Confine con il Tibet, sparatoria fra indipendentisti e polizia: 2 morti

0
39

30 aprile 2008 – Peacereporter.net – L’agenzia Nuova Cina riferisce che lunedì sera un poliziotto è stato ucciso mentre stava per arrestare il presunto leader della rivolta anticinese di Qinghai, remota provincia al confine con il Tibet e abitata a maggioranza da tibetani. Ne è scaturita una sparatoria, durante la quale i poliziotti hanno ucciso l’uomo che aveva cercato di opporsi all’arresto. L’agente morto era di origini tibetane e si chiamava Lama Cedain. La fonte ha precisato che c’erano stati incidenti gravi nella contea di Dari, appartenente al Qinghai, e a provocarli era stato un gruppo di persone che volevano l’indipendenza del Tibet. “Dopo un mese di indagini, lunedì la polizia stava andando ad arrestare l’uomo che si riteneva fosse il leader degli oppositori, ma questi ha resistito all’arresto e ha sparato contro i poliziotti”, scrive la Nuova Cina.