I edizione Arcipelago@Cina; 12-25 novembre 2010

0
81

Su inziativa dell’Istituto Italiano di Cultura di Pechino in collaborazione con Stefano Martina, Direttore artistico di ARCIPELAGO – Festival Internazionale di Cortometraggi e Nuove Immagini che si svolge ogni anno a Roma a metà giugno, il 12 novembre 2010 prenderà il via a Pechino la prima edizione di Arcipelago@Cina.

Fondato nel 1992, ARCIPELAGO – Festival Internazionale di Cortometraggi e Nuove Immagini è un progetto il cui scopo è ricercare e recepire a livello internazionale le spinte più originali e i linguaggi più innovativi nell’abito dei formati audiovisivi fuori standard, cortometraggi, opere in digitale e del web. Una particolare attenzione è riservata alla produzione europea, testimoniandone cambiamenti e diversità, e disegnando una mappa il più possibile aggiornata sulle nuove tendenze e sulle attività indipendenti, marginali, sperimentali. In programma una rassegna “storica” con i vincitori delle precedenti edizioni italiane, inclusa l’edizione 2010, e una speciale rassegna dedicata al regista Pappi Corsicato (il programma vi verra’ inviato in una prossima email).

Diciotto i film del primo gruppo, divisi in tre programmi da circa 105 minuti ciascuno, sottotitolati in inglese e cinese.

PROGRAMMA

 

SCHEDE INFORMATIVE DEI 18 FILM DELLA “COMPILATION STORICA”

 

 

 

14

Regia/Director: Stefano Pasetto
Sceneggiatura/
Script, Fotografia/Cinematographer, Montaggio/Editor, Suono/Sound, Produzione/Production: S. Pasetto – Musica/Music: Gustav Mahler – Cast: Jennifer Allen (voce/voice)
Italia,
Italy, 1999 – Betacam SP – Sperimentale/Experimental – col./b&n, col./b&w – 16’

Ispirato alla vita della militante antifascista Mildred Harnack-Fish, nata a Berlino nel 1945, ma cresciuta a New York. Una riflessione sulla memoria e sulla rimozione, nella capitale europea del nuovo millennio. Camminando nella meraviglia architettonica della Berlino di oggi, e ripercorrendo a ritroso le sue prime due settimane di vita, Mildred mette a fuoco i giorni intorno al bombardamento della città, avvenuto il 3 Febbraio 1945.

Coupe de foudre” della giuria di Arcipelago 1999, dove il film vinse sia il Premio Studio Universal che il Premio Pablo Distribuzione, per poi proseguire il suo percorso al London Film Festival.

Stefano Pasetto (Roma, 1970) si è laureato in lettere moderne con una tesi su Krzysztof Kieslowski, per poi diplomarsi in montaggio al Centro Sperimentale di Cinematografia. Oltre a montare un gran numero di lungometraggi e documentari altrui, si è presto cimentato nella regia di cortometraggi e documentari, esordendo nel lungometraggio con “Tartarughe sul dorso” nel 2005.

Filmografia essenziale/Essential filmography

Uno per gli occhi, uno per la bocca; Sorelle (2000); In mancanza d’ali (2002); Prove di volo (2003); Tartarughe sul dorso (lm, 2005); Con le unghie e coi denti (2006); Il tempo sospeso del volo (lm, 2008); Il richiamo (lm, 2010).

APPUNTI PER UN FILM SU TANO (NOTES FOR A FILM ABOUT TANO)

Regia/Director: Roberta Torre

Sceneggiaura/Script, Montaggio/Editor: R. Torre – Fotografia/Cinematographer: Giuseppe Schifani, Daniele Ciprì – Produttore/Producer: Donatella Palermo, Loes Kamsteeg – Produzione/Production: A.S.P. – Cast: Enzo Paglino, Sebastiano Scozzari, Daniele Perna, Tommaso Mastrolembo

Italia, Italy, 1995 – Betacam SP – Documentario/Documentary – col. – 35’

Tanino Guerrasi nasce nel 1935 nel quartiere della Vucciria, a Palermo. È un boss di quartiere, un fratello morbosamente geloso che impedisce alle sorelle di sposarsi, un “uomo d’onore” legato agli ideali di una mafia troppo romantica per essere vera.

