare dal governo locale non possono altro che essere una cartina tornasole delle paranoie e delle paure di una classe politica.

Articoli correlati