Dal medico in Cina

Leggere bene le avvertenze prima dell'uso.

0
161

Dal medico in Cina: Quello che c’è da sapere per gestire la propria salute in Cina o per affrontare con serenità una visita medica.

Dal medico in Cina

Dal medico in Cina

Quando si affronta un viaggio, che sia per pochi giorni o settimane o che preveda un lungo termine di permanenza all’estero è importante pensare alle proprie condizioni di salute. Spesso per evitare spiacevoli inconvenienti o perdite di tempo si usa portare con se le medicine più comuni o quelle che potrebbero essere in grado di dare un sollievo in caso di problemi di febbre, mal di testa, mal di stomaco, dissenteria e così via. Chi soffre di patologie particolari, nella sua scorta giustamente si premunisce del necessario per le proprie cure, ma come comportarsi nel caso in cui si presentasse un sintomo non preventivato o finisse l'approvigionamento di medicinali?

Le farmacie cinesi

In Cina le farmacie vendono erbe e medicine che sono legate alla TCM (Medicina Tradizionale Cinese) ma in alcune di esse si possono trovare in abbondanza medicinali non tradizionali, questo perché anche in Cina naturalmente viene applicata la medicina in uso in Occidente. Questo avvantaggia i viaggiatori se questi sono a conoscenza dei principi attivi primari delle medicine che comunemente usano, infatti essendo a conoscenza che ad esempio la Tachipirina ha come principio attivo il paracetamolo è semplice ritrovare un efficace equivalente in vendita nelle normali farmacie cinesi.

Per medicinali più specifici invece è necessario rivolgersi alle farmacie internazionali, negli ambulatori medici o negli ospedali che al loro interno hanno una farmacia dove è possibile segnalare il principio attivo e ritrovare i medicinali più idonei. In questo caso internet, se si hanno con se i foglietti delle indicazioni dei medicinali, può essere uno strumento in più per ricercare i termini in inglese e presentare la richiesta di medicinali equivalenti distribuiti da case anche internazionali e che si possono trovare  nelle comuni farmacie cinesi.

Dal medico per il rilascio del libretto di sanità necessario per alcune tipologie di visti

Studenti stranieri e lavoratori non cinesi in Cina pur non necessitando visite ambulatoriali di controllo sono obbligati per ottenere il visto a sottoporsi ad una visita di controllo per il rilascio di un libricino sanitario che ha la validità di un anno. Se si parte dall’Italia con il visto già pronto talvolta si può evitare questa lunga formalità amministrativa, mentre per coloro che si trovano in Cina e non devono rinnovare un visto turistico, il rinnovo implica sottoporsi ad un controllo medico approfondito. La visita, che spesso è veramente una formalità, potrebbe preoccupare chi non si è mai trovato a sostenerne una in Cina, poiché alcuni ospedali nelle schede da compilare hanno ancora presente la voce "visita anale” e controllo “genitali”.

I controlli medici per il visto

ambulatorioQuesti controlli generalmente non vengono effettuati, ma potrebbero essere a discrezione di alcuni medici che preferiscono seguire alla lettera alcune vecchie leggi. Il percorso delle visite da fare comprende: il controllo degli occhi; della lingua e dei denti; viene misurata la pressione; sono controllati gli occhi; viene controllato il peso e l’altezza; viene controllata la schiena; vi è una visita per il controllo del cuore; viene effettuato un controllo con gli ultra suoni sull'addome; viene fatto un prelievo del sangue; è richiesto un campione di urine ed infine è previsto un esame radiologico. Questo ultimo esame, in caso di non reale necessità, solitamente da molti medici occidentali viene sconsigliato.