Un originale documentario “antropologico”, preparatorio del sorprendente e pluripremiato musical sulla mafia “Tano da morire”, uno degli esordi cinematografici più celebrati (e dissacranti) degli anni ’90.

Roberta Torre (Milano, 1962), laureata in filosofia, ha frequentato l’ Accademia d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” e la Civica Scuola di Cinema di Milano. Dai primi anni ‘90 vive tra Palermo e Roma, città nelle quali ha realizzato un gran numero di cortometraggi e documentari, prima di approdare al lungometraggio nel 1997 con “Tano da morire”, cui ha fatto seguito anche una serie di regie teatrali. Con il recente “I baci mai dati” ha partecipato all’ultima Mostra di Venezia.

Filmografia essenziale/Essential filmography

Tempo da buttare (1991); Zia Enza è in partenza (1992); Il teatro è una bestia nera (1993); Angelesse; Senti amor mio?; Le anime corte (1994); Angeli con la faccia storta; La vita a volo d’angelo (1995); Verginella (1996); Tano da morire (lm, 1997); Sud Side Stori (lm, 2000); Angela (lm, 2002); Mare nero (lm, 2006); Itiburtinoterzo; La notte quando è morto Pasolini (2008); I baci mai dati (lm, 2010).

ARIA (BREATHE)

Regia/Director: Claudio Noce

Sceneggiatura/Script: Elisa Amoruso, C. Noce – Fotografia/Cinematographer: Alberto Iannuzzi – Scenografia/Set designer: Alessandra Mura – Costumi/Costume designer: Rosalia Guzzo – Montaggio/Editor: Andrea Maguolo, Gianni Vezzosi – Musica/Music: Valerio Vigliar – Suono/Sound: Gianluca Scarlata – Produttore/Producer: C. Noce – Produzione/Production: Zanahoria Film, Orisa Produzioni – Cast: Paolo Sassanelli, Michele Amoruso, Alessandra Roca, Alberto Gasbarri

Italia, Italy, 2004 – Fiction – 35mm, col. – 28’

La gabbia dei palazzi di Tor Bella Monaca tiene rinchiusa la vita di Giorgio. Il giovane corre, spaventato, deriso. Cerca una via di fuga, vorrebbe lasciarsi scivolare fra le braccia della madre, ma non ci riesce, è solo. Ora deve scavalcare un muro altissimo per scoprire cosa c’è dall’altra parte.

Film vincitore di una serie infinita di premi nazionali (Arcipelago 2005, David di Donatello, Nastro d’Argento, tra gli altri) e internazionali (tra cui Tampere, Berlino, il Jameson Short Film Award a Venezia…), diretto con un piglio autoriale già maturo e stilisticamente consapevole.

Claudio Noce (Roma, 1975) ha lavorato come assistente e aiuto regista per il cinema e la pubblicità, dirigendo anche numerosi cortometraggi, videoclip, backstage e documentari. Con “Good Morning Aman”, distintosi alla Settimana della Critica del Festival di Venezia 2009, ha esordito nel lungometraggio.

Filmografia essenziale/Essential filmography

Alvise (1998); Snafu (co-regia/co-direction, 2000); Ai tempi der baratto (2002); Gas; Checco (2003); Aria (2004); Eclisse (2005); Gente comune; Niente storie; Appunti sul cinema; Aman e gli altri (2006); Adil e Yusuf (2007); Good Morning Aman (lm, 2009); Biancaneve e il corto (2010).

IL CARICATORE (THE REEL)

Regia/Director: Eugenio Cappuccio, Massimo Gaudioso, Fabio Nunziata

Sceneggiatura/Script, Produttore/Producer: E. Cappuccio, M. Gaudioso, F. Nunziata – Fotografia/Cinematographer: Vincenzo Marinese – Montaggio/Editor: Marta Panella – Suono/Sound: Antonio Ricossa – Produzione/Production: Boccia Film – Cast: E. Cappuccio, M. Gaudioso, F. Nunziata, A. Ricossa, V. Marinese

Italia, Italy, 1995 – Fiction – 16mm, b&n, b&w – 15’

È la storia di un uomo. Solo. Una mattina si sveglia… Tre amici inseguono invano il cinema, complici un operatore disoccupato, un fonico ubiquo, uno sceneggiatore americano. Ma il cinema è un’altra cosa…

Un vero e proprio piccolo cult-movie: premiato nel 1995 ad Arcipelago e poi al Festival di Locarno, due anni più tardi ne è stato tratto il lungometraggio omonimo. Una pietra miliare del cortometraggio italiano, del quale ha segnato in qualche modo la (ri)nascita.

