Dragon Loaded

0
70

Dragon Loaded, successo a sorpresa dell’estate scorsa, offre al pubblico un primo attore improbabile come Ronald Cheng in una commedia poliziesca farsesca e appena sbozzata.

DRAGON LOADED – Lung gam wai di Vincent Kuk (2003)

Durata: 101′
Origine: Hong Kong
Sceneggiatura: Vincent Kuk, Patrick Kong
Produttore: David Chan, Vincent Kuk
Produzione: Yuk-Lam Pang
Produzione design: Simon So
Interpreti: Ken Chang, Ronald Cheng, Tat-Ming Cheung, Kar-Ying Law, Sam Lee, Chia Yung Liu, Patrick Tang, Stephy Tang, Eric Tsang, Miriam Yeung Chin Wah
Fotografia: Chiu-Lam Ko
Montaggio: Chi-Leung Kwong
Assistenti alla regia: Shek Sui Lun, Siu Ka Man
Musiche Originali: Raymond Wong
Costumi: Yim Man Choy

Il mosaico che compone la trama del film vede il playboy Dragon (Cheng) e i suoi ricchi amici Gold (Cheung Tat-ming) e Hei (Sam Lee) arruolarsi nella polizia di Hong Kong con l’unico scopo di farsi cacciare dal corpo. Malgrado facciano tutto quello che possono per farsi buttar fuori a calci, il loro piano non funziona e vengono trasferiti dall’accademia allievi al programma di addestramento interno. Quando Dragon mette gli occhi sulla nuova collega poliziotta Stephy (Stephy Tang), cerca di dare una ripulita al proprio comportamento e di far colpo su di lei. Il programma di addestramento prevede che le reclute provino tutti gli aspetti del lavoro di mantenimento dell’ordine pubblico ma i tentativi di miglioramento di Dragon risultano squinternati, sotto gli occhi del vice ispettore capo Iron Ting (Eric Tsang). Solo quando Iron Ting è alle prese con una crisi personale senza il supporto della polizia, Dragon ha la possibilità di riscattarsi con un compito eroico. Dragon Loaded si sviluppa attraverso una serie di sketches pieni di comicità demenziale e di allegro nonsense pompato dagli interpreti. Cheng, un cantante che ha attirato l’attenzione del pubblico con una particina in My Lucky Star all’inizio dell’anno, si crogiola nella stupidità attraverso cui deve passare il suo personaggio, dalle ridicole scene di aerobica a una parodia grossolana del programma televisivo Police Report e di una delle sue scene di “vero crimine”. Le sequenze del programma di addestramento interno permettono a Cheng, Cheung e Lee di fare i poliziotti in una gran varietà di ruoli e ci vuole un’ora prima che i registi pongano le basi per un finale d’azione stile S.W.A.T. Oltre ai tre attori maschi, la cantante pop Tang funziona bene nel ruolo della giovane agente che idolatra il perenne poliziotto dello schermo Danny Lee, mentre Brian Ireland fa il poliziotto anziano che si prende il merito di imprese altrui e Jim Chim interpreta un cattivo molto bizzarro.

Si ringrazia per la collaborazione il Far East Film Festival