Condoms obbligatori nei luoghi pubblici del Zhejiang

0
44

20 Maggio 2007 – Allo scopo di impartire un’educazione sessuale accessibile, responsabile e sicura in Cina, la provincia del Zhejiang ha deciso di essere la prima ad avvicinare tutti cittadini a tale coscienza.

Bar ed Hotel della provincia dovranno per obbligo provvedere a rifornire ai propri clienti i profilattici o altre forme di contraccettivi, pena la multa di 5000 RMB (circa 500 Euro).

La legge che è passata ufficialmente il primo di marzo è una scelta nazionale per combattere la diffusione dell HIV/AIDS e altre malattie trasmittibili per via sessuale. La Cina ha visto crescere il numero di persone che hanno contratto malattie tramite rapporti sessuali occasionali non protetti e la provincia del Zhejiang lo scorso anno ha contato 1859 casi di infetti a causa di sesso non sicuro.

Il Beijing News riferisce che ora nel Zhejiang hotel, bar e luoghi pubblici dovranno essere muniti di macchinette che distibuiscono preservativi o venderli altrimenti i referenti degli spazie o i proprietari e gestori dell’attività dovranno pagare la multa.

L’amministrazione spera che questa nuova legge possa aiutare a fermare la diffusione del HIV/AIDS, che una volta in Cina veniva considerata una malattia unicamente legata all’omosessualità, alla prostituzione e ai fruitori di droghe, ma ora la malattia essendosi diffusa rapidamente nella popolazione cinese ha fatto capire alle autorità governative cinesi la necessità di un’educazione e la pratica di un sesso sicuro.

La decisione di porre obbligatoriamente condoms nelle stanze degli hotels era passata lo scorso autunno in regioni quali lo Yunnan e Guangdong, il fatto è che non in tutti gli hotel viene perseguito lo scopo principale: la salute.

Capita infatti che nelle attività gestite da personale non onesto quello che dovrebbe essere un oggetto di prevenzione venga utilizzato come business per chiedere ai malcapitati clienti ulteriori charges gratuite, in specialmodo con i turisti stranieri. Le cameriere del piano, in accordo con reception riferiscono e successivamente portano confezioni aperte, in modo tale da poter chiedere ai clienti una cifra maggiore oltre all’affitto della stanza, la truffa non è facilmente evitabile, poiché non vi è la possibilità di poter, se non solo a parole, controbattere alla scatola aperta, a meno che non abbiate un terzo testimone: avete affittato la stanza in tre, ovvero siete una famiglia e con voi vi era vostro figlio.

Fonte Originale: Beijing News
Foto: Web