I guerrieri di terracotta. I codici segreti dell'esercito imperiale

0
99

Narra la leggenda che nel 210 a.C. il primo imperatore della Cina unificata, Ch'in Shi Huang Ti, stabilì che alla sua morte il proprio corpo avrebbe dovuto essere vestito di giada e immerso in un lago di mercurio.

di M.M. Cotterell

Cartonato | 355 | Corbaccio | 2004 | ISBN: 8879726110

Questo lago, all'interno di una piramide, sarebbe stato protetto da un esercito immortale. Come Tutankhamon in Egitto, il nobile Pacal in Messico e Viracocha in Perù, Shi Huang Ti insegnava la superscienza del Sole e la spiritualità ai livelli più elevati. Secondo la leggenda, alla sua morte si sarebbe tramutato in drago e sarebbe volato fino al sole, per vivere in eterno.
Nel 1974 gli archeologi scoprirono il primo degli oltre 8000 guerrieri di terracotta a grandezza naturale che erano stati sepolti nei pressi del sepolcro di Shi Huang Ti, confermando così che la leggenda non era solo mito. Ma per quale motivo si era deciso di seppellire un esercito così imponente e pesante, dove ogni soldato pesa più di mezza tonnellata? Doveva semplicemente fare da guardia all'imperatore nel suo viaggio ultraterreno?
Grazie alle sue conoscenze su come e perché gli antichi avessero cifrato le proprie nozioni per poi celarle nei tesori, Maurice Cotterell decifra i segreti, a lungo perduti, dell'esercito cinese di terracotta, per rivelare il messaggio d'addio del primo imperatore e svelare i segreti di Paradiso, Inferno e immortalità.