Love Undercover

0
81

Il team formato dal regista-sceneggiatore Joe Ma e dalla cantante diventata attrice Miriam Yeung migliora sempre più.

Love Undercover - Sun jaat si mui
di Joe Ma Wai-Ho (2002)

Durata: 102'
Origine: Hong Kong
Sceneggiatura: Joe MA Wai-Ho
Interpreti: Miriam YEUNG Chin-Wah, Daniel WU Yin-Cho, Wyman WONG Wai-Man, Raymond WONG Ho-Yin, HUI Siu-Hung, CHOW Chung, Joe LEE Yiu-Ming, Wilson YIP Wai-Shun, Alan MAK Siu-Fai, Matthew CHOW Hoi-Kwong, LEE Siu-Kei, Frankie NG Chi-Hung

Negli ultimi dodici mesi hanno distribuito tre film, a partire da Feel 100% II nel mese marzo 2001. Le cose sono migliorate davvero otto mesi dopo, con Dummy Mommy, Without a Baby. Lontano dai canoni classici della commedia, questo film dal titolo eccezionale ha permesso a Yeung di presentare un personaggio cinematografico meno irritante. Ora lei propone lo stesso personaggio incompetente, LK Fong, in Love Undercover. Questa farsa senza pretese rappresenta un punto alto della carriera di Joe Ma, con la sceneggiatura infarcita di tipiche situazioni da sitcom e battute riciclate che in qualche modo vengono trasformate nella commedia cantonese più divertente dopo Shaolin Soccer dello scorso anno. LK passa da impiegata inetta in Dummy Mommy a poliziotta inetta in Love Undercover. Prendendo liberamente spunto da Una pallottola spuntata e da altre commedie sui poliziotti, LK si vede assegnare ad una missione segreta speciale per incastrare Au Hoi-man, l'attraente figlio di un capo della Triade. Questo mette LK in varie situazioni pericolose e romantiche, che i cineasti sfruttano per il loro potenziale farsesco: dai microfoni nascosti nelle bottiglie di ketchup alle telecamere nelle teiere, dal poliziotto più gentile del Reparto (Raymond Wong) che si spaccia per il magnaccia di LK, all'ufficiale (Hui Siu-hung) che viene scambiato per suo padre, il film non solo fa ridere ma lo fa all'interno di una sceneggiatura che è qualcosa di più di una semplice raccolta di gag. Anche alla premessa, del tutto improbabile, di un bel fusto colto e ricco come Au che si innamora della goffa e volgare LK viene data una spiegazione plausibile. Il film presenta un certo numero di chicche, non ultimi i cameo di grandi malviventi dello schermo come Ng Chi-hung e Lee Siu-kei nei panni di agenti dell'FBI che parlano inglese. Indipendentemente dal contorno e dagli attori non protagonisti, Miriam Yeung domina la scena e riesce a spingere il pubblico a fare il tifo per la perdente cronica LK. Se continua così, Leung potrebbe diventare la primadonna comica dello schermo di Hong Kong.

Paul Fonoroff


Si ringrazia per la collaborazione il Far East Film Festival