I giornali pubblici

0
81

giornali-al-muroNelle strade delle città di quasi tutta la Cina si possono ancora trovare i giornali pubblici, ovvero i celebri dazibao, nome specifico dei giornali appesi, che alla lettera significa giornale/murale a grandi caratteri.

La loro nascita risale ai tempi delle dinastie, ma è all’epoca della rivoluzione culturale che con Mao diventano un comune mezzo sia di alfabetizzazione poiché affissi nelle bacheche pubbliche per permetterne la lettura a tutti, sia politico. Quest'ultimo scopo viene introdotto il 25 maggio 1966, quando una giovane professoressa dell’Università di Beijing, invitò a prendere una posizione concreta fra la fazione maoista e gli oppositori. Il 1 giugno dello stesso anno fu proprio Mao a riconoscerne l’effettivo valore di propaganda politica. In passato, i dazibao, si differenziavano dagli altri giornali poiché erano interamente scritti a mano in caratteri molto grandi, che ne facilitavano la lettura. Attualmente i dazibao che si trovano in tutta la Cina sono stampati, non contengono esclusivamente contenuti politici, ma sono molto simili ai quotidiani e ai giornali disponibili nelle edicole.

 

News originariamente pubblicata su Cina Magazine no. 5, Gennaio 2009