Eugenio Cappuccio (Latina, 1961) è diplomato in sceneggiatura al CSC, è stato assistente di Federico Fellini. Ha debuttato come regista con il documentario “Verso la Luna” con Fellini e ha lavorato in tv prima di realizzare, insieme a Massimo Gaudioso e Fabio Nunziata, “Il caricatore”, prima corto e poi lungometraggio. Massimo Gaudioso (Napoli, 1958) vive dal 1993 Roma, dove ha lavorato come copywriter e regista. Come sceneggiatore ha firmato – tra gli altri – i film di Matteo Garrone “L’imbalsamatore”, “Primo amore” e “Gomorra”, per i quali ha ricevuto numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali. Fabio Nunziata (Cosenza, 1965), diplomato montatore al CSC, ha firmato il montaggio di un gran numero di lungometraggi, corti e documentari, tra cui “Libera”, “I buchi neri” e “Chimera” di Pappi Corsicato e “Go Go Tales” e “Napoli, Napoli, Napoli” di Abel Ferrara.

Filmografia essenziale/Essential filmography

Eugenio Cappuccio, Massimo Gaudioso e Fabio Nunziata: Un caso di forza maggiore; Il caricatore (lm, 1997); La vita è una sola (lm, 1999).

Eugenio Cappuccio: Mandarins (2002); Per un padre che non c’è (2003); Volevo soltanto dormirle addosso (lm, 2004); Uno su due (lm, 2006); Stazionaria (2010).

E:D:E:N

Regia/Director: Fabio Resinaro, Fabio Guaglione

Sceneggiatura/Script: F. Guaglione, F. Resinaro – Fotografia/Cinematographer: Paolo Bellan – Scenografia/Set designer, Costumi/Costume designer: Max Cortellini – Montaggio/Editor: F. Guaglione, F. Resinaro, Domagos Mazuran – Musica/Music, Suono/Sound: M. Cantù – Effetti visivi/Visual effects: F. Resinaro – Produttore/Producer: Giulia Achilli – Produzione/Production: Fast and Forward – Cast: Fabrizio Viganò, Camilla Frontini, Angelo D’Agostini, Domagos Manzuran

Italia, Italy, 2004 – Fiction – 35mm, col. – 14’

Dopo sei anni di esplorazione, i quattro protagonisti riescono a trovare finalmente un pianeta sul quale la razza umana, in grandissimo pericolo, potrà insediarsi. Ma il pianeta si rivela essere già abitato…

Un sorprendente e ambizioso micro-kolossal di science-fiction, ricco di straordinari effetti visivi. Premio per la Miglior Regia ad Arcipelago 2004.

Fabio Resinaro (Milano, 1981) e Fabio Guaglione (Milano, 1980) condividono la passione per il fumetto, la scrittura, la musica e la comunicazione in genere. Si sono occupati di fanzine, doppiaggio di serie animate e sviluppo di soggetti, oltre ad aver diretto cortometraggi e videoclip musicali.

Filmografia essenziale/Essential filmography

Ti chiamo io (2001); Gleba: “In un attimo” (2005); The Silver Rope (2005); Zeropositivo: “Posso stare senza te” (2006); Afterville (2008).

HABIBI

Regia/Director: Davide Del Degan

Sceneggiatura/Script: D. Del Degan – Fotografia/Cinematographer: Debora Vrizzi – Scenografia/Set designer: Anton Spazzapan Vonzina – Costumi/Costume designer, Effetti visivi/Visual effects: Dalia Colli – Montaggio/Editor: Paola Freddi – Musica/Music: Luca Ciut – Suono/Sound: Francesco Morosini – Produttore/Producer: Antonella Perrucci – Produzione/Production: Galaxia Digital Video – Cast: Rachad Massoud, Aydar Alayan, Claudio Castrogiovanni, Omero Antonutti

Italia/Libano, Italy/Lebanon, 2010 – Fiction – 35mm, col. – 20’

Il viaggio attraverso i ricordi di un uomo che ritorna bambino.

