Young & Clouless

0
52

La storia d’amore adolescenziale sensibile ed eccentrica è un genere del cinema indipendente ben rappresentato in alcune cinematografie asiatiche (Giappone, Hong Kong), ma per la Cina continentale si tratta di qualcosa di relativamente nuovo.

YOUNG AND CLUELESS (Qingchun qi)

China, 2006, 103’, Mandarin
Dir: Tang Danian
Scr: Zhao Zhao
Art Dir: Zhao Fei
Ph (color): Li Jun
Music: Du Wei
Ed: Tang Danian, Wang Hai
Prod: Feng Xuedong, Ni Haifeng
Cast: Tian Yuan (Xi), Pu Pu (Qi Qi), Song Ning (Yihuan), Wu Xiaoliang (Yong Liang), Tang Yinuo (Yi Sheng), Chen Minghao (Jingbo), Yan Bingyan (Lao Lang)
Production company: Beijing ATAM Vision Media

Young and Clueless di Tang Danian introduce questa formula nella Pechino d’oggi, e la declina in vari modi interessanti, attraverso atmosfere divertenti, profonde e a volte disturbanti, capitalizzando con sicurezza sulle basi spettacolari caratteristiche del genere.

Il film si divide in due parti: a una storia d’amore tra adolescenti che frequentano la scuola superiore segue sei anni dopo un dramma leggero, ma con sottotoni leggermente sinistri, tra ragazzi di città poco più che ventenni. Il film è incentrato su due amiche del cuore: Xi (Tian Yuan), tranquilla e romanticamente trasognata, e la sua amica Qi Qi (Po Po), più vivace e più ossessionata con la spiritualità. Xi ha una cotta per uno studente affascinante, l’atleta Yihuan (Song Ning). Lui ne è al corrente e organizza il suo piano di seduzione adolescenziale come un professionista consumato. Quando Xi scopre che quel che lei considerava il suo primo vero amore è per lui solo l’ultima di una serie di avventure, comincia a essere ossessionata da un angoscioso sogno ricorrente, in cui si perde in uno luogo buio e cavernoso e, presa dal panico, cerca di trovare una via d’uscita.

Nel frattempo Qi Qi si muove leggiadra fra i muri della scuola, apparentemente ignara della cotta che il secchione occhialuto Yong Liang (Wu Xiaoliang) ha per lei. I consigli spirituali-adolescenziali che Qi Qi (molto interessata ai tarocchi, al Taoismo e all’oniromanzia) dà all’amica Xi, che si strugge per amore, hanno un sapore new age; lei sembra farsi avanti nella vita senza essere ostacolata dalle paure e dai bisogni emotivi della sua più riflessiva amica.

Sei anni dopo, Qi Qi e Xi sono entrambe giovani professioniste a Zhongguancun, lo sfavillante parco scientifico e tecnologico di Pechino. Xi si imbatte casualmente in Yihuan, che ora fa il DJ, proprio mentre Qi Qi incontra Yong Liang sul posto di lavoro. Le due vicende amorose si riaccendono, anche se stavolta in maniera più adulta, da ventenni. Tuttavia, una serie di ostacoli imprevisti fa in modo che essi ripensino inevitabilmente a se stessi come adulti e al rapporto di ciascuno con il proprio vissuto adolescenziale.

Ad arricchire e complicare la trama è un nuovo personaggio, il giovane operaio immigrato Yi Sheng (Tang Yinuo). Totalmente solo in una metropoli dura e alienante, Yi Sheng non può far altro che contemplare Qi Qi, che lui vede di sfuggita nel suo appartamento dall’alto della gru su cui lavora. Di sera, Yi Sheng scopre un uso particolare del tasto di ripetizione delle cabine telefoniche di Pechino: richiama l’ultimo numero in memoria e cerca di coinvolgere chiunque risponda in una conversazione gentile e anonima, nella ricerca di un po’ di conforto. Fortuna vuole che solo Xi sia disposta a parlare con lui, e a raccontargli del sogno che la sta ancora ossessionando sei anni dopo il diploma.

Questo è il secondo film diretto da Tang Danian, meglio conosciuto per le sue sceneggiature dal sapore locale di Beijing Bastards (1993) e Beijing Bicycle (2003). Con Young and Clueless egli ridà smalto a un genere commerciale già ampiamente sfruttato (molto di questo film ricorda le storie romantiche da spiaggia di Taiwan e Hong Kong degli anni Ottanta) con un senso visivo vivido e giocoso e un ottimo controllo dell’interpretazione dei giovani attori. I ruoli da protagonista sono affidati a due giovani attrici “alternative” emergenti: Tian Yuan (che ha ottenuto il premio come miglior attrice emergente all’Hong Kong Film Award nel 2004 per la sua interpretazione di una lesbica in Butterfly) continua a dimostrarsi una delle giovani attrici cinesi di maggior carattere e professionalità. E Po Po, etichettata come modello e idolo alternativo dei giovani cinesi, trasmette a Qi Qi un’energia comica e frenetica che conferisce al film molto del suo splendore.