I QING ( DINASTIA MANCESE) ( 1644-1911 d.C.)

0
200

Apogeo e declino della Cina Imperiale

I Mancesi appartenevano alla stessa stirpe dei Nuzhen. Il ceppo dei Jianzhou all’interno dei Nuzhen era il più progredito ed era quello a cui interessavano scambi commerciali più intensi con la Cina. Sotto Yongle i Mancesi si avvicinano maggiormente alla Cina.

1446 I Mancesi vengono sconfitti da un esercito sino-coreano per dissidi avvenuti in seguito al deterioramento dei rapporti commerciali.

1480 Vengono abolite le restrizioni commerciali nei loro confronti.

1536 Ricominciano le incursioni dei Nezhen. Viene inviato il generale Li Chengliang (1526-1618) che riporta l’ordine. Le truppe del generale uccidono un capo Nuzhen.

1583 Nurhaci (1559-1626) viene eletto capo tribù dei Jianzhou.

1593 Sconfigge una tribù Nuzhen, gli Haixi.

1616 Nurhaci si proclama Gran Qan dei Da Jin.

1618 Attacca i Ming. Conquista Fushun.

1619 Coloni Russi fondano sul fiume Jensej la città di Jenisejsk.

1621 Conquista di Shenyang da parte di Nurhaci.

1625 Shenyang diventa la nuova capitale. Si allea con i Mongoli orientali, applica una serie di riforme, stabilisce una rete di posti fortificati, fa registrare la popolazione civile, emana i primi regolamenti e leggi.

1627 Nurhaci muore. Gli succede Abahai (Huang Taiji) (1627-1643). Cambia il titolo di Imperatore dei Da Jin. Continua l’opera di riforme del predecessore. Viene sconfitto dal generale cinese Yuan Chonghuan (1584-1630).

1632 I Russi creano la colonia Jukutsk.

1637 Yuan Chonghuan invade la Corea e la conquista.

1640 I Russi soggiogano i Mongoli Buriati.

1644 Con il tacito consenso di Wu Sangui i Mancesi invadono la Cina. Ad alcuni generali cinesi che avevano aiutato i Mancesi vengono assegnati dei governatorati ad ampia autonomia. Anche Wu Sangui gode di questo privilegio.

1647 Koxinga, il cui vero nome era Zheng Chenggong (1624-1662), stabilisce la sua base a Jinmen e Xiamen. Inizia una serie di operazioni militari e di scorrerie nel Zhejiang, nel Fujian e nel Guangdong.

1651 I Russi fondano la città di Irkutsk. Viene costruita una chiesa a Pechino.

1653 I Russi sconfiggono i Cinesi.

1658 Koxinga viene sconfitto a Nanchino. I Cinesi cacciano dallo Heilongjang i Russi.

1661 Koxinga sbarca a Taiwan e scaccia gli Olandesi dall’isola. Muore Shunzhi. Le tendenze alla sinizzazione si fermano. Con la salita al trono di Kangxi, dopo un breve periodo durante il quale prevalgono le tendenze dell’antica aristocrazia Mancese si ritorna alla politica di sinizzazione. E’ ristabilito il Consiglio Interno, l’Accademia Hanlin, si promuove l’ideologia Confuciana, vengono fatte concessioni alla classe dirigente Mancese.

1662 Il figlio di Koxinga subentra alla morte del padre e cerca un’alleanza con gli Inglesi.

1673 L’Imperatore Kangxi (1662-1722) decide di estendere il proprio effettivo anche su questi governatorati. Wu Sangui si ribella. Molti generali si uniscono a lui e per un primo periodo sembra possibile sconfiggere i Mancesi.

1678 Wu Sangui muore e i ribelli vengono sconfitti.

1679 Kangxi indice esami straordinari ed invita numerosi studiosi alla compilazione della storia ufficiale della dinastia Ming. Non pone nessun ostacolo al buddismo e simpatizza per i Gesuiti. E’ obiettivo nelle controversie fra Mancesi e Cinesi. Promuove il miglioramento delle condizioni economiche del paese e patrocina le lettere e le arti.