Premiato tre volte ad Arcipelago 2010: Miglior Fotografia, Miglior Montaggio e Menzione Speciale per l’interpretazione dei due giovanissimi protagonisti.

Davide Del Degan (Trieste, 1968) è laureato in Scienze Politiche e ha iniziato a lavorare come cameraman e montatore per produzioni documentaristiche di tv regionali e nazionali. Dal 2002 collabora con diverse produzioni e agenzie come regista di documentari, cortometraggi e produzioni teatrali.

Filmografia/Filmography

Interno 9 (2004); Il prigioniero (2007); Favola zingara (2009).

IN UTERO

Regia/Director: Ila Bêka

Sceneggiatura/Script, Fotografia/Cinematographer: I. Bêka – Scenografia/Set designer: Elena Macor – Costumi/Costume designer: Francesco Pappalardo – Montaggio/Editor: Tiro Sniakaj – Musica/Music: Tazartes – Suono/Sound: I. Bêka, Cristophe Zucconi – Produttore/Producer: Elena Macor, I. Bêka – Produzione/Production: Ila Bêka Film Standard – Cast: Vincenzo Caputo, Elena Degam, Francesco Pappalardo

Italia, Italy, 2001 – Sperimentale/Experimental – 35mm, col. – 10’

Alla ricerca della propria identità, un uomo parte per un viaggio all’interno della propria mente. Un percorso a ritroso nelle viscere dell’inconscio che lo condurrà fino al grembo materno, unico luogo di una possibile rinascita.

Un visionario e sarcastico percorso onirico, vincitore del Jameson Short Film Award ad Arcipelago 2002, diretto da un autore anomalo e multiforme, eclettico e iconoclasta.

Ila Bêka (alias Filippo Clericuzio, Venezia, 1969) ha realizzato più di 150 cortometraggi di meno di tre minuti per varie televisioni italiane e straniere, vincendo numerosi premi nazionali e internazionali. Per alcuni anni ha collaborato con Studio Universal, canale tv per il quale ha creato il nuovo formato dei Millimetraggi. Vive a Parigi.

Filmografia essenziale/Essential filmography

Bonsai (1999); Courts (serie/series); Millimetrages (serie/series, 2000); Millimetraggi (serie/series); Shorts (serie/series, 2001); I Have Seen My Mother Dancing In The Clouds (2003); Quodlibet (lm, 2005); Koolhaas Houselife (2008).

L’ISLE (THE ISLAND)

Regia/Director: Chiara Malta

Sceneggiatura/Script, Produttore/Producer: C. Malta – Fotografia/Cinematographer: C. Malta – Montaggio/Editor: Nicolas Clabault – Musica/Music: Gino Paoli – Suono/Sound: Claire-Anne Largeron – Produzione/Production: Vendome Films – Cast: C. Malta, Sébastien Laudenbach

Francia, France, 2006 – Sperimentale/Experimental – 35mm, col./b&n, col./b&w – 9’

Seduto in un luogo asettico, durante un’estate torrida, un uomo sta realizzando un film d’animazione. Di tanto in tanto, con regolarità, lancia sguardi complici verso l’obiettivo che lo sta inquadrando. E qui comincia una storia parallela. Chissà, forse un allucinazione…

Uno dei molti (e tra i più promettenti) sguardi della “diaspora” dei giovani talenti del cinema italiano, declinato al femminile.

Chiara Malta (Roma, 1977), dopo essersi diplomata al DAMS di Roma III, nel 2002 si è trasferita in Francia e ha seguito un corso di formazione in cinema documentario agli Ateliers Varan. Attualmente vive e lavora a Parigi.

Filmografia/Filmography

Il microcirco; Il velo (2002) ; Je m’appelle Mouhamed (2003); En t’attendant; Les montagnes russes (2004); L’été à Zedelbeek (2006); Armando e la politica (lm, 2008); J’attends une femme (2009); L’amour à trois (2010).

