Gli scacchi di Mao. Il wei-ch’i e la strategia rivoluzionaria cinese

0
34

L’autore avanza, in quest’opera, la tesi che un antichissimo gioco cinese, il we-c’hi, meglio noto con il nome go, possa costituire un modello concettuale per l’azione politico-militare di una forza storica della Cina, come il Partito Comunista di Mao Zedong.

di Scott A. Boorman

Brossura | 244 | Luni | 2004 | ISBN: 8874350511

I princìpi che Boorman enuclea sono sostanzialmente quattro: il ‘wei-c’hi è un gioco di lunga durata, in cui l’aspetto strategico è assolutamente prevalente sull’aspetto “offensivista”; la modellizzazione “wei-c’hi” della guerra è quella di una “guerra a mosaico; i concetti di “vittoria” e “sconfitta” subiscono un ribaltamento poiché il sacrificio di pedine e la ritirata, sono parte integrante dell’offensiva; il gioco sulla periferia della scacchiera è strategicamente cruciale.

Curatore : R. Tresoldi