Tutte le sezioni di attualità politica dei siti internet in Cina verrano chiusi

La censura cinese si abbatte sull'informazione online

0
56

Nuovo giro di vite sull’informazione online in Cina. Il Beijing Cyberspace Administration Office del Ministero dell’Informazione oggi 25 luglio ha rilasciato un nuovo documento riguardante il flusso di informazione nel web cinese, ordinando la chiusura di tutti i servizi dei siti internet dedicati alle notizie di politica interna, economia, politica estera, notizie militari e di affari sociali, inclusi Sina, Sohu, Netease, Ifeng.com ed altri. Secondo le autorità, i portali cinesi hanno infranto la direttiva 16 della Disposizione dell’Amministrazione di notizie online, entrata in vigore nel 2005. Questa direttiva specifica che le organizzazioni di notizie private possono soltanto riportare notizie politiche già approvate dal governo centrale, ovvero possono esclusivamente pubblicare notizie già date da portali statali come Xinhua o CCTV. Alcuni feed sono già stati chiusi come Geek news di Sina .

Xi Jinping, il discusso leader cinese, sta cercando di rafforzare la sua base di potere e di silenziare i potenziali dissidenti. Se un sito infrangerà questa direttiva verrà multato. Nel frattempo, un nuovo inquietante progetto sta prendendo vita. Negli ultimi mesi, le autorità cinesi sono entrate in trattativa con i media online e gli internet provider su un progetto pilota per preparare la via al governo all’ingresso nei board di amministrazione e dell’acquisto dell’1% delle azioni delle compagnie. In cambio, le compagnie otterranno una licenza per pubblicare news quotidiane.

Nonostante le norme restrittive del 2005, i media cinesi avevano operato sostanzialmente in un’area grigia, pubblicando storie investigative sulla corruzione dei quadri governativi o altre notizie su temi sociali sensibili come le dimostrazioni in favore dei diritti umani. Ad esempio NetEase ad Aprile aveva pubblicato un’inchiesta su un ufficiale provinciale dello Hebei, Zhang Yue. La storia in seguito è stata censurata.

Autore: Matteo Damiani
Fonte: http://finance.ifeng.com

548635280_09ba71a51d_censorship
Photo by antonella.beccaria