1681 Si conclude la ribellione con il suicidio di Wu Shifan, nipote di Wu Sangui.

1683 Il figlio di Koxinga viene sconfitto.

1685 I Cinesi ricacciano i Russi recidivi. Gli Zungari proteggono il Dalai Lama.

1689 Il 7 settembre viene redatto il primo trattato tra una potenza Europea, la Russia ed i Cinesi in latino, mancese, mongolo, cinese e russo.

1696 I Cinesi sconfiggono gli Zungari.

1699 Gli Inglesi ottengono il permesso di aprire uffici commerciali a Canton.

1719 Blocco commerciale Cinese contro la Russia.

1720 I Cinesi sottomettono gli Zungari.

1727 Secondo trattato con i Russi, quest’ultimo definisce le frontiere dei territori mongoli. Vengono aperti i mercati di confine.

1728 Anche i Francesi ottengono permessi per aprire uffici a Canton.

1723 Muore Kanxi e sale al trono Yongzheng. Sottopone lo stato ad un rigido controllo e ristruttura il governo. Yongzheng risana le finanze dell’Impero e si dimostra tollerante verso tutte le religioni favorendo il lamaismo ma rimanendo ostile verso i missionari cristiani.

1736 Sale Qianlong. Estende i confini dello stato.

1757 Gli Zungari vengono soppressi.

La crisi e la fine dell’impero

L’eccessiva crescita della popolazione porta ad un forte abbassamento delle condizioni di vita ed il decadimento del sistema di manutenzione delle acque crea gravi ripercussioni in campo agricolo.

1772-1788 Inquisizione letteraria. Negli ultimi anni del Regno Qianlong dilaga la corruzione.

1774 Rivolta del Loto Bianco.

1781-1784 Rivolte Musulmane della Nuova Dottrina.

1784 Gli Americani aprono uffici a Canton.

1786-1788 Rivolta della Società del Cielo e della Terra.

1796-1804 Rivolte sostenute dal Loto Bianco.

1813-1814 Rivolta della Setta del Principio Celeste.

1839-1842 Gli Inglesi a causa delle restrizioni Cinesi riguardo il commercio dell’oppio, invadono Canton, Shanghai e Ningbo. L’incremento delle vendite dell’oppio porta ad un crescente drenaggio d’argento. (Prima Guerra dell’oppio)

1842 Si conclude la prima guerra dell’oppio che vede la cessione di Hong Kong alla Gran Bretagna, l’apertura di più porti ed il pagamento di una forte indennità.

1844 Clausole di extraterritorialità per la Gran Bretagna. Analogo trattamento per Stati Uniti e Francia.

1851 Viene occupata Yong’an dagli Hakka (famiglie ospiti), minoranza formata soprattutto da battellieri, trasportatori e contadini.

1852 Gli Hakka rompono l’accerchiamento delle truppe imperiali ed occupano il Guanxi nord-orientale, lo Hunan sud-occidentale, lo Hubei; quindi dilagano nella regione del delta dello Yanzijiang e del Zhejiang.

1853 Scoppia la rivolta dei Taiping, capeggiata dall’Hakka Hong Xiuquan (1813-1864), viene fondato il ” Regno Celeste della Grande Pace” con capitale a Nanchino. Viene attuata una riforma agraria ispirata al sistema del jingtian. E’ soppresso il commercio privato e la comunione dei beni, la società viene divisa in Ku, gruppi di 25 famiglie. Nasce una concezione politica nazionalista antimancese. Con Hong Rengan (1822-1864) c’è un’apertura verso le innovazioni occidentali e un aumento dei diritti femminili.

1853-1855 Rivolta dei Piccoli Coltelli. Occupano Shanghai, ma vengono schiacciati da un contingente francese.

1853-1868 Rivolta a basi contadine dei Nian (filiazione del Loto Bianco).

1854 Le Truppe di Zeng Guofan (1811-1872) esponente della gentry, organizza milizie private contro Taiping. Conquista Wuchang.