LUBRIFICA NOS DOMINE (O LORD, LUBRICATE US)

Regia/Director: Ivan Silvestrini

Sceneggiatura/Script, produttore/Producer: I. Silvestrini Fotografia/Cinematographer: Roberto Zazzara Scenografia/Set designer, Costumi/Costume designer: Roberta Troncarelli Montaggio/Editor: Alberto Masi Musica/Music: Cristiano Serino Suono/Sound: Giulio Capanna Produzione/Production: Ivan Silvestrini Cast: Roberta Rovelli, Luca Angeletti, Ludovico Vitrano, Daniele Monterosi.

Italia, Italy, 2008 Fiction Betacam SP, col. 14’

Elena non ha mai provato piacere nel sesso, e tutti i tentativi di dare un altro senso alla sua vita falliscono sistematicamente. Si convince così che solo Dio può davvero sbloccarla: non resta che attirare la Sua attenzione.

Un film provocatorio ed estremo fin dal titolo, diretto da uno dei registi emergenti più interessanti di questi ultimi anni.

Ivan Silvestrini (Roma, 1982) si è diplomato in regia al Centro Sperimentale di Cinematografia, dove è stato allievo – tra gli altri – di Sergio Rubini, Daniele Luchetti, Marco Risi e Giuliano Montaldo. Ha realizzato cortometraggi, videoclip e documentari ed è stato regista della serie televisiva “Black Box”, prodotta da MTV.

Filmografia/Filmography

Autodistruzione per principianti (2004); Ci vuole K… (2005); Rosso di sera (2007); Sorridi; La determinazione dei generi; Sole amico (2008); Avevamo vent’anni (2009).

LA MATTA DEI FIORI (MAD ABOUT FLOWERS)

Regia/Director: Rolando Stefanelli

Sceneggiatura/Script, Produzione/Production: R. Stefanelli – Fotografia/Cinematographer: Patrizio Patrizi – Montaggio/Editor: Roberta Penchini – Suono/Sound: Luciano Fiorentini – Musica/Music: Mauro Remiddi – Cast: Claudine Etienne, Mario Cipriani, Fabrizio Mele, Katia Biondi, Gisella Matthews, Alessandro Repossi, Patrizia Sirti, Xenia Golovanov, Giulio Turli

Italia, Italy, 1997 – Fiction – 35mm, b&n, b&w – 30’

La “matta dei fiori” s’impossessa di un prato che non appartiene a nessuno per farne il suo giardino segreto, un’isola di bellezza e armonia. Per questa piccola gioia non avrà in cambio che dolore.

Un dolente e nitido omaggio al cinema di Pierpaolo Pasolini, vincitore del premio per la Migliore Sceneggiatura ad Arcipelago 1997 e del Premio Speciale della Giuria nell’edizione 1998 del Festival International du Court Métrage di Clermont-Ferrand.

Rolando Stefanelli (Roma, 1957) ha lavorato come assistente di produzione, aiuto-operatore e aiuto regista con registi quali Lucio Fulci, Jean-Paul Goude e Michele Placido. Dopo aver realizzato una serie di corti e documentari, nel 2000 ha esordito nella regia di lungometraggio con il road movie “Il prezzo”.

Filmografia essenziale/Essential filmography

Back Stage (1992); Sexi Show (1994); La befana (1995); Il prezzo (lm, 2000).

 

NUVOLE, MANI (CLOUDS, HANDS)

Regia/Director: Simone Massi

Sceneggiatura/Script, Animazione/Animation: S. Massi – Fotografia/Cinematographer: Sara Sponga – Montaggio/Editor: S. Massi – Musica/Music, Suono/Sound: Stefano Sasso Produttore/Producer: Ron Dyens – Produzione/Production: Sacrebleu – Cast: Serge Avedikian (voce/voice)

Francia, France, 2009 – Animazione/Animation – 35mm, col./b&n, col./b&w – 8’

Nell’attraversare il campo ci coloriamo del giallo dei fiori e dello sputo del cucco.

Probabilmente il migliore (e più appartato) tra i registi italiani d’animazione della nuova leva. Il film ha ricevuto il Premio Speciale della Giuria ad Arcipelago 2010, nella competizione internazionale, per la sua intensità poetica.

