The Black Rose

0
78

Una misteriosa ladra che ruba ai ricchi per dare ai poveri sta mettendo paura all’alta società di Hong Kong.

THE BLACK ROSE – Hei mei gui di CHOR Yuen (1065)

Durata: 93′
Origine: Hong Kong
Sceneggiatura: He Bijian
Interpreti:
Patrick Tse Yin, Nam Hung, Connie Chan Po-chu, Lau Kar-leung, Chen Baozhu, Xie Xian, Li Pengfei
Fotografia: Chen Gan

Questo personaggio enigmatico è chiamato Black Rose, la Rosa Nera, perché lascia dietro di sé una rosa nera dopo ogni colpo. Ciò che le vittime non sanno è che ci sono due donne dietro all’eroina della classe lavoratrice, e, come se non bastasse, sono ricche. Le sorelle Chan (Nam Hung e Connie Chan Po-chu) costituiscono il duo Black Rose, muovendosi da casa per le loro missioni a notte fonda. Il pubblico le vede all’inizio del film mentre sono coinvolte in un caso di frode: un ricco finge di perdere un anello di pietre preziose durante un ballo in maschera, e incolpa Black Rose chiedendo un risarcimento. L’investigatore dell’assicurazione Cheung Man-fu (Patrick Tse Yin) viene incaricato del caso e assiste la polizia nella caccia alle due signore vestite in costume da gatta nera. Seguendo le due signore e i loro inseguitori in una serie di deliziose peripezie, Chor Yuen creò con The Black Rose delle eroine destinate a rimanere nel cinema in cantonese. Dalla loro villa sontuosa, completa di passaggi segreti e appropriatamente chiamata The Rose Garden (il roseto), le sorelle Chan sono sempre un passo avanti degli sciocchi poliziotti, fino ad esibirsi in una prova d’astuzia con il detective Cheung nel regolamento di conti finale. Ci sono alcune occasionali scene d’azione (in una appare Lau Kar-leung), ma fondamentalmente il film è coinvolgente per la trama guizzante e per le affascinanti protagoniste, che rubano la scena.

Tim Youngs

Si ringrazia per la collaborazione il Far East Film Festival