1854-1864 Sorgono le concessioni, aree urbane con amministrazione indipendente e sotto il controllo delle legazioni straniere.

1854-1873 Rivolta dei Miao.

1855-1873 Insurrezione Musulmana.

La penetrazione imperialista e la crisi

1856 Scoppia la seconda guerra dell’oppio.

1858 Trattato di Tianjin, la Cina deve pagare una forte indennità, deve aprire altri porti e concedere la libera circolazione ai mercanti. Trattato Russo di Aigun. La Russia si annette 500000 km.

1860 Alle truppe di Zeng Guofan si affiancano le armate di Chu e Huai. Trattato di Pechino. Le potenze occidentali ottengono le esenzioni doganali e il libero accesso alla rete fluviale cinese. Accordo Russo di Pechino. La Russia si annette 250000 km ed anche l’apertura di nuove frontiere di commercio.

1862 Il movimento Yangwu della gentry, tenta di reagire alle minacce esterne ed interne potenziando la Cina.

1864 Cadono Hangzhou e Nanchino.

1864-1871 La Russia si annette altri territori.

1874 I Giapponesi occupano Ryukyu e attaccano Taiwan.

1876 Trattato commerciale con la Corea.

1876-1885 Nuove facilitazioni per gli stranieri ottenute con la forza.

1895 Trattato di Shimanosaki, i Giapponesi ottengono la penisola del Liaodong, Taiwan, le Pescadores e il predominio sulla Corea. La Cina viene di fatto frazionata in sfere di influenza.

Rivolta dei Boxer, fine dell’Impero e rivoluzione repubblicana

1898 Sorge nello Shangdong il movimento dei Boxer. E’ un movimento xenofobo ed antiMancese.

1899 I Boxer diventano filo Mancesi attraverso l’opera del governatore Yuxian.

1900 Le potenze straniere impongono alla Cina la sostituzione di Yuxian con Yuan Shikai che reprime il movimento. Le bande dei Boxer si riversano a Pechino e a Tianjin. Il 21 giugno l’Imperatrice Cixi dichiara guerra alle potenze. In agosto un corpo militare straniero entra a Tianjin e a Pechino. L’azione punitiva è molto brutale.

1901 Protocollo delle potenze nei confronti di Pechino. La Russia invia truppe in Manciuria. Abolizione del componimento a 8 gambe. Creazione di un esercito moderno.

1902 Il Giappone si allea con la Gran Bretagna. Rinnovamento delle Accademie e creazione dell’Università di Pechino.

1904 Esplode la guerra russo-giapponese che si conclude con la vittoria dei Giapponesi.

1905 Trattato russo-nipponico di Portsmouth che decreta la preminenza giapponese nel Nord-Est. Vengono soppressi gli esami di stato. Sun Yat-sen fonda in Giappone la “Lega” nel cui programma sono inseriti i 3 principi del popolo : nazionalismo, democrazia, benessere.

1906 E’ istituito il Ministero per l’istruzione, Ministero della Guerra e viene attuata una riforma istituzionale.

1907-1911 Sun Yat-sen organizza 8 insurrezioni che vengono tutte represse nel sangue. Si decide la nazionalizzazione della linea ferroviaria di Pechino-Hankou, si crea così una reazione di malcontento dei notabili che fonda la Lega per al Protezione delle Strade Ferrate. La polizia reprime le manifestazioni nel sangue. Come risposta la Società Segreta dei Fratelli Maggiori organizza bande di contadini.

1908 Muore l’Imperatore Guangxu.

1909 Muore Cixi e lo statista Zhang Zhidong. Sale Puyi (Xuantong) a soli 3 anni.

1911 In ottobre insorgono i militari della Nuova Armata. Proclamano la repubblica nello Hubei. Seguono l’esempio molte altre regioni. Gli uomini di Sun Yat-sen creano un secondo centro d’azione rivoluzionaria a Nanchino.

1912 Il primo gennaio Sun Yat-sen viene proclamato Presidente della Repubblica Cinese.