I servizi segreti inglesi accusano la Cina di spionaggio

0
66

I servizi segreti inglesi, l’MI5, hanno apertamente accusato la Cina di spiare i top manager inglesi allestendo trappole per ricattarli o acquisire informazioni illegalmente utilizzando mezzi informatici. Secondo il rapporto del MI5, agenti dell’Armata Popolare di Liberazione e del Ministero della Pubblica Sicurezza avrebbe in più occasioni avvicinato importanti uomini d’affari inglesi alle fiere offrendo regali o ospitalità presso lussuosi alberghi. I regali, per lo più gadgets elettronici come memory stick, videocamere o macchine fotografiche, contenevano nelle loro memorie trojans per bucare i loro computer. MI5 ha pubblicamente accusato la Cina di essere la minaccia di spionaggio più grande. Secondo gli agenti britannici inoltre, i cinesi si sarebbero spinti molto più in là, bersagliando email di funzionari e di compagnie legali. “Qualunque azienda inglese è ha rischio se possiede informazioni utili ai Cinesi”. In passato venivano utilizzate anche strategie basate sul sesso. Ricordiamo il caso di Ian Clement. Questo evidentemente non è un periodo felice per la diplomazia cinese, recentemente accusata da più parti: a Google di spionaggio e di limitare la libertà, dall’India, per gli attacchi informatici, dal governo americano di limitare i diritti e infine dal governo britannico per questo caso di spionaggio industriale. E’ un caso che i malumori contro la Cina stiano emergendo contemporaneamente in più parti del mondo? Probabilmente no, e probabilmente nell’ultimo biennio i servizi segreti cinesi sono stati piuttosto attivi.