CinaOggi > Cinema Cinese > Recensioni film cinesi > The One-Armed Swordsman di Chang CHEH

The One-Armed Swordsman di Chang CHEH

Più ancora di Come Drink with Me di King Hu, The One-Armed Swordsman è il vero archetipo del wuxiapian – tant’è che Chang ne girerà un sequel nel 1969, Return of the One-Armed Swordsman, e un remake nel 1971, The New One-Armed Swordsman.

Dubei dao – The One-Armed Swordsman
di Chang CHEH (1967)

Durata: 110′
Origine: Hong Kong
Produzione: Runme Shaw
Sceneggiatura: Cheh Chang, Kuang Ni
Interpreti: Jimmy Yu Wang, Chiao Chiao, Chung-Shun Huang, Yin Tze Pan, Zhang Beishan
Direzione delle arti marziali: Tong Kai – Tang Jia, Lau Kar-leung -Liu Jialiang

Archetipo per i temi (l’allievo che vendica il maestro, l’eroe solitario votato al sacrificio), per l’ideologia maschilista e per la violenza. L’ex campione di nuoto Wang Yu interpreta Fang, un orfano allevato nel culto del suo sifu Qi, ma sbeffeggiato dai condiscepoli – e in particolare dalla figlia di Qi – per le sue umili origini. Ed è proprio quest’ultima a mutilare Fang in un duello: “il primo esempio esplicito di una castrazione simbolica nei film di chang” (Stephen Teo).

Monco, armato per di più di una spada mozza, Fang riesce comunque a sconfiggere il nemico del suo maestro, che usa invece una spada truccata. “Conosco l’interpretazione freudiana della spada come simbolo fallico”, dirà Chang Cheh, interrogato da Stanley Kwan nel documentario Yang ± Yin: Gender in Chinese Cinema (1996), “ma per me una spada è una spada”.

A Chang, alla superficie del film, interessano i conflitti emotivi, lo spirito cavalleresco minacciato dall’intrusione funesta delle donne.

A dire il vero, la malvagia castratrice è bilanciata da un’altra ragazza che aiuta Fang, ostentando però spirito pacifista e critica del codice dell’onore. E ogni love story è bandita. Chang dichiarava non a caso di essere vicino al mondo di Gu Long, lo scrittore taiwanese di romanzi wuxia più influente degli anni Sessanta, che professava il ritorno alla lezione confuciana.

The One-Armed Swordsman è anche un fondamentale saggio di regia. Facendo tesoro della lezione del cinema giapponese degli anni 60, Chang inventa un nuovo stile: l’azione ha un’evidenza concreta e tangibile, necessariamente cruda.

Ma al tempo stesso il montaggio la scompone (nei duelli ogni piano dura in media un secondo: un tour de force che sfida i prodigi che oggi si ottengono con l’Avid), la dilata e la raccorcia.

Realismo e costruttivismo concorrono a una visione di ricchezza ineguagliata: è una delle due alternative del cinema di Hong Kong accanto a quella di King Hu. Tutto deriva da qui.

Si ringrazia per la collaborazione il Far East Film Festival

Previous

The Obscure di LÜ Yue

On The Edge

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!