Le stime sulla crescita cinese potrebbero essere irrealistiche

0
166

Un interessante articolo di Business Insider UK a firma di Mike Bird evidenzia come i numeri della crescita cinese possano essere manipolati.


 

Le ultime statistiche sullo stato dell'economia cinese indicano un 7% di PIL, che gia' sarebbe il peggior dato degli ultimi sette anni. La produzione industriale, le vendite al dettaglio e gli investimenti hanno tutte fallito le loro previsioni. Se la Cina misurasse il suo PIL con lo stesso standard americano ad esempio, si sarebbe registrato soltanto un 5,2% di espansione. E questo numero sebbene sembri ampiamente positivo, anche se rappresenta un brusco calo, deve fare i conti con il maggiore problema che l'economia cinese dovra' affrontare.

La montagna del debito cinese

Proprio mentre l'inflazione in territorio cinese registra i suoi minimi storici e i prezzi stanno precipitando, le compagnie manufatturiere cinesi stanno registrando una forte deflazione. Il motivo principale e' il debito. In soli 7 anni il debito pubblico cinese e' cresciuto dal 144% del 2007 al 245% nel 2014. E questo dato comincia ad essere evidentemente un problema. Dal 2003 al 2007 il debito cinese era diminuito leggermente, ma dopo il 2007, con l'avvento della crisi economica mondiale, e' schizzato verso l'alto. La deflazione, la crisi e un basso livello di inflazione non hanno fatto altro che peggiorare la situazione.

Ma la situazione reale potrebbe persino essere peggiore. Difatti, piu' volte in passato e' stato fatto notare come le statistiche rilasciate dagli organi ufficiali cinesi vadano prese e considerate con un pizzico di sale, dal momento che non c'e' interesse da parte delle autorita' cinesi di evidenziare i propri punti di debolezza. Kevin Lai di Daiwa Capital Markets in un commento a Reuters ha domandato come possa essere possibile ottenere un +7% se tutti gli indicatori mostrano stagnazione. Secondo un'altra analisi di Daiwa, le cifre cinesi sarebbero ampiamente ottimiste ma le condizioni reali dell'economia sarebbero decisamente peggiori:

"In our view, China's GDP number is becoming less exciting these days. A number that is very close to the consensus forecast will probably keep everyone happy. Many other indicators, however, are showing that economic conditions are much worse than what the GDP number suggests."

Ad esempio, analizzando il consumo di energia, indicatore palese del reale stato dell'economia, il dato mostra una crescita soltano dello 0,03%. Per dare un'idea, negli anni del periodo prima del grande stimolo industriale del 2008, la crescita era del 15% annuo. 
Un altro indicatore sono le importazioni dall'Australia e da altri paesi fornitori della Cina dell'Asean che sono in linea con quelle deprimenti del 2008, prima dello stimolo.

Fonte: Business Insider UK
Foto: Matteo Damiani (CinaOggi)