In Cina si scatena la furia anti giapponese

0
143

Di seguito alcune immagini a Changsha, Qingdao e Shanghai, dove migliaia di manifestanti hanno assaltato centri commerciali o altre attivitá gestite da giapponesi, dandole alle fiamme.

Tutto questo per quel pugno di isolotti di Diaoyu (in cinese) o Senkaku (in giapponese). Le proteste si sono diffuse in tutto il paese e anche all'estero sono state organizzate manifestazioni (pacifiche) nazionaliste da parte delle comunitá cinesi. Le immagini, ritratte in diverse cittá, si commentano da sole. I manifestanti si sono scagliati contro tutto ció che potesse ricordare il Giappone: automobili, negozi, concessionari, alberghi che ospitavano turisti giapponesi, ristoranti, etc.

 

 

Le violenze sono il frutto di un nazionalismo esasperato e dell'odio in funzione anti giapponese coltivato dalla propaganda cinese che ha utilizzato il Giappone come parafulmine per i guai del governo ricordando (ogni volta che faceva comodo) gli abusi delle truppe nipponiche in Cina durante la Seconda Guerra Mondiale.

Fonte: Shanghaiist