Little Fatty-Xiao Pang ancora star a tre anni di distanza dal boom

0
125

10 dicembre 2006 – La foto, scattata dai suoi compagni a Shanghai fuori da scuola, in un giorno dedicato al volontariato, mentre Qian Zhijun frequentava una lezione incentrata sull’educazione stradale, continua ad essere un tormentone nella rete cinese, nonostante tra un po” ricorrano circa quattro anni dalla sua prima diffusione online in Cina.

L’immagine ritoccata con diverse trasformazioni , è stata successivamente spedita via mail e postata dagli autori dello scatto, alcune fonti sostengono invece sia stato l’insegnate di chimica, tramite catena di sant’Antonio via mail e passaparola, a far conoscere il suo faccione paffuto per il mondo.

Senza conoscere la sua identità ed il suo nome o la circostanza che aveva creato lo scatto ed il perché fossero stati fatti i fotoritocchi, molti si sono affezionati al suo volto. L’immagine dell’adolescente era giunta anche alle caselle di CinaOggi circa tre anni fa, con la faccia di Qian Zhijun, sui manifesti di film, sui corpi di personaggi dei cartoni animati o dipinti d’arte. Milioni di cinesi conoscono il suo volto ed infatti, il suo viso tondo è apparso nuovamente anche nelle più recenti locandine cinematografiche. E’ iniziata così una lunghissima serie di foto ed immagini alterate posizionando la sua faccia ovunque e su chiunque, e molti hanno avuto così modo di familiarizzare ed imparare a conoscere meglio PhotoShop, cercando di ricreare sul suo viso, ombre, luci, colori etc della foto originale presa per la modifica. Alcuni riportano che se l’accaduto premedita una cospirazione, di sicuro è stata creata dall’Adobe, in modo tale che il mercato cinese conoscesse PhotoShop e ne apprezzasse la creatività e l’uso. Ogni qualvolta che esce un film, potenzialmente da blockbuster molti ora si aspettano di vedervi riprodotta la sua faccia sulla copertina, locandina o sui poster.

Qian era venuto a conoscenza del trend di usarlo come “faccia copri tutto” in un internet café, quando una donna avvicinandolo chiedeva se era proprio lui “Xiao Pang”, cioè il ragazzino cicciotto trasformato in Harry Potter dello screensave del suo computer. Il teenager aveva confessato di essersi sentito umiliato e non avendo saputo cosa rispondere di essersene andato. Non ha idea di chi possa aver fatto la foto e neppure di chi con pazienza certosina abbia elaborato i primi fotoritocchi.

Ma ha cercato di farsi coraggio. Questo faceva sorridere le persone. Ancora studente, lavora part-time ad una pompa di benzina come assistente, guadagnando circa 1000 RMB al mese (circa 100 Euro), ma spera di diventare un TV chef, nei programmi televisivi cinesi.

Qian vorrebbe recarsi a Pechino invitato dalla Chinese Central Television per apparire alla trasmissione Tell the Truth, un talk show molto famoso in Cina. Dice di non aver preparato nessuno speach, ma di voler unicamente rispondere alle loro domande.

Ama cucinare ed il suo desiderio è spiegare alla gente come si può mangiare meglio insegnando a cucinare e gustare i cibi, oppure gli piacerebbe lavorare nel mondo dello spettacolo come entertainer. Dice di non saper né ballare, né cantare, ma ritiene di avere la faccia adatta per le pubblicità o doppiare i cartoni animati.

Un giovane timido, che arrossisce facilmente, grazie a Photoshop è segnato come una delle faccie più riconoscibili in Cina, poiché il numero di volte che il suo volto è stato usato per sostituire l’originale è ormai incontabile. Il suo volto ha scatenato la fantasia di molti cinesi, che dopo aver visto le versioni già esistenti si sono sentiti stimolati nel crearne di nuove e sempre più complesse.

Tra i personaggi ha cui ha dato il suo volto ricordiamo anche Mona Lisa, Marilyn Monroe, Jackie Chan, Austin Powers, Tom Hanks (chi non conosce bene la locandina ha creduto che rimpiazzasse la faccia di Jean Reno), Johnny Depp.

Questo fenomeno ha dato modo di comprendere anche quanto sia immediata e veloce la comunicazione via internet per i cinesi e quale sia il rapporto con la grafica, la creatività e la conoscenza dei mezzi informatici e la voglia di usarli per esprimere qualcosa di comunemente noto ma specificamente personale.

Ad un concerto, delle ragazze sghignazzanti avevano assolutamente voluto una foto con lui. La timidezza lo ha portato a rifiutare. Ha ribadito di aver sentito quello come il peggiore dei momenti, ma proprio per questo Qian alla fine ha deciso di cercare il miglior lato di ogni situazione. Non ama per nulla un lavoro di cucitura della sua faccia fatto male e odia se quando la sua faccia viene usata su immagini pornografiche o sul corpo di donne nude. La madre di Little Fatty vorrebbe prendere dei provvedimenti legali, quando accadono fatti del genere, ma il vero problema è che non è possibile risalire a chi è artefice del fotomontaggio.