Simone Massi (Pergola, PU, 1970) ha studiato cinema d’animazione presso l’Istituto Statale d’Arte di Urbino. Lavora come animatore indipendente. Di recente la Cineteca Italiana di Milano gli ha dedicato la monografia “Poesia bianca” (libro+DVD).

Filmografia Essenziale/Essential Filmography

Immemoria (1995); Racconti (1996); Keep on! Keepin’ on! (1997); Pittore, aereo; Tengo la posizione (2001); Piccola mare (2003); Io so chi sono (2004); La memoria dei cani (2006).

PASSING TIME

Regia/Director: Laura Bispuri

Sceneggiatura/Script: Francesca Manieri – Fotografia/Cinematographer: Vladan Radovic – Scenografia/Set designer: Ilaria Sadun – Costumi/Costume designer: Fiamma Benvignati – Montaggio/Editor: Cristiano Travaglioli – Musica/Music: Nando e Giovanni Di Cosimo – Suono/Sound: Antonio Barba – Produttore/Producer: Claudia Bonivento – Produzione/Production: Bonivento Film – Cast: Giorgio Colangeli, Simonetta Gorga, Barbara Piva, Fabio Massimo Amoroso

Italia, Italy, 2009 – Fiction – 35mm, col. – 10’

In un’antica casa colonica il silenzio schiaccia l’animo di una diciottenne indomita, Chiara. Tommaso, il nonno amato, giace morto nel letto dei suoi genitori. Chiara si ribella alla messa in scena vacua del dolore e dei ruoli imposti.

Miglior Cortometraggio ad Arcipelago 2010 (concorso nazionale) e Premio David di Donatello 2010.

Laura Bispuri (Roma, 1977), laureata in Lettere, è stata selezionata da Domenico Procacci per il Laboratorio Fandango, lavorando poi sui set dei loro film e collaborando alla produzione di 10 cortometraggi prodotti da Fandango e Sky. Nel 2007 ha diretto lo spettacolo teatrale “L’altra metà”.

Filmografia/Filmography

Un uomo indietro (1999); Via del Pigneto (2003); Lontano (2005); Vite infortunate (2007); Salve regina (2010).

IL PIANETA PERFETTO (THE PERFECT PLANET)

Regia/Director: Astutillo Smeriglia

Sceneggiatura/Script, Montaggio/Editor, Animazione/Animation: A. Smeriglia – Musica/Music: DJ Parkinson – Suono/Sound: Max Jacob – Produzione/Production: Antonio Zucconi – Cast: Guglielmo Favilla (voce/voice)

Italia, Italy, 2010 – Animazione/Animation – Betacam SP, col. – 8’

Un pianeta dove c’è sempre bel tempo, i soldi crescono sugli alberi e i semafori sono sempre verdi.

Fantasioso, tagliente e allusivo, ovunque venga proiettato il pubblico va in delirio. Premio alla Regia ad Arcipelago 2010.

Astutillo Smeriglia (nome d’arte di Antonio Zucconi, Pavia, 1972) è laureato in Astronomia, ha lavorato alcuni anni presso l’Osservatorio Astronomico di Arcetri e ha insegnato Fisica e Matematica a Firenze. Autore di animazioni, scrive sul blog “In coma è meglio”.

Filmografia/Filmography

Qualcosa di mai visto (2008); Il giorno del jujitsu (2009).

RACCONTO DI GUERRA (A WAR TALE)

Regia/Director: Mario Amura

Sceneggiatura/Script: M. Amura, Riccardo Brun – Fotografia/Cinematographer: Vladan Radovic – Scenografia/Set designer: Mladen Ozimica – Costumi/Costume designer: -Pinto – Montaggio/Editor: Clelio Benevento, Carlotta Cristiani – Musica/Music: Matteo Bennici – Suono/Sound: Sandro Boscolo – Produttore/Producer: Eleonora Sparagna – Produzione/Production: Studio Bici – Cast: Klement Tomic, Jasna Gavranovic, Dragan Marincovic, Ermin Sijamija

Italia/Bosnia Erzegovina, Italy/Bosnia-Herzegovina, 2003 – Fiction – 35mm, col. – 17’

Sarajevo, 1993. Un gruppo di paramilitari utilizza dei ragazzini per saccheggiare edifici appena bombardati. In cambio, li lasciano abitare nel vecchio mattatoio. In cambio, danno loro da mangiare. In cambio, non li uccidono.