I raggi non solo sono dannosi per la salute di chiunque si sottopone, ma lo sono in maggior modo per le donne, poiché non sono consigliabili né in gravidanza ma neppure se si decide di avere dopo un po’ dei bambini. Questi infatti possono aumentare le percentuali di complicazioni in gravidanza, al contrario dei raggi ai denti dove alcuni dentisti per rassicurare le pazienti più preoccupate fanno indossare loro un mantellino piombato. Ad ogni modo se si chiede e si spiegano le proprie motivazioni per il rifiuto delle visita radiologica per evitare di sottoporsi ad una inutile radiazione, vi sono medici che non si fanno problemi ad ascoltarvi e non bloccano le carte da compilare per la consegna del libretto sanitario.

richland
Diffidate dagli ospedali nuovi di zecca e lussuosi, se al loro interno non vi è abbastanza personale medico operativo,
poiché in occasione di un'emergenza potrebbero non essere all'altezza della situazione
.
Meglio optare per una struttura avviata già da parecchi anni e con personale collaudato e sempre attivo

Dal medico in Cina per consulenze specifiche o malessere

A causa di un dolore improvviso di cui non riusciamo a capire il motivo, se le indicazioni terapeutiche delle nostre medicine non riportassero i sintomi in atto e se le nostre condizioni invece di migliorare, peggiorassero, bisognerebbe rassegnarsi all'idea che la visita medica è la cosa più intelligente da fare. farmaciacineseIn Cina si può scegliere la via della medicina tradizionale cinese che spesso propone soluzioni di sciroppi a base di erbe, agopuntura, massaggi, etc, oppure si può optare per gli ambulatori dove i medici applicano la medicina occidentale. In questo ultimo caso vi sono diverse cose da prendere in considerazione, ovvero che si possono trovare piccoli ospedaletti che dispongono quasi di tutto, vi sono cliniche private a varie tipologie di stelle (che possono essere applicabili come la scala di misura che si usa per la valutazione degli alberghi) e in alcune città ospedali privati bilingue.

Visite mediche

Quando si decide di sottoporsi ad una visita medica è importante sapere cosa si vuole chiedere al dottore e cercare di spiegare, nella maniera più chiara possibile, i propri sintomi. E’ importantissimo ricercare o farsi aiutare nella ricerca dei termini più chiari e specifici, per evitare spiacevoli incomprensioni dovute a possibili male interpretazioni della lingua.

Infatti che si conosca o no il cinese, che si usi un dizionario elettronico o anche con l’aiuto di un amico cinese o dell’interprete che è presente in certi ospedali internazionali, se per descrivere i sintomi di una forte debolezza dovuta a febbre o avanzata influenza si presenta il caso descrivendo un sintomo come “mi sento le ossa deboli”, si rischia di farsi sottoporre ad un inutile visita ai raggi senza ottenere i medicinali più idonei al proprio caso. Essere diretti e chiari è il modo migliore per evitare lunghe visite o trattamenti immotivati che alcuni medici propongono solo perché non hanno compreso bene il vostro caso e per questo seguono una ferrea prassi.

Se non volete perdere un’intera giornata a farvi fare delle flebo o delle sedute di ossigeno, che di sicuro non fanno danni, ma magari non migliorano neppure le vostre condizioni è bene informarsi accuratamente per comunicare le vostre specifiche condizioni di salute, a meno che non siano evidenti e palesi. Se avete delle allergie o sapete di aver già avuto problemi simili a quelli che presentate, è bene informare il medico delle cure che avete seguito.

Cure non idonee? Rivolgetevi altrove

Se vi imbattete in personale medico che non vi presta attenzione e vuole sottoporvi a cure che non ritenete idonee fate come avreste fatto nel vostro paese d’origine, ovvero rivolgetevi ad un altro specialista finché non trovate quello che comprende le vostre richieste.

Sfortunatamente a volte in Cina è possibile, come potrebbe accadere anche in altre parti del mondo, trovare anche del personale medico che non è specializzato nel settore di cui si ha bisogno immediatamente al momento, ad esempio parlando con una ginecologa non è detto che abbia le conoscenze di ostetricia e quindi in grado di rispondere a tutte le domande ed esigenze di una paziente gravida. Se la comunicazione si muove da entrambi i lati potete essere sicuri di aver trovato uno specialista che risolverà per il meglio il vostro caso anche perché la dedizione per la propria attività porta i professionisti cinesi ad impegnarsi con serietà nella propria attività.

Pubblicato originariamente su Planet China vol.01, giugno 2009