Shijie, The world

0
87

Tao vive i suoi sogni al World Park, dove si possono visitare I più famosi monumenti del mondo.

Shijie - The World - Il Mondo (2004) di Jia Zhangke

Durata:
140’
Origine:
Cina
Produttore:
Shozo Ichiyama
Produzione:
Office Kitano, Xtreem Picture, Lumen Films
Distribuzione:
Celluloid Dreams
Montaggio:
Kong Jing-lei
Sceneggiatura:
Jia Zhang-ke
Fotografia:
Yu Lik-wai
Interpreti:
Zhao Tao, Chen Tai-sheng, Jing Jue, Jiang Zhong-wei
Musica:
Lim Giong
Scenografia:
Wu Li-zhong
Costumi:

Tao vive i suoi sogni al World Park, dove si possono visitare I più famosi monumenti del mondo. La bella ballerina e i suoi amici si esibiscono ogni giorno in fastosi spettacoli nel parco a tema.
Tao e il suo ragazzo, la guardia del parco Taisheng, sono venuti dalle province settentrionali alcuni anni fa. Ora il loro rapporto è giunto a un bivio. A Taisheng piace Qun, una disegnatrice di moda che ha incontrato durante un viaggio a casa. Tao trova rifugio nei voli infantili della sua fantasia ogni volta che deve affrontare la vita da adulta. Anche le colleghe di Tao hanno i loro viaggi sentimentali. Non tutti coloro che vengono a Pechino con grandi speranze riescono ad avere un lavoro. Molti, come l'operaio Erxiao, si ritrovano in una realtà molto più aspra. Ma nonostante il divertimento e la magia, anche il microcosmo del parco a tema può cambiare.

Commentario

«Nel 1993, mi sono trasferito dalla Cina settentrionale a Pechino per frequentare l’università. Una volta, i miei genitori hanno fatto un viaggio in treno di dodici ore solo per vedermi. Insieme andammo a vedere il “World Park” che era stato appena inaugurato in periferia. Ci sono 109 repliche in scala di monumenti famosi, come le Piramidi, il Taj Mahal, la torre Eiffel, la Casa Bianca, il monte Fuji. È come fare un viaggio intorno al mondo in un giorno. Mi pareva che il resto del mondo ci fosse vicino, ma invece il mondo era lontano. Quando Deng Xiaoping salì al potere, la gente cominciò a sperare di nuovo. La popolazione era rimasta isolata per tanto tempo e poteva ora cominciare a pensare al mondo con interesse. Con il tempo che passa, siamo sopraffatti da ondate di veloce urbanizzazione. In Shi jie, volevo catturare la nostra ricerca dell’anima adesso. Dopo aver girato tre film nella mia Cina del nord, ho mutato la mia estetica dalla piccola città alla metropoli. Credo che l’idea di “mondo” non sia astratta, può essere anche l’altro lato della città»

Jia Zhang-ke