Un piccolo film di respiro decisamente internazionale, vincitore ex-aequo del David di Donatello 2003 per il Miglior Cortometraggio.

Mario Amura (Napoli, 1973) è laureato in legge. Dopo una lunga esperienza come reporter si è iscritto al Centro Sperimentale di Cinematografia, dove si è diplomato in fotografia. Ha firmato le luci di numerosi cortometraggi e film, tra cui “Passaggio a sud” e “Vento di terra” di Vincenzo Marra e “In memoria di me” di Saverio Costanzo.

RITA

Regia/Director: Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sceneggiatura/Script: F. Grassadonia, A. Piazza – Fotografia/Cinematographer: Olaf Hirschberg – Scenografia/Set designer: Cesare Inzerillo – Costumi/Costume designer: Marilena Manzella – Montaggio/Editor: Desideria Rayner – Suono/Sound: Daniela Bassani, Stefano Grosso – Produttore/Producer: Massimo Cristaldi – Produzione/Production: Cristaldi Pictures – Cast: Marta Palermo, Marco Maria Correnti, Diana Sergio

Italia, Italy, 2009 – Fiction – 35mm, col. – 19’

Rita ha dieci anni ed è cieca dalla nascita. Nel suo mondo claustrofobico irrompe un ragazzino in fuga, ferito, terrorizzato. Grazie a lui, o forse grazie solo alla propria immaginazione, Rita scappa da casa e vive un enigmatico momento di libertà.

Uno degli esordi più folgoranti e più premiati – in Italia, ma soprattutto all’estero – da diversi anni a questa parte. Impressionante la verità dell’interpretazione della giovanissima protagonista, una vera non vedente. Premio Speciale della Giuria ad Arcipelago 2010, concorso nazionale.

Fabio Grassadonia (Palermo, 1968) e Antonio Piazza (Milano, 1970) hanno lavorato come consulenti per lo sviluppo progetti e per le acquisizioni dall’estero per Fandango e Filmauro. Nel 2004 hanno firmato la sceneggiatura della commedia musicale “Ogni volta che te ne vai” di Davide Cocchi.

Filmografia/Filmography

Primo film/First film.

SHQIPËRIA (ALBANIA)

Regia/Director: Fluid Video Crew

Sceneggiatura/Script, Fotografia/Cinematographer, Montaggio/Editor, Suono/Sound, Produzione/Production: FVC – Musica/Music: Panasonic – Cast: Metz Jorgy

Italia, Italy, 1997 – Documentario/Documentary – Betacam SP – col./b&n, col./b&w – 28’

Video in sei capitoli che documenta il dramma degli albanesi sbarcati a Brindisi nel marzo del 1997. “Per voi il muro non è crollato, avete eretto dei muri invisibili”: questa è la voce dello scrittore albanese Metz Jorgy, uno dei protagonisti del video. Il documentario vuole dare la parola soprattutto a chi ha avuto coraggio ed è andato lontano, e vuole raccontare l’esperienza di chi è fuggito e di chi vive in esilio. L’esperienza di chi ha attraversato 80 km di mare per dire: “Ci sono anch’io!”.

Una punta di diamante del documentario militante cresciuto all’ombra dei “centri sociali” negli anni ’90. La realtà “re-mixata” e ricostruita con sguardo (e orecchie) ben puntati sulle immagini (e sui suoni) di una ruvida e attuale contemporaneità. Premio per il Miglior Cortometraggio ad Arcipelago 1998.

Fluid Video Crew è un collettivo di produzioni video fondato nel 1995 a Roma da Davide Barletti (Lecce, 1972), Lorenzo Conte (Roma, 1974), Edoardo Cicchetti (Roma, 1973) e Mattia Mariani (Roma, 1973). Ha realizzato oltre cinquanta lavori in video e in pellicola Super8, “compilando” un’articolata documentazione socio-antropologica per rappresentare la realtà in modo da non separare mai il territorio dalle sue storie di vita, privilegiando le opere dedicate al luogo e alle storie di chi lo vive o l’attraversa.

