Rossi fiori dal Tibet

0
33

Nel Tibet dei primi decenni del Novecento, un luogo insieme fiabesco e lontano da ogni stereotipo, dove bellezza e violenza sono inseparabili e le accecanti distese rosso fuoco dei campi di papaveri rimandano alla tragica diffusione dell’oppio, si snoda la saga della dinastia Maichi.

Di Alai

Cartonato | 480 | Rizzoli | 2002 | ISBN: 8817870595

Potenti signori feudali dal potere illimitato, i membri del clan si muovono tra rivalità familiari e lotte di potere, amori e sconfitte, in un intrecciarsi di eventi dove le personalità dei molti protagonisti, primitive e ricche di fascino, emergono con grande evidenza narrativa. A raccontare è la voce di un membro dell’ultima generazione, un giovane idiota che vive la propria limitatezza come occasione di libertà, e sa osservare cose e persone con uno sguardo che, da ingenuo, si rivela straordinariamente acuto. Attraverso gli occhi di questo idiota sapiente catastrofi naturali e vicissitudini politiche, tradizioni e superstizioni, crudeltà e follie raggiungono una risonanza simbolica, e la struttura del romanzo di formazione acquista nuova profondità nel dipingere non solo la storia di un uomo e di una famiglia, ma quella di un paese, e di un universo culturale. Un Tibet rivestito dei colori del mito, dunque, ma lontano da ogni facile mitizzazione, che Alai, autore di etnia tibetana che ha scelto di parlare del suo paese in lingua cinese, ha proposto con ricchezza stilistica e forza evocativa tali da rendere il romanzo un caso letterario e insieme politico. Salutato dalla critica cinese come uno dei capolavori della contemporaneità, titolare in patria di grande attenzione da parte del pubblico e subito tradotto – con successo – negli Stati Uniti, “Rossi fiori del Tibet” si candida a rappresentare, accanto alla Cina del premio Nobel Gao Xingjian, un aspetto, ancora poco noto ma non meno affascinante, dell’immenso continente orientale.