Se obbligato a dover decidere una delle foto dove è stato incollato il suo volto, riferisce di non essere totalmente dispiacito nei panni di Russell Crowe nella locandina del Gladiatore, poiché il corpo di un eroe. Il suo mito è Jim Carrey, subito dopo la pubblicazione di questa dichiarazione, sono state postate online numerosissime immagini della faccia di Qian sul corpo di Jim Carrey.

Oramai anche per chi lo conosce bene il nickname è divenuto Little Fatty, questa cosa lo ha anche spinto a provare una dieta, l’anno scorso e sottoporsi quotidianamente ad un regime di esercizi ginnici. E’ riuscito infatti a perdere 10 kg, ora il diciannovenne pesa all’incirca 100kg.

Se prima era un adolescente depresso e a disagio per la sua mole, ora si sente a suo agio, vede le situazioni e le affronta con più sicurezza e con mente tranquilla e rilassata, perché ora ha capito di essere simpatico ed apprezzato.

Ha già moltissimi imitatori: di recente si è esibito con sei di loro e una dozzina di danzatrici che riproponevano la sua ormai celebre smorfia ed espressione facciale.

Numerosi sono i fan clubs a lui dedicati e vi sono migliaia di siti con la sua faccia, ma non ha guadagnato nulla dalla circolazione del suo volto, se non solo la fama.

La gente continua ancora a fermarlo per strada chiedendo se sia proprio lui il leggendario Xiao Pang, ma ora sembra invece voler sfruttare l’occasione e per questo collabora alla gestione di un sito, fondato in seguito alla sua fama chiamato con il suo nickname, fondato da Gao Feng. Il sito ha come scopo quello di aiutare le persone sovrappeso, dando consigli e trucchi per un’alimentazione corretta. Il web designer Gao inizialmente aveva creato da solo il sito per offrire consigli agli obesi ed aveva conosciuto successivamente Qian, dopo essere stato da lui contattato.

Il giovane aveva scritto numerose e-mail per confermare di essere lui il reale Xiao Pang, ma nessuno aveva voluto credere che quel ragazzino cicciotto dall’aria timida avrebbe avuto mai il coraggio di dichiarare la sua identità ai media cinesi. Anche Gao, non aveva creduto che la lettera fosse davvero sua, infatti era già accaduto che qualcuno si spacciasse per lui per trarne dei benefici economici. Successivamente Qian aveva inviato una serie di foto di vita quotidiana che dimostravano la veridicità della sua lettera, così Gao aveva scoperto il vero Xiao Pang. Gao ha deciso di divenire il manager del ragazzo, poiché ritiene di comprendere quello che prova e crede che ora possa avere più chances per un futuro migliore.

Il ragazzo ha dimostrato di aver superato l’imbarazzo iniziale e di aver più fiducia e coraggio in sé, affrontando quotidianamente e confrontandosi, nel website www.xiaopang.cn, con gli utenti.

Ha preferito infatti considerare l’accaduto come un’opportunità, una chance ed ha anche raccontato che agli inizi i primi navigatori non credevano che lui fosse il reale Little Fatty.

Da quando è stato dichiarato pubblicamente che nel sito vi è lui, registrato i navigatori cinesi, consci di ciò, continuano ad iscriversi numerosi. Alcuni hanno mandato dei messaggi dove dichiaravano di apprezzare molto il suo carattere, la sua pacatezza e la sua fiducia nel futuro.

Nonostante sia ora necessario presentare i propi dati personali reali, per creare un sito internet personale o blog, molti utenti non si scoraggiano e accettano questo compromesso pur di poter accedere o creare una rete di scambio di contatti, comunicazione ed informazione. La nuova rivoluzione culturale passa per il web, questa storia dimostra chiaramente che internet è sempre più importante nella Cina moderna, poiché è fortemente un punto di scambio e luogo di diffusione della creazione.

All’epoca della prima circolazione online bloggers o utenti di chat intenazionali si sentivano dispiaciuti per il giovane Qian; addirittura vi era chi si scusava nel diffondere la notizia, poiché riproponeva il lato grottesco della faccenda: il metterlo sul palco dai connazionali ed il fatto che fosse deriso in numerosissimi siti. Se ora sapessero che per lui non è più fonte d’imbarazzo magari gioirebbero assieme a Qian per il successo e la simpatia che continua a riscuotere. Come già avevano iniziato a fare gli internet surfer che trovavano il suo volto così amichevole da scommettere che anche lui ne ridesse di gusto.

Molti per arrivare alla ribalta dei media debbono lavorare un’intera vita, ma Qian con una sola foto è stato catapultato nel mondo dei media online quasi fosse una nuova icona della pop art. La sua storia continua a fare il giro dei giornali di tutto il mondo, chissà se prossimamente lo vedremo anche sulle pagine del Corriere della Sera .