CinaOggi > Cultura cinese > Filosofia della Cina > I Dialoghi (Lun Yu)

I Dialoghi (Lun Yu)

I Dialoghi (論語, Lun Yu, Analecta Confuciana, ) sono un testo in prosa.

I dialoghi (論語; Lúnyǔ; letteralmente: “Conversazioni modificate”), è una raccolta di detti e idee attribuiti al filosofo cinese Confucio e ai suoi contemporanei, tradizionalmente ritenuti compilati e scritti dai seguaci di Confucio.

L’opera è divisa in 20 sezioni, e riporta i dialoghi di Confucio (551-479 a.C.) con i suoi discepoli e i detti del Maestro. 

Si ritiene che sia stato scritto durante il periodo degli Stati Combattenti (475-221 aC), e raggiunse la sua forma definitiva durante la dinastia Han (206 aC-220 dC).

All’inizio della dinastia Han i dialoghi erano considerati semplicemente un “commentario” sui Cinque Classici.

In seguito divennero testi centrali del confucianesimo verso la fine della dinastia.

Il linguaggio è di tipo sapienziale,e le sentenze seguono i dettami del buon senso.

Ci si riferisce al passato come ad una perduta età dell’oro.

Confucio accusa le classi emergenti di essere fondamentalmente immorali.

Il prevalere della legge sui riti viene condannato perché si esaurisce il contenuto umano che nei riti prendeva forma.

Il fondamento assoluto del buon governo sta nella condotta morale di chi governa.

Il ren è il principio morale fondamentale.

Confucio credeva che il benessere di un paese dipendesse dalla coltivazione morale del suo popolo, a partire dalla leadership della nazione.

Egli credeva che gli individui potessero iniziare a coltivare un senso di virtù onnicomprensivo attraverso il ren, e che il passo più fondamentale per coltivare il ren era la devozione verso i propri genitori e ai fratelli maggiori (pietà filiale).

Attraverso il rito le persone possono riconciliare i propri desideri, dimostrando il rispetto verso gli altri e il proprio ruolo responsabile all’interno della società.

Durante la tarda dinastia Song (960-1279) l’importanza dei Dialoghi come opera di filosofia fu innalzata al di sopra di quella dei vecchi Cinque Classici, e sono stati riconosciuti come uno dei “Quattro Libri”.

Il Lunyu è stato uno dei libri più letti e studiati in Cina negli ultimi 2000 anni e continua ad avere un’influenza sostanziale sul pensiero e sui valori della Cina e dell’Asia orientale oggi.

 

Previous

Note bibliografiche CinaOggi

Sunzi e l’Arte della Guerra (Bingfa)

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!