Furong Jie jie alla riscossa e la rivincita dell'anonimato

0
68

furong-titleFurong Jiejie è uno dei simboli della Cina contemporanea.

Gli esordi di Furong Jiejie partono dalle bacheche universitare, per proseguire con post e provocazioni sul web che l’hanno resa negli anni una discussa figura dei media cinesi. Fin da principio ha sempre dichiarato di sentirsi bella e seducente e di cercare qualcuno alla sua altezza, ma il suo aspetto ed il suo portamento erano fortemente criticati. Ora Furong Jiejie può dire di avercela fatta! Lei è la prova che una mirata campagna di posizionamento mediatico, chirurgia estetica ed esercizio fisico possono trasformare qualsiasi anonima xiaojie (molto spesso in Cina, una ragazza povera e non di bell'aspetto difficilmente potra' aspirare a un lavoro diverso da quello di cameriera o commessa) in una star. La sua tenacia, nella costante ricerca di uscire dall’anonimato, è stata finalmente premiata, dal momento che sempre più spesso è ospite ufficiale alle serate di gala accanto alle celebrità cinesi.

{gallery}001FurongJieJie{/gallery}

In questo periodo storico moltissimi giovani, e non, sono disposti a intraprendere percorsi piu' o meno tortuosi per raggiungere la popolarità. Il web cinese ha dato a molti la possibilità di mettersi in vista, ma il problema principale, in una società sovrappopolata è spiccare tra tutti. Questo implica anche l’effetto mordi e fuggi, ovvero l’attenzione per una determinata persona o realtà solo per un arco di tempo molto breve, dato che spesso chi cerca la via veloce per la fama conquista solo pochi istanti di celebrità. In passato erano poche le ragazze a posare con pochi veli sul web e per questo i loro volti e nomi diventavano popolari immediatamente, ma ora, da quando le sezioni dedicate alle giovani che si spogliano sono chiamate dai cinesi “Cosplay” o “Game” e le foto delle ragazze con pochi veli sono ormai innumerevoli, la nudità sul web non porta più un immediato beneficio sulla notorietà. Inoltre in Cina la creatività e l’originalità non sono un’equazione che garantisce automaticamente fama. Negli anni vi sono state alcune principali vie percorse dai netizen che hanno sempre funzionato e riscosso molto l’attenzione dei media e hanno fatto circolare  nomi, marchi e pubblicizzato eventi. Il primo metodo tra tutti è l’esagerata ed ingiustificata promozione di un personaggio, ovvero far circolare immagini sul nulla, parlando di persone che non fanno praticamente nulla (questo è il caso di Furong Jiejie, Sister Phoenix, etc…); un altro percorso è diventare i protagonisti di uno scandalo (Edison Chen, la modella Beast Beast ed il suo sex tape, il padre pittore che ritraeva la figlia nuda etc…); inoltre molte piccole società cinesi associano la propria immagine a ragazze in bikini o poco vestite (di recente una società per guardie del corpo ha scelto questa strategia); ultimamente anche fare leva sui buoni sentimenti, in abiti aderenti, porta i suoi vantaggi ( la bauhinia a Beijing).

{gallery}002FurongJieJie{/gallery}

Per avere successo in un mondo legato all’immagine e soprattutto nel settore dello spettacolo, dove l’aspetto è la prima qualità che conta, è necessario imparare questa prima lezione e Furong Jiejie può dire di essere passata a pieni voti. Dopo essere diventata un tormentone web molto criticato, ha lavorato per entrare dalla porta principale e mettersi quindi nella posizione che la sua notorietà non può più essere unicamente associata ad una figura goffa e ridicola, come avveniva un tempo. Ora finalmente può essere anche associata all’immagine di se' che ha sempre dipinto a parole da quando ha iniziato il suo percorso mediatico. Lo scorso mese Furong Jiejie ha partecipato ad un evento mondano importante e sedeva proprio dietro Fan Bing Bing, (come potete vedere dalle foto) alla quale spesso ora è associata per bellezza e grazie, dopo che sono apparse sul web alcune immagini che la ritraevano con un abito molto simile a quello indossato dalla famosa attrice in una serata di premiazione.

{gallery}003FurongJieJie{/gallery}

Foto: Sina, Mop, Tom, 67.com