Ministro degli Esteri cinese: in una guerra tra Cina e USA perderebbero tutti

La Cina stempera la tensione e l'Australia sostituisce gli USA con la Cina

0
322
Wang Yi
Il ministro degli esteri cinese Wang Yi

Secondo il ministro degli esteri cinese, in un ipotetico scontro armato tra Cina e Stati Uniti ambo le parti perderebbero e ambo le parti non potrebbero permetterselo.

Wang Yi, il ministro degli esteri cinese, da Sydney in Australia afferma che non ci sarebbe un vincitore tra Cina e Stati Uniti in una ipotetica guerra per il controllo del Mar Cinese Meridionale, cercando quindi di stemperare la tensione che in questi giorni è esacerbata grazie ad una serie di dichiarazioni e provocazioni da parte della Cina e soprattutto degli Stati Uniti.

Le relazioni tra i due paesi sono decisamente peggiorate da quando il neo eletto presidente americano Donald Trump a dicembre aveva irritato Beijing per una telefonata al presidente della repubblica ribelle di Taiwan, Tsai Ing-wen. Poi, Trump aveva minacciato di imporre dazi alle importazioni negli Stati Uniti dei prodotti cinesi.

Trump e la politica di Una sola Cina

Come sappiamo, la Cina considera la provincia taiwanese come parte integrante del territorio controllato da Beijing. Il principio di Una sola Cina è ad ogni modo rispettato ed accettato a livello internazionale da quasi tutte le nazioni del mondo, a cominciare dagli Stati Uniti, dagli anni settanta. Taiwan nel frattempo è rimasta in un limbo essendo praticamente una nazione del tutto sovrana, ma non riconosciuta pienamente a livello internazionale. La situazione è rimasta immutata negli ultimi decenni, anche se nello stesso arco di tempo è cresciuta la volontà indipendentista dei cittadini di Taiwan. Il tema è da sempre controverso e finora si è evitata una guerra risolutiva rimanendo su questo equilibrio instabile. Trump, con le sue dichiarazioni, sta mettendo a rischio questo equilibrio soffiando sul fuoco indipendentista dell'isola.

La Cina alla ricerca di diventare la nazione guida del mondo

La Cina, con l'arrivo di Trump, pur dovendo affrontare le minacce del miliardario americano, ha intravisto la possibilità di soffiare il posto di nazione guida del mondo, proprio grazie alle politiche protezioniste del nuovo corso degli Stati Uniti e anche grazie all'avversione per le politiche ecologiche adottate dalla comunità internazionale per affrontare la minaccia del riscaldamento globale. Mentre Trump investe prepotentemente in carbone e petrolio, la Cina cancella gli investimenti sulle miniere di carbone, dirottandole sulle energie alternative.

Ovviamente nelle mosse cinesi c'è molta propaganda, e numerosi contraddizioni (come la costruzione di miniere in Afghanistan, in siti tutelati dall'Unesco), ma è innegabile lo sforzo cinese per fronteggiare l'inquinamento atmosferico ed idrico arrivato a livelli ben oltre l'allarmante.

Wang ha detto che la Cina è votata al mantenimento della pace internazionale, dopo il suo incontro con la ministra degli esteri australiana Julia Bishop.

"Non ci può essere un conflitto tra Cina e Stati Uniti, dal momento che ambedue le parti perderebbero e entrambe le parti non possono permetterselo".

E' importante orientare la globalizzazione economica verso una maggiore inclusione, espandere i mutui benefici in una maniera più sostenibile, ha detto il ministro degli esteri cinese

La Cina e il protezionismo

Wang ha invitato i leader mondiali a rifiutare il protezionismo, chiave di volta del pensiero di Trump, anche se questa stessa dichiarazione di intenti cinese è stata usata dall'Unione Europea per invitare la stessa Cina ad aprirsi maggiormente.

"E' necessario spendersi per l'apertura dell'economia globale" Wang ha detto. "E' importante orientare la globalizzazione economica verso una maggiore inclusione, espandere i mutui benefici in una maniera più sostenibile".

L'Australia sostituisce gli Stati Uniti con la Cina negli accordi commerciali del Pacifico

Le politiche di Trump hanno attirato le ire e le proteste di tutta la comunità internazionale, costringendo sostanzialmente a ridisignere la geografia economica, militare e diplomatica del mondo. Ad ogni modo, la Cina recentemente aveva accusato proprio il governo australiano di adottare simili politiche.

Ma oggi tutto è cambiato, e l'Australia cerca proprio nella Cina il partner per sostituire gli Stati Uniti dopo il ritiro americano dai patti commerciali del Pacifico.

"Voglio incoraggiare la Cina a considerare l'accordo" ha detto Bishop, riferendosi all'Accordo del Trans-Pacifico.