Filmografia essenziale/Essential filmography

S.U.D. Suoni Uniti Differenti; C.S.O.A. La Torre: cronaca di uno sgombero; In diretta dal braccio della morte vi parla Mumia Abdul Jamal (1995); Sargeniscu (1996), Ambrakovskij (1997), Spakka ‘na cifra; Gli ultracorpi della porta accanto; Com. Franko (1998), Un’immagine del Che; Fuck You All – Glen E. Friedman Photographer (1999); I fantasisti (2000); Norge på langs (2002); Italian Sud Est (lm, 2003); Fine pena mai (lm, 2007).

TOILETTE

Regista/Director: Massimo Cappelli

Sceneggiatura/Script: M. Cappelli, Pietro Reggiani – Fotografia/Cinematographer: Stefano Coletta – Scenografia/Set designer: Maria Pia Sciammaro – Costumi/Costume designer: Nadia Staffini – Montaggio/Editor: Alessandro Corradi – Suono/Sound: Luigi Melchionda – Musica/Music: Paolo Carta – Produttore/Producer: Antonio Ciano – Produzione/Production: Nuvola Film, Tele+ – Cast: Rolando Ravello, Luana Colussi, Tiberio Timperi, Tiziana Foschi, Lele Vannoli, Maurizio Esposito

Italia, Italy, 1999 – Fiction – 35mm, col. – 18’

Un single sopra i trent’anni, di estrazione medio-borghese, ha organizzato nel suo appartamento la propria festa di compleanno. Amore e odii, stranezze e nevrosi vengono fuori e s’intrecciano nell’unico spazio in cui, per un momento, tutti calano la maschera per mostrarsi così come sono: la stanza da bagno. O, appunto, la “toilette”.

Commedia Italian Style e cinema muto s’incontrano in una sorta di caustica collezione di tableaux vivents amaramente spassosi, in cui auto-contemplarsi con un pizzico di compiaciuta crudeltà.

Massimo Cappelli (Ascoli Piceno, 1966) si è trasferito a Roma dopo la laurea in legge e ha iniziato nel 1999 a realizzare cortometraggi. Nel 2006 ha scritto e diretto il suo primo lungometraggio, “Il giorno + bello”.

Filmografia/Filmography

Toilette (1999); Il sinfamolle (2000); Ampio, luminoso, vicino Metro (2001); Per Agnese (2004); Tutto brilla (2005); Il giorno + bello (lm, 2006); Bulli si nasce (2008); 41 (2009).

IL TORNEO (THE TOURNAMENT)

Regista/Director: Michele Alhaique

Sceneggiatura/Script: Federico Mazzei Fotografia/Cinematographer: Gianni Giannelli – Scenografia/Set Designer: Elisabetta Zanini – Costumi/Costume Designer: Alessandra Tripletta, Cristiana Agostinelli – Montaggio/Editor: Andrea Maguolo – Musica/Music: Umberto Smerilli – Suono/Sound: Andrea Sileo – Produttore/Producer: Velia Giannuzzi – Produzione/Production: Goodwind Production – Cast: Lorenzo De Angelis, Danilo Meloni, Fabio Scotti, Alessio Attanasio, Giada Fradeani, Giordano De Plano

Italia, Italy, 2008 Fiction 35mm, col. – 15’

Periferia di Roma. Un gruppo di ragazzi sognano di partecipare ad un torneo di calcio. Potranno iscriversi solo se riusciranno a raccogliere i soldi per acquistare l’uniforme della squadra.

Prima di vincere il Premio Speciale della Giuria ad Arcipelago 2008 (concorso nazionale), il film ha debuttato – unico italiano – al Tribeca Film Festival di Robert De Niro, a New York.

Michele Alhaique (Roma, 1979) è diplomato in recitazione al Centro Sperimentale di Cinematografia. Attore di cinema e televisione, nel 2005 ha vinto una Menzione Speciale della Giuria ad Arcipelago con ”Runaway”.

Filmografia/Filmography

Ora (2001); Runaway (2005); Chi decide cosa (2007).