Memorie di Zuo (Zuo Zhuan) di Zuoqiu Ming (IV sec a.C.)

Tavola dei contenuti

il

Memorie di Zuo: Fu di scuola confuciana. E’ un’opera storica ed è stata trasmessa come commento ad uno dei cinque classici (Chun qiu). 

Non è un commento a quel libro ad ogni modo.

Fra i due testi non c’è corrispondenza.

La parte dei dialoghi, veloci e vivaci, è preponderante, a scapito di quella narrativa.

Gli uomini hanno la capacità di modellare il reale, così facendo dalle loro virtù (o dai loro vizi), dipendono i successi (o gli insuccessi).

I critici più duri hanno espresso un giudizio negativo sull’opera, in quanto è permeata da eventi soprannaturali, sogni, profezie.

Lo Zuo Zhuan

Il Zuo zhuan (左傳), in genere tradotto La tradizione di Zuo o Il commento di Zuo, è un’antica storia narrativa cinese che è tradizionalmente considerata come un commento all’antica cronaca cinese degli annali delle Primavere e Autunni (Chunqiu 春秋).

Comprende 30 capitoli che coprono un periodo dal 722 al 468 aC e si concentra principalmente sugli affari politici, diplomatici e militari di quell’epoca.

Lo Zuo zhuan è famoso per il suo stile “inesorabilmente realistico” e racconta molti episodi tesi e drammatici, come battaglie e lotte, omicidi reali e assassini di concubine, inganni e intrighi, eccessi, oppressione e insurrezioni dei cittadini e apparizioni di fantasmi e portenti cosmici.

Per molti secoli, lo zuo zhu era il testo principale attraverso il quale i cinesi istruiti acquisivano una comprensione della loro storia antica.

A differenza degli altri due commentari degli Annali sopravvissuti – i commentari di Gongyang e Guliang – lo Zuo zhuan non spiega semplicemente la formulazione degli Annali, ma espone ampiamente il suo background storico e contiene un gran numero di resoconti ricchi e vivaci del periodo primaverile e autunnale (771-476 aC) storia e cultura.

Lo zuo zhuan è fonte di più detti e idiomi cinesi, più di qualsiasi altra opera classica, e il suo stile conciso e fluente venne considerato un esempio di elegante cinese classica.

La sua tendenza verso la narrazione in terza persona e la rappresentazione di personaggi attraverso il discorso e l’azione diretta divennero segni distintivi della narrativa cinese in generale, e il suo stile fu imitato da storici, narratori e maestri di prosa in stile antico per oltre 2000 anni di storia cinese successiva.

Sebbene lo Zuo zhuan sia stato a lungo considerato come “un capolavoro di grande narrazione storica”, la sua prima storia testuale è in gran parte sconosciuta, e la natura della sua composizione originale e della sua paternità è stata ampiamente dibattuta.

Lo “Zuo” del titolo era tradizionalmente ritenuto riferirsi a un “Zuo Qiuming” – una figura oscura del V secolo aC descritta come un discepolo cieco di Confucio – ma ci sono poche prove reali a sostegno di ciò.

La maggior parte degli studiosi ora crede generalmente che lo Zuo zhu era in origine un lavoro indipendente composto durante il IV secolo aC, che fu in seguito riorganizzato come un commento agli Annali.

Fonte: wikipedia, vedi bibliografia

CinaOggi
CinaOggi.it è un sito sulla Cina curato da Matteo Damiani e Dominique Musorrafiti. Il sito, dal 2002, cerca di offrire una panoramica sulla cultura cinese contemporanea e tradizionale.

Iscriviti a CinaOggi e scarica Planet China

china-suburbia-planet-china-smallInserisci la tua email per scaricare il magazine. Dopo alcuni istanti verrà generato il link da cui visualizzare il magazine. 



LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2,080FansLike
1,175FollowersFollow
305SubscribersSubscribe

Scarica Planet China

Gli ultimi articoli

il-vecchio-jia-pingwa

In uscita: Il Vecchio di Jia Pingwa

0
Al capezzale di un vecchio cantore di funerali si ricompone, tessera dopo tessera, il mosaico delle vicende legate al classico cinese Libro...
error: Il contenuto è protetto!